Chicago: a Roma la prima data italiana

Parte il 9 luglio all’Auditorium Parco della Musica il tour italiano dei Chicago. Il gruppo, che è nato nella città del Michigan da cui prende il nome, è un simbolo del rock americano anni ’70 e ‘’80, secondo solo ai Beach Boys.
‘If you leave me now’  e ‘Hard to say I’m sorry’ sono le loro hits più conosciute, ma tantissimi sono i loro successi, che li hanno portati a vendere 38 milioni di dischi negli Stati Uniti, vincendo 22 dischi d’oro, 25 dischi di platino e 8 di multiplatino.
Del nucleo storico fanno ancora oggi parte il fiatista Walter Parazaider, i multistrumentisti Lee Loughnane e James Pankow, e il cantante, chitarrista e tastierista Robert Lamm, ma la band ha saputo rinnovarsi negli anni dando al rock una vena progressive jazz e sperimentale.
Dopo un Grammy Award, diversi American Music Awards, una stella sulla Hollywood Walk of Fame e una strada di Chicago intitolata a loro, i Chicago hanno conquistato il tredicesimo posto nella lista della rivista Billboard riservata ai primi cento artisti di tutti i tempi.
Info 06-892982

About DZ

Check Also

Al Museo Pietro Canonica la mostra “Questo è Aquilino figlio del vento”

#MostraEquina #MuseoPietroCanonica #EZrome Dal 21 maggio al 15 settembre 2024, il Museo Pietro Canonica ospita la mostra "Questo è Aquilino figlio del vento". I ritratti dei cavalli Rospigliosi dalle collezioni capitoline", celebrando i celebri cavalli del principe Camillo Rospigliosi attraverso opere di Johan Reder e Paolo Monaldi. Ingresso gratuito a Villa Borghese. Un'occasione unica per gli amanti dell'arte e della cultura ippica.

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

Lascia un commento