colosseo_e_foro_romano_1835
colosseo_e_foro_romano_1835

La Benedizione delle automobili

colosseo_e_foro_romano_1835Eravamo agli inizi degli anni '50 e le carrozze trainate dai cavalli erano ormai un lontano ricordo. Scoppiettanti veicoli a quattro ruote avevano già invaso le strade delle città più importanti, e Roma non era da meno, iniziando un processo incrementale di paralisi del traffico che prosegue tuttora…
Naturalmente, a quei tempi solamente una ridotta parte della popolazione poteva permettersi una innovazione tecnologica così all'avanguardia. Ma già da allora si era intuito che la rapida diffusione dell'automobile rappresentava l'inizio di un cambiamento senza precedenti nel campo degli spostamenti su terra, un cambiamento che avrebbe rappresentato per le generazioni successive una risorsa fondamentale, con conseguenze non proprio positive ed attualmente spesse volte ignorate e sottovalutate.

santa_francesca_romanaLa svolta non passò inosservata neanche alla Chiesa che, anche in virtù dei nuovi evidenti rischi cui la popolazione veniva sottoposta, istituì una festa dedicata alla Santa Francesca Romana, al secolo Francesca “Ceccolella” Bussa de' Leoni.
Questa tradizione popolare prende spunto dal fatto che la Santa, insieme a Pietro e Paolo, è la matrona di Roma e dal 1951 viene invocata, oltre che contro le pestilenze e in favore delle anime del Purgatorio, anche come protettrice degli automobilisti. E così, anno dopo anno, il culto di Santa Francesca Romana si è affiancato per i romani a quello di San Cristoforo, protettore dei conducenti, la cui raffigurazione iconografica è spesso visibile all'interno delle auto, appesa allo specchietto o attaccata al cruscotto.
Nata a Roma nel 1384, nonostante la sua vocazione per la vita monastica fu costretta a sposare giovanissima un nobile della città. Lo stato di apatia generato in ella da questa forzatura ebbe termine il 16 luglio 1398, quando, dopo aver sognato sant'Alessio, Francesca rinacque a nuova vita dedicandosi alla famiglia ed all'aiuto dei bisognosi. Sull'onda di questa sua vocazione, fondò nel 1425 la Congregazione delle Oblate Olivetane di Santa Maria Nuova, anche note come Oblate di Tor de' Specchi, ed in seguito Oblate di Santa Francesca Romana.
Dopo la sua morte, avvenuta il 9 marzo 1440, Francesca fu sepolta nella chiesa di Santa Maria Nuova e, nel 1494, il 9 marzo venne decretato giorno festivo, assecondando in tal modo l'enorme affetto dei fedeli per la nobile romana insolitamente generosa con poveri e malati. Nel 1608 Paolo V ne proclamò la santità ed in seguito un altro Papa, Urbano VIII, fece porre nella chiesa un piccolo tempio che la rappresenta insieme all'Angelo custode che l'aveva accompagnata in vita.
antoniazzo_romano_s_francesca_romanaLa chiesa che prende il suo nome è situata nei pressi del Foro Romano ed al suo interno sono conservati i suoi resti, sotto l'altare maggiore. Costruita nel IX secolo ed ampliata nel secolo successivo, la chiesa prese inizialmente il nome di Santa Maria Nova, distinguendosi da quella di Santa Maria Antiqua, anch'essa nelle vicinanze del Foro Romano.
Il 9 marzo di ogni anno, nel giorno dedicato alla Santa, avviene la Benedizione delle automobili e, in generale, di tutti i veicoli a motore. Proprio nelle adiacenze di Santa Francesca Romana, iniziarono a tenersi i primi raduni di automobili, arricchiti nel corso degli anni da e feste ed ormai diventati una emozionante rappresentazione. Nel corso della suggestiva cerimonia, il Comune di Roma distribuisce mazzi di fiori gentilmente offerti dai vivai comunali. Nello stesso giorno, il monastero delle Oblate, situato sulla Via del mare, apre le porte al pubblico per accogliere curiosi e fedeli. In quella sede, è possibile visitare gli interni (oratorio, chiostro e sale di preghiera), compreso uno stupendo affresco romano risalente al XV secolo.

About Redazione

Check Also

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

Remo Anzovino in concerto alla Casa dell’Architettura

Il Maestro Remo Anzovino in concerto il 23 maggio alla Casa dell’Architettura Il pianista e compositore, definito il «musicista dell’arte» per le sue collaborazioni cinematografiche, si esibisce in un concerto per piano solo, che apre il suo tour estivo, in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità organizzata dall’OAR - Ingresso gratuito con prenotazione del posto LINK PRENOTAZIONI. INGRESSO GRATUITO Una capacità evocativa che riesce a raccontare in musica le immagini e le visioni generate dall’arte e dall’architettura, intrecciando le corde delle emozioni in un linguaggio fruibile e comprensibile per un pubblico sempre più vasto. Sono alcuni dei tratti distintivi dei «viaggi» musicali di Remo Anzovino, compositore e pianista definito per le sue collaborazioni cinematografiche «il musicista dell’arte». Il Maestro si esibirà dal vivo alla Casa dell’Architettura (piazza Manfredo Fanti, 47), nella suggestiva cornice del complesso monumentale dell’Acquario Romano, il prossimo 23 maggio (ore 21), con un concerto per piano solo che sarà la prima tappa del suo tour estivo. Il grande appuntamento, in cui si celebreranno i 20 anni di carriera di Anzovino, si svolgerà in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità – a chiusura del programma che l’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia organizza con cadenza annuale per la ricorrenza della strage di Capaci (leggi l’articolo di presentazione della giornata: LINK) -, lanciando attraverso la bellezza – della musica, dell’arte, dell’architettura – un messaggio contro ogni forma di illegalità. L’ingresso al concerto è libero e gratuito, previa registrazione e prenotazione del posto al seguente LINK Con oltre 30 milioni di streaming in 180 paesi nel mondo e 21 album pubblicati, il Maestro Anzovino ha composto le musiche dei più importanti film realizzati per la serie «La Grande Arte al Cinema» (Vincent Van Gogh, Frida Kahlo, Picasso, Monet, Gauguin, Pompei, il Museo Egizio), vincendo nel 2019 il Nastro D’Argento – Menzione speciale «Musica dell’Arte» per le colonne sonore originali, in grado di rendere «più intensa la narrazione aggiungendo emozione alle emozioni che l’Arte riesce ad esprimere al grande pubblico attraverso il successo degli eventi speciali di cui è protagonista» -, riconoscimento che quest’anno è stato attribuito come miglior film d’arte a «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» di cui Anzovino è autore della colonna sonora originale. Il compositore e pianista – nato a Pordenone, nel 1976, da genitori napoletani – è da sempre sensibile alle tematiche sociali e umanitarie, nel 2023 ha tenuto un concerto nel carcere di Poggioreale, ha firmato le musiche del documentario «Respiro di Inverno», realizzato dalla Croce Rossa Italiana per il primo anno della guerra in Ucraina, ed è stato scelto come unico musicista per un concerto tenuto al Teatro Opera Carlo Felice di Genova, in memoria delle vittime del ponte Morandi, nel quinto anniversario del crollo. Il suo ultimo album è «Don’t Forget to Fly», pubblicato nel maggio 2023 per la casa discografica Believe. Il concerto per piano solo che si svolgerà alla Casa dell’Architettura, nella sala centrale dell’Acquario Romano, ripercorrerà la carriera del compositore con i suoi grandi successi, sarà presentato da Marco Maria Sambo, segretario OAR e direttore di AR Magazine, coordinamento a cura di Emanuela Petrone. «L’esibizione del Maestro Anzovino si svolgerà a chiusura di un importante convegno organizzato dall’Ordine per la Giornata della Legalità – spiega Sambo – proprio per dare un segnale di come la poetica della musica e dell’arte possano essere da esempio: dove c’è tanta bellezza non può esserci illegalità. È questo il filo conduttore che intendiamo mettere in luce con un grande concerto gratuito per tutti». La capacità di Anzovino di raccontare e comunicare, attraverso la composizione musicale, emozioni e significati non solo dell’arte ma anche dell’architettura è stata resa esplicita dalla colonna sonora composta dal Maestro per il docufilm «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» – diretto da Giovanni Troilo, con gli attori Jacopo Olmo Antinori (Borromini), Pierangelo Menci (Bernini), sceneggiatura di Luca Lancise, prodotto da Francesco Zippel e Federica Paniccia – andato in onda su Sky e proiettato alla Casa dell’Architettura di Roma il 16 dicembre 2023, in un sala centrale dell’Acquario Romano gremita. «Parlare di Borromini – ha scritto Marco Maria Sambo in un articolo su AR Web pubblicato lo scorso gennaio (LINK) – vuol dire descrivere la poetica architettonica per antonomasia; una poesia barocca fatta di dinamiche spiraliformi e morfologie organiche: è una sorta di musica dell’arte e dell’architettura e, anche per questo motivo, Remo Anzovino ha centrato perfettamente, con la sua colonna sonora, l’essenziale anima borrominiana conferendo ulteriore grandezza a questa opera filmica di Troilo, come nella storia è sempre avvenuto con grandi maestri come Rota, Morricone, Williams, Zimmer e tanti altri che sono riusciti a dare sostanza a scene e piani sequenza già meravigliosi in sé, regalando profondità attraverso le note, superando il tempo e lo spazio».