Cyberbullismo: premio alla carriera a Oreste Castagna – Al via «Cyberbulli Nooo!

A Oreste Castagna il premio MOIGE alla carriera per essere un personaggio positivo, rassicurante e degno di fiducia “Sono infinitamente grato per questo premio del Movimento Italiano Genitori che dal 1997 è dalla parte dei genitori e dei bambini con risposte concrete alle loro richieste di aiuto.

Ritiro il premio pensando ai 9 milioni e 800mila minorenni presenti in Italia e alle loro famiglie. Vorrei che si sentissero meno soli nello spazio digitale e in particolare contro il cyberbullismo. Navigare in rete è infatti un po' come navigare in mare: occorre una patente per imparare a riconoscere i pericoli, a sapersi comportare e a capire dove trovare un porto sicuro”.

Con queste parole il regista Oreste Castagna, 60 anni il prossimo 28 giugno, nato a Milano ma residente a Bergamo, l'amico dei bambini, dei genitori e degli insegnanti oggi, venerdì 21 giugno, a Montecitorio alla presenza delle Istituzioni, di direttori di rete, autori, presentatori, attori e professionisti della tv e della comunicazione e del web ha ricevuto uno dei 28 Premi MOIGE a programmi tv, spot e canali Youtube di qualità dal MOIGE – Movimento Italiano Genitori nel corso della la XII edizione di ‘Un anno di zapping… e di like 2018 – 2019', la guida critica ai programmi televisivi e ai canali Youtube a misura di famiglia.

Il premio MOIGE alla carriera ad Oreste Castagna, si legge nella motivazione, è per aver accompagnato, in quasi quarant'anni di carriera, generazioni di bambini con programmi divertenti, educativi, innovativi, facendo la storia della tv dei ragazzi e diventando un personaggio positivo, rassicurante e degno di fiducia nell'immaginario dei bambini e dei loro genitori.

Un impegno che continua quello di Oreste Castagna nel contrastare attraverso il progetto «Cyberbulli Nooo!» una grande emergenza sociale, il cyberbullismo che, secondo i dati raccolti dall'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza nel 2018 il ha colpito il 22,2% di tutte le vittime di bullismo. Un'emergenza attualissima, ribadita oggi dalla #Stopcyberbullyingday | 24h Scholas Talks in Vaticano dove in conferenza virtuale da tutto il mondo, dopo il messaggio inviato da Papa Francesco, giovani, rappresentanti delle istituzioni, esperti del campo e partner dell'iniziativa hanno fatto sentire la propria voce alla luce dei dati del 1° report globale sul cyberbullismo della fondazione Scholas.

«Cyberbulli Nooo!» a settembre entrerà nelle scuole di 9 comuni coinvolgendo 1500 studenti: a Cavernago, Palosco, Mornico, Calcinate, Tagliuno, Cividino, Bolgare, Chiuduno e a Sesto San Giovanni.

«Cyberbulli Nooo!» coinvolge gli studenti in prima persona con metodi multimediali e tecniche teatrali. A ognuno di loro viene chiesto di calarsi nei panni dell'altro, immaginandosi ora vittima ora carnefice. Obiettivo: prendere consapevolezza di cosa comporta, davvero, il cyberbullismo. Durante le performance di «Cyberbulli NOOO!», infatti, l'invito è a tenere accesi i cellulari per condividere le proprie sensazioni con il pubblico attraverso la piattaforma www.cyberbulli.com. Internet diventa così un volano di riflessioni, consentendo di raggiungere molte più persone con foto, video, testi non solo virtuali ma anche reali. I ragazzi del pubblico vengono invitati a salire sul palco per agire tra di loro in modo teatrale, provando emozioni vere fatte di sguardi, voci ed esperienze.

Con loro: gli insegnanti e i genitori, perché una comunicazione efficace sul cyberbullismo non può prescindere dal coinvolgimento dei più “grandi” che spesso restano all'oscuro di ciò che accade sul web. Oreste Castagna stimola anche il loro intervento attraverso il racconto di fatti di cronaca e riflessioni che spingono all'azione: parlare, confidarsi, chiedere aiuto. Così, con una modalità laboratoriale, i genitori non sono solamente invitati ad assistere o ad ascoltare, come spesso accade durante le conferenze, ma diventano parte attiva e partecipativa. E lo stesso stimolo è rivolto a enti, istituzioni e associazioni che partecipano al progetto, con l'intento di creare una rete tra i partecipanti affinché tutti, insieme, possano diventare attori del cambiamento.

 

Oreste Castagna, nato a Milano nel 1959 e diplomatosi al D.A.M.S. di Bologna e alla Scuola di delle Grazie di Bergamo diretta da Umberto Verdoni, ha fondato nel 1980 il gruppo di cabaret “Quelli del Bunker” portando per 10 anni i suoi spettacoli in tutti i più noti locali italiani, diventando co-autore dei testi di Zuzzurro e Gaspare.
Dal 1984 inizia la sua collaborazione come attore gag-man con Bruno Bozzetto. È doppiatore per la Bozzetto Film di disegni animati, conduttore di programmi radiofonici, regista di diversi spettacoli per ragazzi, teatro per bambini, spot pubblicitari e video clip in Francia, Italia, Spagna e Inghilterra. Si occupa da anni della realizzazione di progetti artistici dal valore pedagogico/formativo.
Autore molto apprezzato per la sensibilità dimostrata nel trattare temi difficili e complessi, si è distinto per Cyberbulli Nooo!», progetto culturale di grande attualità sviluppato con la collaborazione di Silvia Barbieri e l'associazione culturale Edufactory, realtà che promuove la dell'incontro e della relazione fra le persone attraverso una factory creativa basata sull'arte e l'Associazione Genitori Atena, con il patrocinio del MOIGE.

 

 

About EZrome

Check Also

Rifugio Co-Housing LGBT+ inaugurato a Roma grazie al Gay Center

#inclusione #LGBT #Roma #EZrome Il 17 maggio 2024, in occasione della Giornata Mondiale contro l'Omobitransfobia, è stato inaugurato a Roma il Refuge Co-Housing LGBT+. La struttura, situata in un immobile confiscato alla mafia nel centro storico, offrirà ospitalità a giovani LGBT+ vittime di violenza e discriminazione. Un importante passo avanti per l'inclusione sociale nella capitale.

Andrès Aguyar: da Montevideo a Roma in mostra al Museo della Repubblica Romana

Garibaldi #MuseoRepubblicaRomana #MostraStorica #EZrome Dal 21 maggio, il Gianicolo accoglierà il busto di Andrès Aguyar, luogotenente di Garibaldi. In parallelo, una mostra presso il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina ne esplorerà la vita e le gesta storiche, arricchita da incontri di approfondimento e visite guidate fino al 3 luglio.

Lascia un commento