Il programma culturale dell’Associazione Itinera per il mese di ottobre

L'Associazione Culturale Itinera
via Augusto Dulceri 25 – 00176 Roma
Tel. 0627800785
sito web: itinera.biz

Segnala le seguenti iniziative culturali per il mese di Ottobre:

(TUTTE LE VISITE SONO SU PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA)

Sabato 22, ore 10.30 (Dott.ssa C. Bellotti)
VILLA SERVENTI. Apertura eccezionale della poco nota Villa Serventi, costruita nel Settecento e che conserva una sala dipinta con scene di paesaggio e rovine. Avremo modo di visitare il bel giardino “muragliato” abbellito da un disegno classico integrato da cedri, palmizi e bambù, ma anche viali bordati da siepi, fontane, il giardino esotico e il giardino d'inverno. Una scoperta da non perdere.
App. in via Casilina, angolo circonvallazione Casilina. Contributo € 6,50.

Domenica 23, ore 10.00 (Dott. G. Marone)
VIA APPIA ANTICA (il VIII miglio). Passeggiata lungo la Regina Viarum nel tratto fuori l'anello del G.R.A. Recenti lavori hanno permesso il ritrovamento di tratti dell'antico asse stradale. Sono visibili resti di sepolcri, templi romani e torri medievali a ricordo dell'importanza che la strada ha avuto nei secoli.
App. in via Appia Nuova km. 14, angolo via degli Armentieri (prima traversa a destra dopo il G.R.A. e dopo il bivio per Ciampino). Contributo € 6,50.

Domenica 23, ore 15.30 (Arch. M. Eichberg)
S. SEBASTIANO SULL'APPIA ANTICA. L'antica basilica riutilizza le strutture del grande cimitero coperto di epoca costantiniana. Intorno alla chiesa ed al suo interno scopriremo, ancora perfettamente riconoscibili, le strutture dei mausolei paleocristiani. Il restauro del 600 e la settecentesca cappella Albani, ricca di marmi. Le “memorie” dei martiri oggetto di venerazione dei pellegrini.
App. in via di Appia Antica 136, davanti alla chiesa. Contributo € 6,50 + offerta € 1,50.

Venerdi 28, ore 10.30 (Arch. M. Eichberg)
L'OSPIZIO DELL'ADDOLORATA. L'antico ospizio, sorto come Xenodochio sui resti della domus dei Valeri e rifondato dai Colonna, si dotò nel ‘600 di un reparto specializzato per le gravidanze a rischio e non solo. I resti delle antiche strutture romane e medievali, il cimitero, la corsia barocca opera del De Rossi e le sue decorazioni pittoriche, recentemente restaurate e studiate dagli esperti.
App. in. via S. Giovanni in Laterano, angolo via Merulana. Contributo € 6,50.

Sabato 29, ore 10.00 (Dott. B. Mazzotta)
I CASTRA PRAETORIA. Inusuale visita alla scoperta del campo della guardia speciale dell'imperatore, costruito da Tiberio e chiuso da Costantino. Vedremo i resti, poco noti, di alcuni ambienti in laterizio posti a ridosso delle Mura aureliane che dal 271 d.C. inglobarono il grande edificio militare.
App. in viale Castro Pretorio, angolo viale del Policlinico. Contributo € 6,50.

Domenica 30, ore 10.30 (Dott. G. Marone)
L'ATHENAEUM DI ADRIANO E IL FORO DI TRAIANO. Il complesso di ambienti, forse identificabile con l'Athenaeum, scoperti per la costruzione della nuova linea della metropolitana in Piazza Madonna di Loreto, è parzialmente visibile attraverso apposite aperture. La recente apertura di via Alessandrina, magnifico belvedere sui Fori imperiali, ci permetterà di gettare nuova luce sull'attività edilizia di Traiano.
App. in piazza Madonna di Loreto, sotto la Colonna di Traiano. Contributo € 6,50.

Domenica 30, ore 16.00 (Dott.ssa M. Terrasi)
S. FRANCESCO A RIPA. La chiesa di Trastevere ha il privilegio di aver ospitato S. Francesco durante i soggiorni romani. All'interno si possono ammirare soluzioni di barocchetto romano e belle pitture di Ricci, Salviati, Muratori, Chiari e la straordinaria scultura di G.L. Bernini la “Beata Ludovica Albertoni”. Nel convento il prezioso armadio delle reliquie intarsiato e animato da meccanismi automatici.
App. in piazza S. Francesco d'Assisi, davanti alla chiesa. Contributo € 6,50 + offerta € 1,50.

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento