“Se ti sposo mi rovino” al Teatro de’ Servi

La Bilancia Produzioni presenta, in collaborazione con Esagera, dal 5 al 24 gennaio 2016
“Se ti sposo mi rovino” con:
Marco Cavallaro (Ugo)
Alberto Barbi (Franco)
Ramona Gargano (Melissa)
Annachiara Mantovani (Camilla)
Olimpia Alvino (Luisa)
Valentina Tramontana (Amalia)

scritto e diretto da Marco Cavallaro

Debutta in prima nazionale al de' Servi la commedia di Marco Cavallaro “Se ti sposo mi rovino”, pièce spensierata e piena di ritmo, dove i sentimenti mettono a dura prova il materialismo dei nostri giorni. Cosa succede a un miliardario scapolo con “il vizio delle ” se chiede a tutte di sposarlo? E se tutte piombano a casa sua con l'intento di organizzare le nozze, ma nessuna sa dell'esistenza dell'altra? Semplice, la sua vita è rovinata. Da qui una serie di girandole per non far incontrare le malcapitate e, soprattutto, per non concludere alcun matrimonio. Il tutto coinvolgendo il povero maggiordomo Ugo in un turbinio di bugie e di porte che si aprono e si chiudono.
Scene: Amodio; Costumi: Marco Maria della Vecchia; Luci e Fonica: Emilio Caro; Decoratrice; Katia Titolo; Produzione esecutiva; Lisa Bizzotto

Teatro de' Servi
Roma – Via del Mortaro 22 (ang. Via del Tritone)
Info: 06.6795130
BIGLIETTI: PLATEA 22€ – GALLERIA 18€
ORARIO SPETTACOLI: DA MARTEDI A VENERDI ORE 21 – SABATO ORE 17.30 E 21 – DOMENICA ORE 17.30

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento