ChROMAticaFESTIVAL Edizione Zero allo Spazio Factory del Macro Testaccio

ChROMAticaFESTIVAL Edizione Zero, da un'idea di Laura Pietrocini e Giuliana Bof.
Spazio Factory del Macro Testaccio, Roma. Dal 5 al 7 maggio e dal 12 al 14 maggio 2017
Direttore artistico Laura Pietrocini
Consulenza artistica Eduardo Tasca
Madrina Simona Borioni
INGRESSO LIBERO

ChROMAtica Festival , dopo il grande successo di pubblico e di critica riscosso nel primo week end di questa manifestazione, riprenderà venerdì 12 maggio 2017 alle ore 17.00 nello Spazio Factory del Macro Testaccio a Roma con nuovi importanti appuntamenti.
Questa manifestazione nasce da un'idea di Laura Pietrocini e Giuliana Bof, in seguito a un progetto da loro realizzato sul compositore russo Alexander Scriabin. La direzione artistica è di Laura Pietrocini, la consulenza artistica è curata da Eduardo Tasca con la collaborazione di Flavia Frazzi. Madrina del Festival è l'attrice Simona Borioni, con la partecipazione straordinaria fra gli altri di Giada Desideri, Myriam Fecchi, Pino Gagliardi, Cinzia Malvini e Marzia Ponzi.
ChROMAtica è un evento unico nel suo genere. Prima edizione assoluta a Roma del festival multidisciplinare che coinvolge tutte le forme d'arte e fa della “SINESTESIA” l'anima del progetto. Linea conduttrice sono i Colori per “percepire insieme”, per esempio il colore di un suono, il profumo di una parola, il gusto di una luce. ChROMAtica Festival, rivolto a qualsiasi fascia di età riuscirà, inoltre, a creare un'ambita comunione e interazione tra tutte le arti.

L'idea nasce dalla ricerca del compositore Scriabin, del rapporto tra suono e colore, che ha stimolato le due ideatrici ad ispirarsi ai Colori come veicoli in grado di coinvolgere ed attrarre le diverse discipline artistiche. Promosso da Roma Capitale, Assessorato Sport e Politiche giovanili, Spazio Factory, Zetema – Servizi museali, con il patrocinio della Regione Lazio. Prodotto dall'Associazione Ars Trio di Roma in collaborazione con Arte2o e Ottava Srls.

ChROMAtica presenta un nuovo modo di fruire la e di concepirne le molteplici declinazioni. Le capacità recettive dello spettatore saranno messe alla prova grazie alla fusione delle molteplici forme di espressione artistica, ciascuno dei partecipanti ne uscirà con un messaggio diverso, senza imposizioni dualistiche “pubblico/artista”. Non solo: il Festival avrà l'obiettivo di avvicinare alla cultura considerata ‘alta' anche i target generalmente esclusi attirando un ampio pubblico, soprattutto giovane, e sfruttando una location alternativa.

Il coinvolgimento dell'Università John Cabot di Roma, dell'Accademia Internazionale Musicale di Roma, dell'Accademia del Lusso di Roma, del Liceo Coreutico – Convitto V. Emanuele II e del Conservatorio Ottorino Respighi di Latina prevedrà attività laboratoriali alla fine delle quali saranno prodotte delle opere che entreranno a far parte del festival.
Dopo le prime tre giornate all'insegna dei colori: BIANCO-NERO, ROSSO, VERDE, ad ogni colore sono state abbinate delle parole chiave, utilizzate per richiamare i diversi punti di vista emozionali ed associativi:
Venerdì 12 maggio '17 sarà il momento della giornata del GIALLO, sabato 13 maggio quella del BLU e per la giornata di chiusura sarà il momento della POLICROMIA, che verranno presentate da da Pino Gagliardi giornalista e conduttore e da Cristina Caruso, giornalista del tg 2.
Nella giornata dedicata al GIALLO Oro, Sole, Luce, Energia di VENERDI' 12 MAGGIO, la Dottoressa Isabella Salvagni, storico dell'architettura, ci introdurrà nel mondo del Giallo conducendoci nel 1500, presentando il suo libro “Il destino manifesto: gli Aldobrandini di Clemente VIII e la Minerva”. Seguirà una performance dell'attrice Elena Costa Prima, proseguiremo sulle note di “Jaune: l'or de France, musica e danza alla corte del Re Sole”, concerto di musica barocca a cura dell'Associazione Schola Palatina e realizzato dall'ensemble “La Vertuosa Compagnia de' Musici di Roma”. Sulle stesse note danzerà la compagnia “ della Memoria”, coreografati da Claudia Celi, danzatrice e studiosa di danza storica che chiamerà il pubblico ad interagire e scatenarsi in un gioco di corte. Il giallo prenderà poi vita nelle mani degli Hairstylist del gruppo artistico di Intercoiffure Italia. Vedremo la creazione di acconciature suggestive ed eccentriche che evocheranno la magnificenza e l'assurdo di Luigi XIV e la sua corte. I giovani stilisti dell'Accademia del Lusso di Roma, presenteranno una luminosa capsule collection di abiti ispirati dal fascino dirompente del giallo.
La giornata dedicata al BLU Mare, Equilibrio, Cielo, Riflessione di SABATO 13 MAGGIO, si aprirà con la presentazione del libro ”Esercizi di felicità” di Alessandro Cozzolino. L'attore Mauro Santopietro e la pittrice Ambra Nadalini si esibiranno in “Da pagina 870”: un estratto da “I fratelli Karamazov” di F. Dostoevskij. Pittura e voce, per una lunga intervista al diavolo, capace di farci porre delle domande sulla necessità della fede e sull'umanità di una figura così astratta ed eterea. La musica di Olivier Messiaen (Quartetto per la Fine dei Tempi) sarà protagonista del concerto a cura dell'Ars Trio di Roma assieme al clarinettista Giampiero Sobrino. Li accompagnerà nella lettura dei versetti lasciati da Messiaen, l'attore Mauro Santopietro. La danzatrice Dana Terracina interpreterà “Moostar” con coreografia di Sally Anne Friedland. Tra il pubblico una performance di danza degli allievi del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II – Liceo Coreutico, a cura di Alessandra Di Segni ispirata dalla celebre opera di Vincent van Gogh: “La notte stellata”.
Seguirà la performance degli allievi del corso di stylist dell'Accademia del Lusso di Roma. Ci porteranno a scoprire gli spazi infiniti tra cielo e mare, attraversando le mille sfumature del blu, tra abiti, design e shooting fotografici. Sarà poi il momento del monologo dell'attore Emanuele Simeoli con la performer Elena Costa, ci immergeremo nel ritmo jazz dello Quartet “Monk's Mood”. Concluderà la serata la cover band di Ciao Rino con “…ma il cielo è sempre più blu” e Dj Set a cura di Freak & C.

La giornata della Policromia (Arcobaleno, Gioia, Uguaglianza, Pace, Arte, Infinito, Amore ) di DOMENICA 14 MAGGIO concluderà il ChROMAtica Festival con una grande festa: è il momento di far mescolare i colori in un'unica armonia d'insieme. Si mescoleranno quindi anche gli stili e le performance incontrate durante la manifestazione. Il light artist Diego Labonia ci avvolgerà con le sue luci, potremo ammirare le esposizioni fotografiche e pittoriche.
La giornalista e scrittrice Luciana Boccardi interverrà citando il suo libro “COLORI Storia Simboli Corrispondenze” della Casa Editrice Marsilio. Perché diciamo “giornata nera”, “restare al verde”, “andare in bianco”, “vedere rosso”, “feeling blue” come malinconia? Attraverso le nostre preferenze o il nostro rifiuto di un colore emerge chiara una tendenza, una caratteristica del nostro carattere che forse non conoscevamo.
Ascolteremo le stagioni di Vivaldi / Piazzolla con l'Orchestra dell'Accademia Internazionale Musicale di Roma. Violino solista Marco Fiorentini, seguirà una performance corale a cura dei CorAcoR – Napoli Rainbow Choir, un monologo di Ivan Castiglione, un concerto per percussioni dell'Ars Ludi Ensemble – Drumming di Steve Reich, improvvisazioni estemporanee a cura degli allievi del corso di percussioni del Conservatorio di Latina “O. Respighi”. Seguirà la coloratissima musica brasiliana di Susanna Stivali e la sua band live in “Caro Chico”
Tutto lo Spazio Factory è allestito dal Light Artist Diego Labonia con la sua installazione: Near Death, che illuminerà ChROMAtica ogni giorno con il colore che si è deciso di celebrare e il Flower designer Giancarlo Massinelli, che arricchirà con le sue creazioni floreali il festival.
Sempre nel salone principale Paolo Soriani presenterà una mostra fotografica con foto in bianco e nero, che farà da sfondo all'intera manifestazione: Anima/Animale, site project realizzato dal fotografo con la collaborazione di Alessandra Mosca Amapola, artista e performer.
Il fotografo ritrattista Giovanni Savelli, immortalerà gli artisti e gli ospiti del Festival con la sua arte fotografica, proiettando gli scatti contestualmente; alcune delle sue opere artistiche sono esposte all'interno del Festival.

Gli atelier espositivi accolgono:

-per la POLICHROMIA Every color you are, progetto che nasce nell'ambito del corso di Digital Photography tenuto da Paolo Soriani presso la John Cabot University.

-Per il BIANCO Appartenenza frammentata è una collaborazione tra le opere scultoree di porcellana di Kirsten Stingle e le fotografie di Allison Parssi sul progetto teatrale “Limbo”.

-per il ROSSO Arte in Polimeri di Roberto Carullo, un fondale scenico su tela intonacata e aerografata, su cui viene realizzato il disegno in polimeri con la tecnica del mosaico.

-per il NERO le “Anatomie” di Irene Veschi, il mondo di queste composizioni è quasi sacro, grazie alla tensione verticale del supporto e alla presenza di ossa umane, assoluta essenza, sia della vita che della morte.

-per il GIALLO “ORO” di Francesco Bruscia “Il lavoro di Bruscia travalica la realtà per proiettarsi nel mito di una liquida luce smisurata, l'oro scorre dalla sua stessa forza ed il giuoco abbagliante degli specchi è pronto!” cit. Francesco Mea.

-per il VERDE “Archetipi”di Adriana Soares, fotografa, creatrice e pittrice, espone una sua rosa di opere foto pittoriche, in parte nuovamente realizzate per ChROMAtica.

-per il BLU le sue opere e le illustrazioni dell'artista iraniano Ehsan Mehrbakhsh “Provare a far nascere un sentimento o un pensiero dentro una persona che io non conosco è qualcosa che mi muove e mi dà energia e motivazione per creare.”

Per le esposizioni dedicate alla : Gianni Molaro, lo stilista di alta moda fra i più creativi, l'arte contemporanea è per lui fonte di ispirazione, presenterà le sue creazioni in bianco e nero; Filippo Laterza rappresenterà il colore rosso con la sua collezione “Arte”; Giada Curti rende omaggio al colore verde, con abiti in cui la semplicità ne caratterizza l'eleganza. Asia Neri con abiti dalle sfumature dal giallo all'oro; Gabriele Fiorucci Bucciarelli con la sua creazione “Into the Blu” ;
Per la Policromia: Martino Midali presenterà un' esplosione di colori con le sue creazioni . Daniele Ancarani designer delle più famose griffe di calzature, dedicherà un' installazione ai colori del festival.
Molti degli artisti che sono stati presenti nelle giornate del festival, presenzieranno alla serata di chiusura per salutare il pubblico.
Dj set – Chromatica Closing Party
Radio Incontro donna, media partner della manifestazione, seguirà il festival con interviste e collegamenti in diretta, attraverso una postazione permanente. Le esposizioni e performance si svolgeranno ogni giorno fino alle 22,30 per poi proseguire con un Dj set che intratterrà gli ospiti presenti.
Il Festival sarà presente nello Spazio Factory del Macro fino al 14 maggio 2017, il pubblico potrà accedervi gratuitamente.

ChROMAticaFESTIVAL
Edizione Zero
Spazio Factory del Macro Testaccio, Piazza Orazio Giustiniani, 4, 00153 Roma tel: 392 6292946.
da venerdì 12 al 14 maggio 2017
ORARI FESTIVAL: dalle ore 17,00 alle 22,30 dopo le 22,30 Dj set.
ENTRATA LIBERA

About Redazione

Check Also

Ostia Antica Festival: al via la prima edizione il 17 luglio con Vinicio Capossela

#OstiaAnticaFestival #VinicioCapossela #EventiRoma #EZrome Il Teatro Romano di Ostia Antica ospiterà la prima edizione dell'Ostia Antica Festival, con artisti come Vinicio Capossela, Goran Bregović, Patti Smith e Carmen Consoli. La rassegna, organizzata da RTI Teatro Romano Ostia Antica, si terrà dal 17 luglio al 28 settembre, unendo tradizione e contemporaneità in un palcoscenico storico.

Fantastiche Visioni 2024: Paolo Rossi con “Operaccia Satirica” a Parco Chigi

#PaoloRossi #OperacciaSatirica #FantasticheVisioni #EZrome Continua con successo la rassegna estiva "Fantastiche Visioni" di Ariccia. Il 25 luglio, Paolo Rossi porterà sul palco di Parco Chigi il suo spettacolo "Operaccia Satirica – La guerra dei sogni". Biglietti a 5 euro, disponibili al botteghino. In caso di maltempo, l'evento si terrà presso l’Auditorium M. P. Starquit del Liceo James Joyce.

Lascia un commento