RJF22: arriva il pianista azero ISFAR SARABSKI

Martedì 15 novembre la Sala Petrassi dell'Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” ospita uno degli più attesi della 46° edizione del Roma Jazz Festival, il concerto del pianista e compositore azero Isfar Sarabski.

Nato nel 1989 a Baku, in Azerbaijan, Isfar Sarabski combina la sperimentazione di Nils Frahm con il sogno di Ólafur Arnalds, le esplorazioni elettroniche di Martin Kohlstedt con la brillantezza sinfonica di Max Richter e il virtuosismo jazz di Herbie Hancock.
Formatosi presso il celebre Berklee College of Music di Boston, per poi vincere nel 2009 la Solo Piano Competition del Montreux Jazz Festival, Isfar respira musica fin da piccolo: il padre è un grande appassionate di musica, la madre insegna violino mentre il suo bisnonno fu Huseyngulu Sarabski, figura leggendaria della musica azera. “Ero un bambino quando scoprii di essere affascinato dalla meccanica del giradischi, dalle forme di quei grandi dischi neri e, naturalmente, da quell'universo di toni, armonie e ritmi che ne veniva fuori. Ricordo con precisione i sentimenti che provai la prima volta che sentii i dischi di Gillespie e le composizioni di Bach e Chopin: com'era possibile che la musica creasse nella mia testa tutte quelle immagini? L'ho capito diventando un musicista.”

 

Uscito nel 2021, l'album Planet segna il suo debutto discografico. Un disco che è specchio di un'idea radicalmente eclettica del jazz, dove il linguaggio di derivazione afroamericana si mescola con l'elettronica e dove gli echi sinfonici incontrano un pianismo che può rammentare Rachmaninov. Con uno stile che talvolta può essere accostato a quello di Brad Mehldau, quello di Sarabski è un jazz impressionista con un forte senso della narrazione, denso di riferimenti alla tradizione azera, di cui nutre grande rispetto, ma al tempo stesso segnato dal minimalismo e aperto alle sperimentazioni elettroniche, grazie anche alla diverse collaborazioni con alcuni dei protagonisti della scena clubbing di Baku.
Alla stessa ora ma alla Casa del Jazz in programma invece il live di Itaca 4et, progetto collaborativo transnazionale nato grazie agli incontri dei componenti del quartetto – musicisti canadesi e italiani attivi nel campo dell'avant-jazz – durante vari festival jazz internazionali come quello di Vancouver, di Toronto e il Sile Jazz Festival. L'ensemble, formato da François Houle al clarinetto, Nicola Fazzini al sax alto, Alessandro Fedrigo al basso e Nick Fraser alla batteria propone una musica dinamica, ritmica e votata al culto dell'improvvisazione.
***
Giunto alla 46° edizione, torna il Roma Jazz Festival, che dal 6 al 19 novembre animerà la Capitale con 23 concerti fra l'Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone”, la Casa del jazz e il Monk club. Diretto da Mario Ciampà, il Roma Jazz Festival 2022 è realizzato con il contributo del MIC – Ministero della , di Roma Capitale ed è prodotto da IMF Foundation in co-realizzazione con Fondazione Musica per Roma.

CALENDARIO

6 novembre
Fiabe Jazz: I Musicanti di Brema | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h11
New Talent Jazz Orchestra | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h18
Lady Blackbird | Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, h21
Ralf Schmid: Pyanook | Casa del Jazz, h21
7 novembre
Rosa Brunello: Sounds Like Freedom ft. Yazz Ahmed, Enrico Terragnoli, Marco Frattini| Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, h21
8 novembre
Erik Friedlander The Throw | Casa del Jazz, h21
9 novembre
Ramona Horvath/Nicolas Rageau | Casa del Jazz, h21
11 novembre
Nubya Garcia | Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli, h21
Kodex | Casa del Jazz, h21
12 novembre
Spyro Gyra | Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli, h21
Lino Volpe/Rosario Giuliani: Jazz Story | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h21
Fabrizio Consoli/Fausto Beccalossi: Pasolini Ballate e Canzoni | Casa del Jazz, h21
13 novembre
Fiabe Jazz: Cenerentola Rock | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h11
Jazz Campus Orchestra | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h18
Mingus Big Band | Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, h21
15 novembre
Isfar Sarabski Quartet | Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, h21
Itaca 4et | Casa del Jazz, h21
17 novembre
Danilo Rea/Paolo Scoppola: Soundmorphosis | Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli, h21
Jemma | Auditorium Parco della Musica – Sala Borgna, h21
18 novembre
Alfa Mist | Monk Club, h21:30
19 novembre
Steve Coleman Quintet | Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli, h21
INFO
https://www.romajazzfestival.it
https://www.auditorium.com/rassegna/roma_jazz_festival_2021-24616.html
https://www.facebook.com/romajazzfestival/
https://www.instagram.com/romajazzfestival/

Ufficio stampa GDG press

 

Fonte: GDG Press

About EZrome

Check Also

Fragileresistente: uno spettacolo di riflessione intergenerazionale al Centrale Preneste

#Teatro #Riflessione #GiovaniTalenti #EZrome Il 1 marzo 2024, "fragileresistente" della Compagnia il turno di notte illumina il Centrale Preneste Teatro con una narrazione potente su padre e figlio, depressione e speranza. Un appuntamento da non perdere per chi cerca nel teatro uno spazio di dialogo intergenerazionale e di riflessione sul nostro tempo.

Latinus Subjectus: Un viaggio ironico nell’antica Roma al Teatro Ivelise

#Teatro #Storia #AnticaRoma #EZrome "Latinus Subjectus", al Teatro Ivelise il 2 e 3 Marzo 2024, è un invito a esplorare l'antica Roma attraverso uno spettacolo che mescola ironia, storia e riflessione politica, narrando la vicenda di una cerimonia andata storta e del processo che ne segue. Un'esperienza teatrale che promette di essere tanto divertente quanto profonda.

Lascia un commento