Letterature Festival: torna la grande musica a Massenzio

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma Edizione 2019, TORNA LA GRANDE MUSICA A MASSENZIO 

Con due importanti musicali, Letterature Festival Internazionale di Roma riporta la grande musica nella Basilica di Massenzio, il 9 giugno con l'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, che è stata infatti delle numerosissime stagioni estive dell'Accademia e il 14 giugno con la proiezione del film Il flauto magico dell'Orchestra di Piazza Vittorio e l'esibizione dell'Ottetto dell'Orchestra di Piazza Vittorio.

domenica 9 giugno ore 21

Concerto degli Archi di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano
Musiche di Mozart
L'ensemble è formato dal Direttore e 20 strumentisti (6 primi violini, 5 secondi violini, 4 viole, 3 violoncelli e 2 contrabbassi).

È una gioia e al tempo stesso un auspicio per un futuro ancora pieno di musica in un luogo così ricco di simboli e di storia. Intanto un primo passo: gli Archi di Santa Cecilia, guidati dal nostro primo violoncello Luigi Piovano, saranno impegnati in musiche di Mozart. Un complesso di virtuosi di cui l'Accademia è particolarmente fiera e che ha già conosciuto un lusinghiero successo della critica e del pubblico grazie ai numerosi concerti e l'intensa attività discografica. (Michele dall'Ongaro, Presidente – Sovrintendente Accademia di Santa Cecilia)

venerdì 14 giugno ore 21

Il Flauto Magico Di Piazza Vittorio
Proiezione del film. Regia di Mario Tronco, Gianfranco Cabiddu. Un film con Fabrizio Bentivoglio, Petra Magoni, El Hadji Yeri Samb, Ernesto Lopez Maturell, Violetta Zironi.
(Italia, Francia, 2018, durata 83').
Un film musicale in otto lingue dove i musicisti della multietnica Orchestra di Piazza Vittorio rivisitano e re-interpretano l'opera di Mozart, arricchendola e adattandola ad un setting moderno, ognuno secondo le proprie tradizioni e culture musicali. Tutto avviene nei giardini di Piazza Vittorio, che si animano per magia durante la notte.

A seguire

Ottetto dell'Orchestra di Piazza Vittorio con Emanuele Bultrini (Italia) chitarre, Peppe D'Argenzio (Italia) sassofoni, Ernesto Lopez Maturell (Cuba) batteria e voce, Carlos Paz Duque (Ecuador ) voce, flauti andini, Pino Pecorelli (Italia) basso elettrico, “Kaw” Dialy Mady Sissoko (Senegal) voce, kora, Raul Scebba (Argentina) percussioni, Ziad Trabelsi (Tunisia) oud, voce.
L'organico più ridotto dell'Orchestra di Piazza Vittorio, composto dai cantanti e dal cuore ritmico del gruppo. Otto musicisti, autori e interpreti di brani che parlano di loro, dei temi del Viaggio e dell'Incontro.
L'Orchestra di Piazza Vittorio è nata nel 2002 sulla spinta di artisti, intellettuali e operatori culturali con la volontà di valorizzare l'omonima Piazza dell'Esquilino di Roma, per antonomasia il rione multietnico della città. Da 17 anni l'Orchestra rappresenta una realtà unica che trova la sua ragion d'essere nella commistione dei linguaggi testuali e musicali, nella ferma consapevolezza che mischiare culture produca bellezza.
LETTERATURE – Festival Internazionale di Roma è a cura dell'Istituzione Biblioteche di Roma, promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale di Roma e organizzata da Zètema Progetto .

 

 

Fonti: 
Ufficio Stampa Istituzione Biblioteche di Roma
Ufficio stampa Zètema Progetto Cultura

 

 

 

About EZrome

Check Also

Malala: un viaggio tra istruzione e libertà al Teatro Lo Spazio

#Malala #Istruzione #Libertà #EZrome La rappresentazione di "Malala: l'istruzione, le donne, la libertà" al Teatro Lo Spazio diventa un viaggio emotivo e culturale che affronta temi come il diritto all'istruzione e la lotta per la libertà femminile, attraverso la vita di Malala Yousafzai, simbolo di coraggio e resilienza.

Un’ora di niente: Paolo Faroni tra comicità e poesia al Teatro Kopò

#UnOraDiNiente #PaoloFaroni #TeatroKopò #EZrome "Un'ora di niente", in scena al Teatro Kopò, vede Paolo Faroni esplorare con ironia e profondità il conflitto tra desiderio e istinto, attraverso un monologo che mescola comicità e poesia, con l'amore come protagonista assoluto.

Lascia un commento