Gasometro 2016: omaggio all’artista Paz con Claudio Santamaria, giovedì 21 luglio

“GASOMETRO 2016”, OGGI OMAGGIO CINEMATOGRAFICO ALL'ARTISTA “PAZ” CON CLAUDIO SANTAMARIA. TUTTI GLI APPUNTAMENTI DEL WEEKEND

Giovedì 21 luglio l'omaggio all'artista Andrea Pazienza con la proiezione di “Paz!”. Stasera e domenica altri due appuntamenti teatrali.

Terzo weekend di programmazione per il “Gasometro 2016”, il grande evento dell'Estate Romana, al suo quarto anno di vita. Tra e musica, arte e spettacolo, al “via” questa settimana anche la rassegna cinematografica, che proseguirà fino all'11 agosto, per poi riprendere a fine agosto sino al termine della rassegna estiva. Il primo appuntamento, stasera, sarà dedicato all'artista Andrea Pazienza, giovedì 21 luglio alle ore 20:30, a 60 anni dalla sua nascita.

L'artista, scomparso nel 1988, sarà ricordato stasera con la proiezione di “Paz!” (ore 21.30), film di Renato De Maria. Ospite d'eccezione Claudio Santamaria. Durante la serata, a partire dalle 20.30, nello spazio tra il Ponte della Scienza e l'ingresso del teatro, i giovani artisti allievi della Scuola Romana dei Fumetti eseguiranno dal vivo disegni omaggio all'artista d'adozione pugliese. Inoltre, grazie alla collaborazione con il quotidiano “La Repubblica”, sarà possibile sfogliare i primi volumi di Tutto Pazienza, raccolta in uscita in queste settimane insieme al giornale.Ci saranno, ancora, videoproiezioni e filmati nel cinema di Gasometro,che racconteranno l'opera di Andrea.

FOCUS SULLA SERATA “PAZ!”
LA BIOGRAFIA DELL'ARTISTA – Andrea Pazienza nasce a San Benedetto Del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, il 23 maggio del 1956. La famiglia vive a San Severo, in provincia di Foggia, dove Andrea scopre il disegno e sperimenta il suo talento. «Il mio primo disegnino riconoscibile l'ho fatto a 18 mesi – dice su Corto Maltese di novembre del 1983 – Era un orso. Questo testimonia quanto era forte in me il bisogno di disegnare». Ha solo dodici anni quando si trasferisce a Pescara per studiare. Qui prende il via la sua carriera, sia per la realizzazione dei primi fumetti che per le frequentazioni artistiche che lo portano a esporre prima e a diventare poi, giovanissimo, cotitolare della galleria “Convergenze”, frequentata da pittori e intellettuali della città abruzzese. Sbarca a Bologna nel 1974 per iscriversi al Dams, ma sarà subito completamente assorbito dal lavoro di fumettista e non si laureerà mai.

L'Italia si accorge di lui nel 1977, quando la rivista Alter Alter pubblica “Le straordinarie avventure di Pentothal”. Entra a far parte della rivista Cannibale, fondata da Stefano Tamburini e Massimo Mattioli. L'attività di fumettista diventa sempre più il centro della sua vita: Andrea diventa sempre più famoso e ricercato, avviando collaborazioni in più campi e in più città. Fumetto, illustrazione, grafica, ma anche teatro e cinema, con Roberto Benigni che non lo accredita fra i collaboratori per “Il piccolo diavolo” ma poi gli dedica il film. A Montepulciano nascono il romanzo grafico “Pompeo”, che tanto ci dice di lui, così come Astarte e alcune delle sue storie più importanti, e a Montepulciano trova la morte, nella notte del 16 giugno 1988. Pochi giorni dopo la sua scomparsa, si apre a Peschici la prima mostra che avrebbe dovuto tenere insieme al padre Enrico. È sepolto nel cimitero di San Severo. Aveva detto al padre: “Se mi dovesse succedere qualcosa, voglio solo un po' di terra a San Severo, e un albero sopra”.

LA SCHEDA DEL FILM – “Paz!”, di Renato De Maria, con Flavio Pistilli, Claudio Santamaria, Max Mazzotta, Matteo Taranto, Rosalinda Celentano, Iaia Forte, Vittoria Puccini. 102 min. – Italia 2002. SINOSSI: Siamo a Bologna alla fine degli anni '70. In un appartamento, in Via Emilia Ponente 43, convivono senza mai incontrarsi, ma solo sfiorandosi, tre personaggi: Pentothal, Enrico Fiabeschi e Massimo Zanardi, detto Zanna. Questo è il racconto di 24 ore nella vita di questi ragazzi: dalle quattro del mattino all'alba del giorno successivo, storie di mondi paralleli che convivono nello stesso spazio, cominciando e finendo alla stessa ora.

GLI ALTRI FILM DI GASOMETRO 2016 – Ricchissimo il cartellone del cinema all'aperto, che comprende circa 100 sedute. Venerdì 22 è il turno di “Birdman”, mentre giovedì 28 la proiezione speciale del film “Suburra”. Venerdì 29 luglio si potrà assistere a un grande classico, “The Rocky Horror Picture Show” di JimSharman, mentre giovedì 4 agosto sarà il turno di “Pranzo di ferragosto” di Gianni De Gregorio. Nei giorni successivi, quelli del 5 e del 9 agosto, l'amore pop di “(500) giorni insieme” di Marc Webb e quello drammatico di “Romeo + Giulietta di William Shakespeare” di BazLuhrmann. Il 10 e l'11 agosto rispettivamente, “Frida” di Julie Taymor e “Juno” di di Jason Reitman. La rassegna cinematografica si concluderà a settembre con “Escoriandoli” di Antonio Rezza, il 10 e 11 settembre, e una retrospettiva sul Maestro Caligari, il 14 e 15 settembre.

GLI APPUNTAMENTI DEL WEEKEND – Per quanto riguarda la rassegna teatrale, il 24 luglio andrà in scena “Le ragazze di via Savoia 31” di e con Elisabetta Tulli. Regia di Eugenio Dura, musiche originali Andrea Calandrini. Per chi vuole ballare, al Faro sabato arriva Festiva 2000, la nuova formula musicale dell'estate, all'insegna degli anni più giovani, quando tutto era sfarzoso e scintillante, gli Anni 2000; al Borgo, invece, Fare festa, l'appuntamento dove Soul, Punk e Reggae vengono rivisitati da giovani artisti, attraverso melodie, ritmi travolgenti e il calore di sax, trombe, chitarre, bassi e percussioni.

Teatro Gasometro:
da Via del Porto Fluviale, altezza Ponte dell'Industria

About EZrome

Check Also

Premio ADUIM: un ponte tra musica e accademia al Teatro Palladium

#PremioADUIM #MusicaClassica #Cultura #EZrome Al Teatro Palladium, la prima edizione del Premio ADUIM celebra l'incontro tra musica e accademia, premiando "La Senna festeggiante" di Vivaldi, esempio eccellente di sinergia tra ricerca musicologica e prassi esecutiva.

“Finché morte non ci separi?… -La Menzogna dell’Amore-” in scena al Teatro Tordinona

#Teatro #ViolenzaSulleDonne #Cultura #EZrome "Finché morte non ci separi?... -La Menzogna dell'Amore-", in scena al Teatro Tordinona, affronta con coraggio le dinamiche del femminicidio e della violenza sulle donne, ispirandosi a storie reali. Uno spettacolo che invita alla riflessione e al cambiamento.

Lascia un commento