VAN GOGH L’uomo, l’opera, il tributo alla fotografia” al Teatro Palladium

Mercoledì 26 ottobre – ore 20,30 – Patrizia Genovesi in “VAN GOGH L'uomo, l'opera, il tributo alla

Palladium
Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma
Biglietti:
intero €10 – studenti €5 (con tesserino)

“Prima sogno i miei dipinti, poi dipingo i miei sogni.” Vincent Van Gogh

Mercoledì 26 ottobre alle 20.30, nella suggestiva cornice del Teatro Palladium dell'Università Roma Tre, nel cuore del “quartiere degli artisti” della storica Garbatella, Patrizia Genovesi, attraverso un appassionato racconto, illustrerà l'opera di Van Gogh artista deriso e amato, discusso e imitato, collezionato, oggetto di un vero e proprio culto.
La pittura di Van Gogh emoziona oggi come ieri uomini di ogni parte del mondo, dialoga con la contemporanea fotografia alla quale ha donato importanti contributi e ci regala suggestioni meravigliose.

“Non posso cambiare il fatto che i miei quadri non vendono. Ma verrà il giorno in cui la gente riconoscerà che valgono più del valore dei colori usati nel quadro.” Vincent Van Gogh

Una serata dedicata all'opera di Van Gogh, al suo percorso tecnico, ai misteri che avvolgono la sua vicenda personale e artistica, alla sua tecnica rivoluzionaria e sorprendente.

“Non vivo per me, ma per la generazione che verrà.” Vincent Van Gogh

Teatro Palladium – Università Roma Tre
Sito web: teatropalladium.uniroma3.it/
Prevendite:
biglietteria.palladium@uniroma3.it; tel. 327 2463456

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento