Miraggi: Mariangela Caturano alla Fondazione Marco Besso

In un'atmosfera che promette di trasportare i visitatori attraverso un viaggio visivo dalla Sicilia al cuore dell'Africa, la Fondazione Marco Besso si prepara ad accogliere l'inaugurazione della mostra “Miraggi” di Mariangela Caturano. Questa esibizione, che si terrà nell'illustre Palazzo Besso a Roma, Largo di Torre Argentina n.11, sarà aperta al pubblico dal 6 al 22 marzo, offrendo un'occasione unica per immergersi in un mondo dove la incontra la poesia del paesaggio siciliano.

Un viaggio fotografico lungo la Strada dei Feudi

Le trenta fotografie esposte, tutte nel formato 30X40, ci conducono lungo la tradizionale “Strada dei Feudi”, un percorso che si snoda da costa a costa, dal Mar Tirreno al Mar d'Africa, da Palermo a Sciacca. Questa strada, carica di storia e di storie, viene esplorata attraverso l'obiettivo di Mariangela Caturano, che con le sue immagini ci racconta di un viaggio che è insieme fisico e interiore. Le fotografie, sintetiche e pittoriche, rivelano una Sicilia profonda, vista non solo come terra di passaggio ma come crocevia di culture, storie e leggende.

Mariangela Caturano, romana di nascita ma siciliana d'adozione, ha scelto di vivere all'estremo sud dell'isola, attratta da una terra ricca di contrasti e di fascino antico. La sua ricerca artistica si concentra sulla luce d'Africa e sul colore, elementi predominanti delle sue fotografie che ritraggono paesaggi in cui il reale e il miraggio sembrano confondersi. Attraverso il suo sguardo, l'autrice esplora una Sicilia segnata da incontri e scontri secolari, dove la natura stessa pare narrare storie di passato e di presente.

Tra storia e leggenda: l'isola Ferdinandea

Uno dei temi più affascinanti affrontati nella mostra è la leggenda dell'isola Ferdinandea, un miraggio nel vero senso della parola. Quest'isola fantasma, emersa e poi scomparsa nel XIX secolo, simboleggia la frontiera ultima di una Sicilia misteriosa e inafferrabile, che Mariangela Caturano riesce a catturare nelle sue opere. Le sue fotografie sono finestre aperte su un mondo dove la realtà sfuma nei contorni del mito, offrendoci scorci di una terra in bilico tra cielo e mare, descritta come il “centro del mondo”.

Un percorso di vita e d'arte

La mostra “Miraggi” non è solo un'esposizione di fotografie ma anche la celebrazione di un percorso di vita e d'arte. Mariangela Caturano, prima di dedicarsi completamente alla fotografia, ha avuto una carriera variegata che l'ha vista impegnata in ambiti diversi, dalla gestione di progetti editoriali per il Ministero dell'Istruzione alla cooperazione internazionale in Africa per combattere la malnutrizione. La sua formazione in Scienze biologiche e Scienza dell'alimentazione, unita a una profonda sensibilità artistica, emerge nelle sue opere fotografiche, dove l'occhio scientifico si fonde con quello poetico per esplorare realtà complesse e sfaccettate.

Info utili

La mostra “Miraggi” sarà aperta dal 6 al 22 marzo, dal lunedì al venerdì con orario 10-13 / 14-16.30, e il venerdì 22 marzo fino alle ore 13. Per l'inaugurazione, prevista per mercoledì 6 marzo alle ore 17.00, è necessaria la prenotazione sul sito della Fondazione Marco Besso nella sezione . Nei giorni successivi, la mostra è visitabile prenotando entro le 12 del giorno precedente tramite invio di una mail alla Fondazione Marco Besso. Questa mostra rappresenta un'occasione imperdibile per immergersi in una dimensione dove la fotografia si fa racconto di terre lontane e vicine, reali e immaginate, in un dialogo continuo tra passato e presente.

About EZrome

Check Also

Trentacinquesima edizione del Festival delle Cerase a Palombara Sabina

#FestivaldelleCerase #CinemaItaliano #BorisSollazzo #EZrome Dal 19 al 21 aprile a Palombara Sabina si svolgerà il trentacinquesimo Festival delle Cerase. Guidato da Boris Sollazzo, il festival promette un programma ricco con la partecipazione di celebri nomi del cinema italiano.

Adolf prima di Hitler al Off/Off Theatre

#Teatro #Storia #AdolfPrimaDiHitler #EZrome "Adolf prima di Hitler" esplora i turbolenti anni giovanili di Hitler in una Vienna del Novecento, attraverso le intense performance di Vincenzo Coppola e Francesco Barra.