Venerdì, 30 Ottobre 2020

amazon prime video

Roma, febbraio 2020. Monica Ferrando. Bianco, nero, in levità passare. Opere recenti è una personale della pittrice Monica Ferrando, aperta al pubblico dal 7 marzo al 17 maggio 2020 al Museo Carlo Bilotti. A cura di Marco Vallora, la mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

Monica Ferrando espone al Museo Bilotti 33 opere - 23 olii e 10 carte tra cui un album intero - realizzate tra il 2017 e il 2020, in cui cerca di fondere la novità e la tradizione pittorica mantenendosi così fedele alle tematiche espositive del Museo, nelle quali l’attenzione alla storia della pittura, rappresentata dalle opere di de Chirico, si accompagna a una viva sensibilità per le esperienze più nuove dell’arte contemporanea.

La mostra presenta due serie di quadri, una su fondo  bianco e una su fondo nero, in cui il vuoto della tela - il puro bianco o il puro nero - tradizionalmente coperto da uno sfondo, diviene parte integrante dell’immagine, come una soglia tra il visibile e un invisibile ignoto.

Monica Ferrando ha lavorato a lungo col fondo oro, rivisitando in modo inedito la tradizione delle icone, che l’ha portata verso il “puro luogo della pittura”, la tela bianca senza preparazione e intervento alcuno o anche la tela nera, intatta, che dischiude possibilità inconfessabili. Qui, nella serie dei Paesaggi perduti su fondo nero, ha inseguito con la pittura quella forma della terra chiamata paesaggio, cercando di riscoprirla e di portarne almeno un lembo alla luce.

Alcune opere di Monica Ferrando, artista presente alla Biennale di Venezia del 2011, sono conservate nel Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi a Firenze. Il suo percorso artistico è stato seguito da Ruggero Savinio, Mario Luzi e Giorgio Agamben.

Nel 2019 l’Institute of Fine Arts of China, Academy of Fine Arts, Tsinghua University, ha acquistato un suo trittico. Dirige la rivista on line De pictura presso la casa editrice Quodlibet.

SCHEDA INFO

Titolo mostra                                        Monica Ferrando. Bianco, nero, in levità passare. Opere recenti

Luogo                                                  Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Viale Fiorello La Guardia 6, Roma

Apertura al pubblico                             7 marzo – 17 maggio 2020

Inaugurazione                                       6 marzo 2020 ore 17.30

Orario                                                  Da martedì a venerdì ore 10.00 - 16.00 (ingresso consentito fino alle 15.30); sabato e domenica ore 10.00 - 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.30).

Biglietti                                                Ingresso gratuito        

Promossa da                                       Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

A cura di                                              Marco Vallora

Info Mostra                                          Info 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00) www.museocarlobilotti.it; www.museiincomune.it

Servizi museali                                     Zètema Progetto Cultura

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.