Gay Pride: due mostre per celebrare giugno

GAY PRIDE: DUE MOSTRE A ROMA PER CELEBRARE GIUGNO MESE DEI PRIDE
SABATO 6 ORE 22 ALLA GAYSTREET PER CHIEDERE IL DIRITTO DI MANIFESTARE AL PRIDE DEL 13 GIUGNO 

La comunità lesbica e gay festeggia giugno, quello che in tutto il mondo è riconosciuto come il 'mese dei Pride' con due importanti mostre-evento, una sul movimento gay e l'altra sulla parità dei diritti elaborata dall'ISIA di Firenze, che si terranno a partire da venerdì 5 giugno a Roma. 
"Proprio partendo dalla e dalla nostra storia – afferma Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma – possiamo far capire alle persone l'importanza di non discriminare. Nella mostra del movimento gay sarà possibile leggere gli articoli di giornali degli anni '60 e '70 sui divieti ai gay di manifestare ed esprimersi, che portarono nel 69 al primo Pride in America,  divieti che ci sembravano lontani, ma che le vicende sul Pride di Roma hanno reso drammaticamente vicini. Invece la mostra 'What sex is an Angel' è una mostra prodotta da studenti delle superiori che hanno deciso di esprimere attraverso l'arte il principio di eguaglianza, mostrando come spesso i giovani abbiano meno pregiudizi degli adulti. 

"Per questo  Sabato 6 giugno – aggiunge Marrazzo – rivendicheremo il nostro diritto di manifestare, con un sit-in alla Gay Street di via di San Giovanni in Laterano a partire dalle ore 22,  al quale parteciperanno molti esponenti del mondo politico e culturale a sostegno di un appello al Prefetto per il quale abbiamo già raccolto migliaia di firme. Speriamo che le aperture del Comune di Roma di questi giorni consentano alla Questura di concederci un percorso dignitoso".

Di seguito i dettagli dei due appuntamenti molto importanti perché quest'anno il movimento gay compie 40 anni dalla storica rivolta dello Stonewall a New York.

What sex is an Angel (dal 5 al 14 giugno al Caffè Letterario, via Ostiense 95):
una mostra di immagini realizzata dall'ISIA – Istituto Superiore per le Industrie Artistiche – di Firenze a sostegno del Pride nazionale del 27 giugno di Genova. Dopo l'anteprima svoltasi a Firenze nel mese di maggio, si tratta della seconda tappa dell'esposizione di questa galleria di 30 manifesti e della campagna stampa, interamente realizzate dagli studenti del corso di Metodologia del Progetto di comunicazione, tenuto dal Prof. Carlo Spoldi al biennio specialistico dell'ISIA. Si tratta di una galleria colorata e multiforme volta ad esaltare le differenti forme dell'amore universale. Inaugurazione della mostra: venerdì 5 giugno ore 18.30. sul sito alcune delle opere http://www.whatsexisanangel.com/works.html

Massimo Consoli: 40 anni di movimento, 50 anni di Archivio (dal 5 giugno al 3 luglio nella sede di Arcigay Roma, via Zabaglia 14): una rassegna dedicata a Massimo Consoli, tra i fondatori e i leader del movimento gay scomparso il 4 novembre 2007. Massimo Consoli ha raccolto nel corso di tutta la sua vita i documenti e le testimonianze più significative per la comunità lesbica e gay, materiale che viene esposto per la prima volta nella Capitale. Inaugurazione della mostra: venerdì 5 giugno ore 19.30. 

 

About RR

Check Also

Al Museo Pietro Canonica la mostra “Questo è Aquilino figlio del vento”

#MostraEquina #MuseoPietroCanonica #EZrome Dal 21 maggio al 15 settembre 2024, il Museo Pietro Canonica ospita la mostra "Questo è Aquilino figlio del vento". I ritratti dei cavalli Rospigliosi dalle collezioni capitoline", celebrando i celebri cavalli del principe Camillo Rospigliosi attraverso opere di Johan Reder e Paolo Monaldi. Ingresso gratuito a Villa Borghese. Un'occasione unica per gli amanti dell'arte e della cultura ippica.

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

Lascia un commento