Romaest in musica con “Sinatra Meets Basie” per i cento anni dalla nascita di Frank Sinatra

Romaest in musica con “Sinatra Meets Basie”, per i cento anni dalla nascita di Frank Sinatra
Sabato 12 dicembre il chitarrista Delio Barone dirige
la Swingers Orchestra

Sabato 12 dicembre ore 17, secondo piano ingresso nord Romaest si riempirà delle calde note di jazz e swing con l’evento musicale “Sinatra Meets Basie”, in occasione della celebrazione del centenario della nascita del celebre cantante americano Frank Sinatra. Un evento imperdibile, proprio nel giorno del suo compleanno, con il quale Romaest vuole omaggiare la memoria di Francis Albert Sinatra, noto anche con il soprannome The Voice.

Un pomeriggio tra swing e jazz con la Swingers Orchestra diretta dal chitarrista Delio Barone, portando in scena un eccezionale spettacolo incentrato sui brani del periodo in cui Sinatra cantava con l’orchestra di Count Basie diretta da Quincy Jones, in uno dei momenti più jazzistici e swinganti della sua carriera.

Il tradizionale “ottetto” della Swingers Orchestra per l’occasione sarà arricchito da un altro elemento, Riccardo Mei, Riccardo Mei è da venti anni una delle voci per eccellenza della televisione italiana, con diversi programmi all’attivo: è lui che ci spiega le frontiere della scienza su Superquark, ci porta a vedere il mondo con Alle falde del Kilimangiaro, ci illustra i documentari estremi della serie Tabù di National Geographic in onda su Sky, ci racconta i misteri della scienza in Voyager. Oltre a lui e a Delio Barone, sul palco ci saranno Andrea Tofanelli (tromba), Giacomo Scanavini (trombone), Luca Velotti (sax alto e clarinetto), Tom Sheret (sax tenore), Stefano Caniato (pianoforte), Renato Gattone (contrabbasso) e Claudio Bonora (batteria).

Romaest:
GRA uscita 14 – 15 – Autostrada A24 uscita Ponte di Nona – Roma Lunghezza

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento