Martedì, 20 Ottobre 2020

amazon prime video

La provincia orobica è tra le più colpite dall’emergenza Coronavirus. Per questo Duracell ha scelto di aiutare chi è in prima linea supportando i progetti di Cesvi volti a rafforzare i reparti di terapia intensiva dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII e dell’Ospedale da campo degli Alpini di Bergamo e ad assistere centinaia di anziani e persone sole che vivono nelle zone più colpite dall’epidemia.

Bergamo, 17 aprile 2020 – L’emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova l’intero territorio nazionale. La Regione Lombardia ha visto il picco più alto di contagi e la provincia di Bergamo è quella che sta registrando le statistiche più preoccupanti. E proprio alla città orobica Duracell, il marchio leader di batterie, vuole regalare la sua carica con “RicarichiAMO CHI È IN PRIMA LINEA”: una donazione iniziale di 50.000 di euro e una raccolta fondi che serviranno ad alimentare la campagna avviata da Cesvi in favore dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, dell’Ospedale da campo degli Alpini di Bergamo e a tutela delle persone anziane e più fragili che vivono nelle zone più colpite dall’epidemia. Contribuire è semplice: andando sul sito https://www.cesvi.org/duracell-per-cesvi/, Duracell farà una donazione extra di 2 euro al Cesvi per ogni acquisto di batterie sui siti online di Amazon e di Esselunga. Sempre dallo stesso sito sarà, inoltre, possibile fare una donazione diretta a Cesvi.

Un aiuto concreto a chi è in prima linea per fronteggiare l’emergenza del coronavirus e a chi la deve combattere in trincea, chiuso nella propria casa. I fondi raccolti saranno infatti destinati a rafforzare i reparti di terapia intensiva dell’ospedale bergamasco e dell’ospedale da campo tramite l’acquisto di materiali indispensabili come mascherine, camici, ventilatori e altri dispositivi respiratori.

Ma non solo: per aiutare gli anziani e le fasce più vulnerabili della popolazione, Cesvi ha messo in campo servizi socio-assistenziali per fornire aiuto nella consegna di pasti, della spesa, nella distribuzione di mascherine e medicinali a domicilio, ma anche forme di assistenza ai soggetti più fragili per prevenire fenomeni di isolamento e solitudine, che in queste settimane sono diventati molto più frequenti. Un aiuto, questo, che Cesvi estende dalla Bergamasca fino al Municipio VI di Milano, con l’obiettivo di servire quasi 3.000 persone (1.500 tra Bergamo, Gorle e Orio al Serio, e 1.250 a Milano). Ma è un numero che può crescere ed espandersi anche ad altre province in cui Cesvi è presente, se si raccolgono i fondi necessari.

«Cesvi è un’organizzazione umanitaria nata a Bergamo 35 fa. Oggi più che mai ci sentiamo alleati di questo territorio e da subito ci siamo messi dalla parte di chi lotta quotidianamente contro l’emergenza: i reparti di terapia intensiva, messi a durissima prova in queste settimane, necessitano di un sostegno importante per continuare a lavorare. E in un periodo di totale isolamento non bisogna dimenticarsi delle persone più esposte al contagio e di quelle più fragili, che rischiano di restare sole e abbandonate a se stesse: per questo abbiamo voluto dedicare anche a loro i nostri sforzi - sottolinea Roberto Vignola, Vice Direttore Generale di Cesvi. Siamo felici di poter offrire il nostro contributo alla città in cui siamo nati, la nostra Bergamo che non molla mai, ma che si trova in un momento di gravissima difficoltà, e vorremmo poter fare ancora di più. Per questo, ringraziamo Duracell per poter contare sulla sua “carica” e su quella di tutti coloro che riusciremo a coinvolgere. L’unione fa la forza: più fondi riusciremo a raccogliere, più persone potremo aiutare».


 

 

«In questo periodo di grande emergenza tutti, individui come aziende, si stanno impegnando per dare il loro contributo. Duracell supporta Cesvi, una realtà che conosce da tempo e che sta svolgendo un lavoro fondamentale in una delle regioni più colpite d’Italia: la Lombardia. Per questo siamo orgogliosi di sostenere le iniziative promosse da questa organizzazione per aiutare concretamente chi ha più bisogno: l’ospedale Papa Giovanni XXIII, l’ospedale da campo degli Alpini di Bergamo e tutte quelle persone, anziani in primis, che risentono più degli altri della situazione e che speriamo, con il nostro contributo e con quello di chi si vorrà unire a noi, di far sentire meno sole - dichiara Carmela Izzo, General Manager Duracell Southern Europe. Grazie a quanti lavorano in prima linea per il bene di tutti, grazie a Cesvi e ai suoi volontari che li sostengono e che non si dimenticano delle persone più fragili, e grazie a tutti gli italiani che con noi vorranno donare un po’ della loro “carica” affinché il nostro paese possa riaccendersi più forte di prima».

“RicarichiAMO CHI È IN PRIMA LINEA”. Duracell ha fatto la prima donazione e, per ogni prodotto acquistato sui siti online di Amazon e di Esselunga anche tramite https://www.cesvi.org/duracell-per-cesvi/, farà una donazione extra di 2 euro al Cesvi impegnato a sostenere i reparti di terapia intensiva dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, dell’Ospedale da campo degli Alpini di Bergamo e ad assistere centinaia di anziani e persone sole che vivono nelle zone più colpite dall’epidemia.

Per info: https://www.cesvi.org/duracell-per-cesvi/

Dallo stesso sito sarà possibile fare una donazione direttamente a Cesvi.

 

Cesvi. Cesvi è un’organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente, fondata a Bergamo nel 1985. Presente in 23 Paesi con un totale di 52 sedi estere, opera in tutto il mondo per trasformare l’intervento umanitario in un’occasione per costruire progetti di lungo periodo che promuovano l’autosviluppo e il protagonismo delle comunità beneficiarie. Lavora per garantire la sicurezza alimentare e lo sviluppo agricolo, promuove lo sviluppo sostenibile e la protezione dell’ambiente e agisce per mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Protegge la vita e la salute dei bambini più vulnerabili nel mondo attraverso le Case del Sorriso e in Italia è impegnato in un programma di prevenzione e contrasto al maltrattamento infantile e nella tutela e integrazione di minori stranieri non accompagnati. Realizza campagne di sensibilizzazione per incoraggiare tutti, in Italia e in Europa, in particolare i più giovani, a diventare cittadini attivi e responsabili, protagonisti di un cambiamento culturale e sociale. Nel 2018, Cesvi ha aiutato oltre 1 milione di persone in Africa, Medio Oriente, Asia, America Latina ed Europa, collaborando con 114 Ong locali in 109 progetti e investendo l’87% delle proprie risorse direttamente sul campo. È stata la prima associazione non profit premiata per la sua trasparenza con l’Oscar di Bilancio da FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) nel 2000, riconoscimento ottenuto altre due volte nel 2011 e nel 2017. Fa parte del network europeo Alliance2015, insieme a 7 Ong europee, per essere ancora più efficace nella lotta contro la povertà in tutto il mondo e contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Per info: www.cesvi.org

Fonte Ufficio stampa Duracell SaFe Communications

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.