L’Archivio della Collezione GAM apre al pubblico

Novità in arrivo alla Galleria d'Arte Moderna. Dall'11 dicembre apre al pubblico l'ARCHIVIO DELLA COLLEZIONE GAM.
Gli oltre 1600 volumi e l'enorme mole di documenti storici potranno essere consultati su richiesta da studiosi e appassionati

A seguito di un periodo di studio e inventariazione dei fondi archivistici, bibliografici e dei volumi e cataloghi storici presenti nella Galleria d'Arte Moderna, dall'11 dicembre 2023, apre al pubblico di studiosi, studenti, cultori e appassionati dell'arte e della della prima metà del Novecento a Roma, l'ARCHIVIO DELLA COLLEZIONE GAM, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.
L'apertura rientra nel ciclo d'iniziative collegato al Centenario della costituzione della Galleria d'Arte Moderna di Roma (1925-2025), identificato nella formula 100GAM, da considerare come anticipazione del programma di manifestazioni scientifiche, conservative ed espositive legato al Centenario stesso e che prende avvio proprio dalla riappropriazione del patrimonio archivistico e documentale presente nell'attuale sede del museo di via Francesco Crispi 24.

Strettamente collegato alla collezione della Galleria d'Arte Moderna, l'Archivio vanta una raccolta di oltre 1600 volumi risalenti al periodo che va dagli anni Ottanta dell'Ottocento alla metà del Novecento. Il corpus è costituito prevalentemente da monografie degli artisti appartenenti alla collezione della Galleria e da pubblicazioni relative alle opere della collezione storica, tra i quali i cataloghi delle mostre romane dove, nella prima metà del secolo scorso, vennero effettuate le principali acquisizioni. E poi ancora i cataloghi di mostre allestite alla GAM oltre a una peculiare sezione di volumi storici riguardanti la Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma e le Biennali sia romane che veneziane.

All'interno dell'Archivio è anche presente un FONDO ARTISTI, accessibile per la prima volta al pubblico, al cui interno si potranno consultare centinaia di preziose informazioni biografiche ed espositive dei singoli artisti, oltre a materiale minore costituito da brochures di mostre e articoli di giornale. In questo Fondo è contenuto anche l'ARCHIVIO MIMÌ QUILICI-BUZZACCHI, a sua volta composto da fascicoli, divisi per anni di esposizione (1937,1939 e dal 1946 al 1987), brochures, articoli di giornale e riviste relative alle mostre a cui ha partecipato direttamente l'artista. Si tratta del primo nucleo del costituendo ARCHIVIO DONNA E ARTISTA che comprenderà tutte le artiste presenti nella collezione GAM oltre a quelle già presenti nel predetto “Fondo Artisti”.

Nel prossimo futuro si potrà consultare anche un ARCHIVIO ACQUISTI, attualmente in corso di inventariazione, composto da oltre 250 Delibere originali o in copia storica prodotte dal Governatorato di Roma e dalla Giunta Capitolina, dal 1921 al 2002, ai fini delle acquisizioni delle opere della collezione GAM. Le Delibere riportano l'occasione dell'acquisto, i dati relativi all'artista, l'opera, la tipologia e la definizione economica d'acquisizione. Informazioni preziose per capire la storia dell'opera d'arte nella collezione GAM ma anche il rapporto selettivo dei gusti e delle scelte estetiche dell'Amministrazione pubblica nei diversi contesti storici attraversati.
Nel suo insieme, l'ARCHIVIO DELLA COLLEZIONE GAM si presenterà come un vero e proprio hub scientifico e culturale, un aggregatore in cui tutte quelle realtà interessate a raccontare l'arte a Roma in un'ottica nazionale potranno contribuire ad ampliare, e pertanto preservare, il corpus di documenti, volumi e informazioni presenti al suo interno. Le future collaborazioni con Università, Accademie e altri Enti di studio, locali e nazionali, consentiranno di riunire, conservare, valorizzare e tutelare , documenti grafici e archivi relativi all'arte di parte dell'Ottocento e la prima metà del Novecento romano.

L'ARCHIVIO DELLA COLLEZIONE GAM sarà aperto al pubblico a partire dall'11 dicembre. La consultazione dei materiali è possibile solo su appuntamento, previa richiesta da inviare all'indirizzo mail della Galleria d'Arte Moderna di Roma.
Ingresso gratuito nell'area prevista per la consultazione, dov'è stata appositamente creata una postazione autonoma con computer e connessione wi-fi.

Fonte: Ufficio stampa Zètema Progetto Cultura

About EZrome

Check Also

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Expo – Teatro Italiano Contemporaneo illumina il Teatro Belli

#ExpoTeatroItaliano #TeatroBelli #CulturaContemporanea #EZrome "Expo – Teatro Italiano Contemporaneo" al Teatro Belli di Roma: "Poi dice che uno beve" e "Shame Culture" esplorano le sfide della vita moderna e il dialogo intergenerazionale, offrendo uno sguardo profondo sulla società attraverso il teatro.