Al via Letterature Festival Off: primi incontri con i candidati al Premio Strega

Si rinnova anche quest’anno la collaborazione tra il Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il contributo della Camera di Commercio di Roma e in collaborazione con BPER Banca, e le Biblioteche di Roma.

Nell’edizione di quest’anno saranno 15 i circoli di lettura coordinati dall’Istituzione capitolina chiamati a partecipare come votanti alla platea di giudici del premio. Fra il 3 maggio e 5 giugno 2019, nell’ambito del Festival Internazionale Letterature di Roma i componenti dei circoli incontreranno i dodici candidati della LXXIII edizione del Premio in altrettanti appuntamenti in programma alla Casa delle Letterature e alla Biblioteca Flaminia.

 

Venerdì 3 maggio ore 17.30

Casa delle Letterature

Piazza dell’Orologio 3

Incontro con Marina Mander candidata al Premio Strega 2019 con il libro L’età straniera, Marsilio editore. Con l’autrice interviene Nicola Ingenito.

 

“Il libro

Leo non studia molto, ma è bravo a scuola. Non fuma tanto, ma un po’ d’erba sì. Ha una madre, Margherita, che lavora come assistente sociale e un padre che è stato matematico, è stato intelligente, è stato vivo l’ultima volta nel mare e poi è scomparso tra le onde con il pigiama e le ciabatte. Leo odia i pigiami, le ciabatte e non si fida più del mare, forse di nessuno. Odia tutte le cose fino a quando nella sua vita non arriva Florin, un ragazzino rumeno che non studia, non ha una casa, non ha madre né padre – o magari sì ma non ci sono – e si prostituisce. Florin si prostituisce e la madre di Leo decide di ospitarlo, sistemandolo nella camera del figlio, perché l’appartamento è piccolo e perché «forse potete farvi bene l’un l’altro». Leo che non ha mai fatto l’amore con nessuno e Florin che fa l’amore con tutti condividono la stessa stanza. Leo pensa di odiare Florin, che comunque è meglio di una cosa, è vivo. Leo è tutto cervello e Florin è tutto corpo: questo pensa Leo, che racconta la storia. La “scimmia” lo chiama, come una delle tre scimmiette: Iwazaru, quella che non parla. In realtà entrambi i ragazzi sono ancora forti di una fragile interezza, perché sono adolescenti e hanno ferite profonde ma corpi e sentimenti giovani. Comincia così, tutta storta, l’avventura del loro viaggio a occidente, fra estraneità e appartenenza: mistico per Leo – in continuo contatto con un tribunale immaginario che cerca di convincerlo di avere ucciso il padre – e fisico per Florin – in balia di uomini violenti in un mondo più violento ancora. Scritto in una lingua immaginifica e ironica, intelligente e musicale, L’età straniera racconta un mondo vocale: è nelle voci che questa storia e tutte le storie si sviluppano – le parole di Florin che mancano, quelle in cui Leo si rifugia”

About Redazione

Check Also

Malala: un viaggio tra istruzione e libertà al Teatro Lo Spazio

#Malala #Istruzione #Libertà #EZrome La rappresentazione di "Malala: l'istruzione, le donne, la libertà" al Teatro Lo Spazio diventa un viaggio emotivo e culturale che affronta temi come il diritto all'istruzione e la lotta per la libertà femminile, attraverso la vita di Malala Yousafzai, simbolo di coraggio e resilienza.

Un’ora di niente: Paolo Faroni tra comicità e poesia al Teatro Kopò

#UnOraDiNiente #PaoloFaroni #TeatroKopò #EZrome "Un'ora di niente", in scena al Teatro Kopò, vede Paolo Faroni esplorare con ironia e profondità il conflitto tra desiderio e istinto, attraverso un monologo che mescola comicità e poesia, con l'amore come protagonista assoluto.

Lascia un commento