Lunedì, 21 Gennaio 2019

amazon prime video

DuneTommaso ha diciassette anni e fotografa ogni cosa, di continuo.

Il mare, click. Sua madre Giulia, click. Le nuvole che si rincorrono, click. I suoi scatti, raccolti in un album intitolato Il mutare dei giorni, documentano i tanti momenti di un ragazzo che si affaccia alla vita con timore e curiosità. E le cose, per Tommaso, sono davvero mutate.
Dopo l’improvvisa morte del padre lui e la madre hanno lasciato la casa di Trastevere e si sono trasferiti sulla costa pontina, in una torre saracena a picco sul mare. E’ lì, nell’estate del 1980, che lo scrittore romano Carlo Molinari ambienta il suo ultimo romanzo Dune (Castelvecchi Editore), racconto potente e sensuale della più universale delle esperienze personali, il primo amore.
E’ tra le dune che scoppia l’amore tra Tommaso e Elena, una donna più grande di lui di vent’anni. La loro è una passione sferzata dal maestrale, intrisa di sabbia e sale, inebriante come il profumo del mirto. Molinari affida sapientemente alla natura i moti del sentimento senza età, certo che le parole da sole non riuscirebbero a contenerlo. Poi allunga lo sguardo verso le isole di Ponza e Palmarola, che stanno per scomparire in lontananza: “Era come la sua vita, quel sole al tramonto. Un’altalena di luce, di colori forti e spessi. E di tramonti rapidi e inquietanti.”

Carlo Molinari, com’è l’amore tra Tommaso e Elena?
CM: E’ certamente come tutti gli amori che esistono. Di sensazioni non dette, di passione, di sentimenti che annullano il tempo... ed è proprio il tempo che nella storia gestisce tutto, che plasma e cambia i sentimenti, i corpi, le emozioni. Il tempo che è come le dune e come la passione, sempre uguale e mai lo stesso. E’ un amore che non è scontato, quello tra Tommaso e Elena, e che non ha massime, che non vuole insegnare nulla. Dà soltanto emozioni, che durano spesso tutta la vita.

Nel suo romanzo la natura della costa laziale più che sfondo è protagonista. Cosa rappresenta?
CM: La natura di quel tratto di costa, non lo nascondo, fa parte della mia vita. E della mia adolescenza, come quella di Tommaso. Fortunatamente ha fatto parte anche del resto della mia vita, e l’ha cambiata e plasmata come il vento fa appunto con le dune. Ogni adolescente ha un luogo cardine, dove sono passati amicizie ed amori che possono durare a lungo, molti per sempre... l’adolescenza è una polveriera di fuochi d’artificio coloratissimi, pronta ad esplodere per un nulla. E l’età matura, quella di Elena, è il momento in cui si tirano le carte della vita; ne può uscire una qualsiasi, di carta, o di sentimento. Si può continuare a barare o si possono scoprire tutte. 

E Roma invece, la città in cui tutto è cominciato?
CM: Roma è da dove è partita la storia del romanzo, è il punto di partenza di ogni mio spunto, ogni idea, ogni sensazione. In riferimento al romanzo, è il luogo della vita, ma anche della morte del padre di Tommaso. È il luogo del ritorno, dell’amore logico, della coscienza. E per me è veramente tutta la mia vita.

Lei, oltre che scrittore, è anche medico e cantautore. Quale disciplina l’aiuta maggiormente a capire la realtà?
CM: Percepire la realtà è come percepire l’immaginario. Nulla e tutto sembra vero e possibile, e soprattutto l’opinione, la nostra opinione, cambia a seconda di chi giudica e del metro che viene usato. Dal punto di vista del medico, si può avere contezza di una realtà cruda, per nulla magica, dove comunque piovono costantemente gocce di vera e grande umanità. Dal punto di vista dello scrittore o del cantautore, la realtà è essenzialmente magica; è quello che si vuole che sia, in peggio o in meglio... e comunque è una realtà sempre emozionante. 

Dune
di Carlo Molinari
Castelvecchi Editore    

Carlo Molinari è nato a Roma. Oltre che scrittore, è anche cantautore. Formatosi nel Folk-Studio di Roma, è autore del CD La fortuna di un giorno qualunque (2001).
In campo narrativo ha pubblicato Bisturi&Diamanti (Marlin Editore, 2007), Come vento nelle risaie (Castelvecchi, 2011), Breve storia di Hector Broch (Amazon, 2013), Racconti (Pagine, 2013).

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.