MARINA MILITARE: ULTIMA VISITA DI NAVE MAESTRALE A CIVITAVECCHIA

La fregata Maestrale della Marina Militare arriverà sabato 28 novembre nel porto di Civitavecchia, una delle ultime tappe della sua campagna navale e che le ha fatto toccare numerosi porti italiani, prima di concludersi a La Spezia il 7 dicembre per l'imminente dismissione dopo oltre 30 anni di vita operativa.

La nave è stata consegnata alla Marina Militare nel 1982, prima unità frutto della legge navale del 1975 che, con le altre navi “gemelle” della classe “Venti”, ha rappresentato la spina dorsale della Squadra Navale per tutti gli anni di attività operativa in tutti i mari del mondo.

Lunedì 30 novembre a bordo di nave Maestrale si terrà una conferenza stampa in merito alla campagna navale in corso e alla sua visita nel porto di Civitavecchia.

Nei giorni di sosta, durante le visite alla nave a favore della popolazione, sarà possibile vedere una mostra fotografica storica sulla Grande Guerra e una sulle moderne attività della Marina Militare chiamata “Maritime Security 360°”.

Particolare attenzione sarà rivolta al sociale e alla beneficenza: a bordo di nave Maestrale sarà possibile donare a favore della ricerca per la cura delle malattie genetiche attraverso i “cuori di cioccolato” di Telethon.

Nave Maestrale ospita una mostra itinerante allestita dal WWF Italia sul tema della salvaguardia delle tartarughe marine e che spiega con una esposizione di immagini, disegni e modelli di tartaruga la biologia di questi animali e i pericoli che corrono nel Mediterraneo.

Per essere sempre aggiornati sulle attività della Marina Militare sarà possibile abbonarsi alla Rivista Marittima o al Notiziario della Marina e acquistare il calendario 2016 che quest'anno è costruito con gli scatti inviati dal nostro personale, marinai che hanno colto attimi di vita a bordo di navi, sommergibili, elicotteri e aerei.

Programma Civitavecchia:

Programma della sosta nel porto di Civitavecchia
ORARIO EVENTO
28/11/2015 PM ARRIVO A CIVITAVECCHIA

29/11/2015
10:00 –11:30 VISITA ASSOCIAZIONE MOTOCICLISTI FORZE ARMATE

11:30
ESIBIZIONE BANDA MUSICALE MARINA MILITARE E PLOTONE ALTA
RAPPRESENTANZA DELLA BRIGATA MARINA SAN MARCO
(PRESSO PIAZZA DELLA VITA)

12:00 – 14:00 VISITA CORSO “MAESTRALE”

14.30 -17:00 VISITE A BORDO

 

Approfondimenti
Nave Maestrale è stata la prima unità dell'omonima classe di otto fregate lanciamissili antisommergibile – la cosiddetta Classe Venti, composta dalle navi Maestrale, Grecale, Libeccio, Scirocco, Aliseo, Euro, Espero e Zeffiro – ad essere varata nell'ormai lontano 2 febbraio 1981 per poi essere consegnata alla Marina Militare l'anno successivo, il 18 febbraio 1982.

Si tratta di navi che hanno rappresentato la vera spina dorsale della Squadra Navale, partecipando con successo a numerose ed importantissime operazioni a tutela degli interessi nazionali nei mari del mondo. Più di trenta anni fa la costruzione e l'entrata in servizio di queste Unità rappresentò il rilancio operativo della nostra Flotta e testimoniò al mondo l'eccellenza della cantieristica italiana.

 

 

About Redazione

Check Also

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

Remo Anzovino in concerto alla Casa dell’Architettura

Il Maestro Remo Anzovino in concerto il 23 maggio alla Casa dell’Architettura Il pianista e compositore, definito il «musicista dell’arte» per le sue collaborazioni cinematografiche, si esibisce in un concerto per piano solo, che apre il suo tour estivo, in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità organizzata dall’OAR - Ingresso gratuito con prenotazione del posto LINK PRENOTAZIONI. INGRESSO GRATUITO Una capacità evocativa che riesce a raccontare in musica le immagini e le visioni generate dall’arte e dall’architettura, intrecciando le corde delle emozioni in un linguaggio fruibile e comprensibile per un pubblico sempre più vasto. Sono alcuni dei tratti distintivi dei «viaggi» musicali di Remo Anzovino, compositore e pianista definito per le sue collaborazioni cinematografiche «il musicista dell’arte». Il Maestro si esibirà dal vivo alla Casa dell’Architettura (piazza Manfredo Fanti, 47), nella suggestiva cornice del complesso monumentale dell’Acquario Romano, il prossimo 23 maggio (ore 21), con un concerto per piano solo che sarà la prima tappa del suo tour estivo. Il grande appuntamento, in cui si celebreranno i 20 anni di carriera di Anzovino, si svolgerà in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità – a chiusura del programma che l’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia organizza con cadenza annuale per la ricorrenza della strage di Capaci (leggi l’articolo di presentazione della giornata: LINK) -, lanciando attraverso la bellezza – della musica, dell’arte, dell’architettura – un messaggio contro ogni forma di illegalità. L’ingresso al concerto è libero e gratuito, previa registrazione e prenotazione del posto al seguente LINK Con oltre 30 milioni di streaming in 180 paesi nel mondo e 21 album pubblicati, il Maestro Anzovino ha composto le musiche dei più importanti film realizzati per la serie «La Grande Arte al Cinema» (Vincent Van Gogh, Frida Kahlo, Picasso, Monet, Gauguin, Pompei, il Museo Egizio), vincendo nel 2019 il Nastro D’Argento – Menzione speciale «Musica dell’Arte» per le colonne sonore originali, in grado di rendere «più intensa la narrazione aggiungendo emozione alle emozioni che l’Arte riesce ad esprimere al grande pubblico attraverso il successo degli eventi speciali di cui è protagonista» -, riconoscimento che quest’anno è stato attribuito come miglior film d’arte a «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» di cui Anzovino è autore della colonna sonora originale. Il compositore e pianista – nato a Pordenone, nel 1976, da genitori napoletani – è da sempre sensibile alle tematiche sociali e umanitarie, nel 2023 ha tenuto un concerto nel carcere di Poggioreale, ha firmato le musiche del documentario «Respiro di Inverno», realizzato dalla Croce Rossa Italiana per il primo anno della guerra in Ucraina, ed è stato scelto come unico musicista per un concerto tenuto al Teatro Opera Carlo Felice di Genova, in memoria delle vittime del ponte Morandi, nel quinto anniversario del crollo. Il suo ultimo album è «Don’t Forget to Fly», pubblicato nel maggio 2023 per la casa discografica Believe. Il concerto per piano solo che si svolgerà alla Casa dell’Architettura, nella sala centrale dell’Acquario Romano, ripercorrerà la carriera del compositore con i suoi grandi successi, sarà presentato da Marco Maria Sambo, segretario OAR e direttore di AR Magazine, coordinamento a cura di Emanuela Petrone. «L’esibizione del Maestro Anzovino si svolgerà a chiusura di un importante convegno organizzato dall’Ordine per la Giornata della Legalità – spiega Sambo – proprio per dare un segnale di come la poetica della musica e dell’arte possano essere da esempio: dove c’è tanta bellezza non può esserci illegalità. È questo il filo conduttore che intendiamo mettere in luce con un grande concerto gratuito per tutti». La capacità di Anzovino di raccontare e comunicare, attraverso la composizione musicale, emozioni e significati non solo dell’arte ma anche dell’architettura è stata resa esplicita dalla colonna sonora composta dal Maestro per il docufilm «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» – diretto da Giovanni Troilo, con gli attori Jacopo Olmo Antinori (Borromini), Pierangelo Menci (Bernini), sceneggiatura di Luca Lancise, prodotto da Francesco Zippel e Federica Paniccia – andato in onda su Sky e proiettato alla Casa dell’Architettura di Roma il 16 dicembre 2023, in un sala centrale dell’Acquario Romano gremita. «Parlare di Borromini – ha scritto Marco Maria Sambo in un articolo su AR Web pubblicato lo scorso gennaio (LINK) – vuol dire descrivere la poetica architettonica per antonomasia; una poesia barocca fatta di dinamiche spiraliformi e morfologie organiche: è una sorta di musica dell’arte e dell’architettura e, anche per questo motivo, Remo Anzovino ha centrato perfettamente, con la sua colonna sonora, l’essenziale anima borrominiana conferendo ulteriore grandezza a questa opera filmica di Troilo, come nella storia è sempre avvenuto con grandi maestri come Rota, Morricone, Williams, Zimmer e tanti altri che sono riusciti a dare sostanza a scene e piani sequenza già meravigliosi in sé, regalando profondità attraverso le note, superando il tempo e lo spazio».

Lascia un commento