Spirito di Roma: la Pop Art Italiana in mostra allo Stadio di Domiziano

Spirito di Roma: la Pop Art Italiana in mostra allo Stadio di Domiziano. Dal 16 settembre al 30 ottobre a Piazza Navona l'appuntamento per scoprire da vicino la Pop Art Italiana della Scuola di Piazza del Popolo, un movimento ricordato e raccontato dai suoi protagonisti.

Un periodo storico molto intenso che ha visto nascere, crescere e distinguersi grandi artisti, uomini e , accomunati da un pensiero di vita artistico.
Anticonformista e a suo modo rivoluzionaria, la Pop Art Italiana diventa protagonista di una mostra in programma allo Stadio di Domiziano, dal 16 settembre al 30 ottobre.

SPIRITO DI ROMA – La Pop Art Italiana nella Scuola di Piazza del Popolo ripercorre gli anni del movimento e i suoi protagonisti che, tra i maggiori esponenti, vanta nomi come Mario Schifano, Tano Festa, Franco Angeli, Giosetta Fioroni, Renato Mambor, Cesare Tacchi e Sergio Lombardo. Un salotto di incontri e confronti, quello dell'esperienza romana, in cui pensieri, plasticità, passioni, icone e forme sono diventate storia e tracce da seguire per gli artisti delle generazioni successive.

“Con la mostra SPIRITO DI ROMA si celebra un periodo storico considerato fra i più fertili dell'arte contemporanea italiana – sottolinea Emanuele Lamaro a cui sono state affidate ideazione e realizzazione del progetto espositivo. I protagonisti di quella straordinaria avventura, da molti definita come ‘pop art italiana' o ‘scuola di Piazza del Popolo', erano un gruppo di giovani artisti diversi per estrazione e per linguaggio, che condividevano quel clima culturale di Roma fine anni '50 che li avrebbe in poco tempo condotti alla creazione di un nuovo codice espressivo, per certi versi rivoluzionario, tale da esercitare una duratura influenza sul mondo dell'arte”.

L'esposizione studiata per lo Stadio di Domiziano si propone di rappresentare alcuni squarci di quell'epoca, attraverso opere selezionate, espressione di un decennio “mitico”. Il progetto espositivo è arricchito da documenti ed immagini che intendono far conoscere ai visitatori sia i valori artistici sia alcuni frammenti socio-culturali di un periodo così esaltante, per la città di Roma come per la modernità italiana. “Mai come in quegli anni infatti Roma fu palcoscenico delle nuove tendenze internazionali e gli artisti di Piazza del Popolo ne furono gli attori protagonisti” continua Lamaro.

Ma come è avvenuto l'incontro dei protagonisti che hanno dato forma alla cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo? Emanuele Lamaro l'ha chiesto a Sergio Lombardo in un dialogo con l'artista: “Non c'è stato un incontro formale, ci conoscevamo perché frequentavamo i posti della vita notturna e della internazionale, ma soprattutto perché eravamo molto diversi dagli artisti conformisti dell'epoca – racconta Sergio Lombardo. In Italia c'erano solo due correnti artistiche ufficiali: il Realismo Socialista e un tipo di Passatismo poetico manieristico del “chiaro di luna”. Ambedue le correnti erano tradizionaliste e soprattutto “eteronome”, comunque portatrici di contenuti dirigistici preconfezionati. Ciascuno di noi, pur provenendo da discipline e da esperienze diverse, voleva essere un innovatore anche nel modo di vivere, un “ingegnere della vita quotidiana”, per citare Arvatov. Eravamo liberi, moderni, un po' notturni, un po' esistenzialisti. Ci siamo ritrovati tutti fra Piazza del Popolo e Piazza di Spagna, nella zona dei turisti, degli americani, della nobiltà romana, della vita notturna e abbiamo frequentato le uniche due gallerie che esponevano l'arte internazionale: La Tartaruga di Plinio de Martiis a Piazza del Popolo e La Salita di Gian Tomaso Liverani a Piazza di Spagna.”

PREMIO 2016
e SPIRITO DI ROMA – La Pop Art Italiana
nella Scuola di Piazza del Popolo
Dal 16 settembre al 30 ottobre 2016
Stadio di Domiziano – Piazza Navona 45, Roma
Ingresso esposizione: Via di Tor Sanguigna 3 Roma

About EZrome

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento