Il 1 luglio Piera Degli Espostie Pino Strabioli al Gay Village

Venerdì 1 Luglio 2016 Aula Pop ore 22.00 il GAY VILLAGE
presenta WIKIPIERA con Piera Degli Esposti e Pino Strabioli

Il racconto, lungo una vita, di Piera Degli Esposti e Pino Strabioli… Tra palcoscenico e realtà

Un gioco, un racconto. Ma soprattutto un percorso a ritroso. È questo e molto altro ancora Wikipiera: l'incontro spettacolare tra l'immensa Piera Degli Esposti e l'eclettico Pino Strabioli, che il 1 luglio dalle ore 22.00 andrà in scena nell'Aula Pop del Gay Village College.

Tra i banchi del Parco del Ninfeo all'Eur, Piera Degli Esposti verrà accompagnata da Pino Strabioli in questo viaggio nel passato. L'attrice testimonia, partendo dalla propria infanzia, l'essenza di un modo di fare e vivere il ormai appartenente al passato. Il singolare gioco teatrale è dunque, un gioco fra i due che tende a mettere in evidenza il lungo percorso dell'attrice. Ma è soprattutto un'occasione per raccontare i curiosi episodi che hanno attraversato la sua carriera attraverso i brani dei grandi autori del passato come Joyce, Campanile e Beckett.

La grande amica Dacia Maraini scrive di lei : “Piera ha la capacità miracolosa di rispettare i testi che interpreta, mentre li trasforma e li fa suoi. Insomma conosce l'arte di convogliare l'incompiutezza nella compiutezza. Un'arte rara e difficile che rivela una consapevolezza colta dei testi, nel momento in cui fa partire il processo di metamorfosi”.

About EZrome

Check Also

“La grotta del Mutamembra”: un’avventura per cuori gentili al Centrale Preneste Teatro

#Teatro #Famiglia #Crescita #EZrome Il 3 marzo 2024, "La grotta del Mutamembra" porta al Centrale Preneste Teatro di Roma un'avventura fiabesca che sfida bullismo e pregiudizi, celebrando la forza della gentilezza e dell'amicizia.

Guglielmo Castelli incanta Villa Medici con il nuovo Art Club

#ArteContemporanea #Cultura #Innovazione #EZrome "Art Club #38" a Villa Medici presenta "Guglielmo Castelli a Villa Medici", un'esposizione che unisce storia e modernità attraverso le opere dell'artista torinese, in un dialogo continuo tra arte, letteratura e natura.

Lascia un commento