Antonello Avallone in IO, WOODY E LE DONNE di Woody Allen

dal 26 novembre al 13 dicembre 2015
Antonello Avallone in “IO, WOODY E LE ” di Woody Allen
traduzione A.Episcopi, C.Barberian, D.Gelmini, P.Paolini
con
Cristina Moglia, Giulia Di Quilio, Flaminia Parnasi, Francesca Cati, Claudia Guidi
scene e costumi Red Bodò
regia Antonello Avallone

Antonello Avallone, consacrato, dal 1992, il Woody Allen italiano, dopo aver spaziato da “PROVACI, ANCORA SAM !”, a “OMBRE E NEBBIA”, a “IL PRESTANOME” e aver avuto da Mister Allen l'esclusiva della versione teatrale de “LA DEA DELL'AMORE”, propone uno spettacolo comicissimo, dove, Avallone-Allen, racconta il suo difficile rapporto con il mondo femminile. Attorniato da cinque attrici, indifferentemente in ruoli di uomo e di donna, Avallone affronta un esilarante percorso attraverso quattro atti unici, pochissimo rappresentati, dove Woody è alle prese con femmine analiste, femmine hippies, femmine dominatrici, femmine complessate…femmine.
Uno spettacolo parodia dove, Avallone-Allen veste i panni di un pavido Socrate, di un improbabile
Bogart, di un Abramo in crisi religiosa, tra sogni e incubi, con il punto di vista, noto ai suoi fans,
su tutti i temi principali della vita: l'amore e le donne, la religione, la filosofia.

dell'Angelo
Via Simone de Saint Bon n. 19
tel. 06/37513571- 06/37514258
email: info@teatrodellangelo.it

dal giovedì al sabato ore 21.00 – domenica ore 17.30
REPLICHE SPECIALI:
martedì 01 dicembre ore 21.00 FESTEGGIAMO INSIEME gli 80 ANNI di Woody Allen
martedì 08 dicembre, festivo, ore 17.30

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento