“Un mondo di menu”: Viaggio attraverso la storia a tavola al Garum di Roma

Dal 5 al 7 aprile 2024, il Garum – Biblioteca e Museo della Cucina di Roma diventerà palcoscenico di un'esperienza culturale unica: “UN MONDO DI MENU: la grande storia a tavola”, la mostra più ambiziosa mai dedicata ai menu storici e contemporanei provenienti da ogni angolo del pianeta. Questo evento segna un momento di rilevanza internazionale, proponendo un'esplorazione gastronomica che attraversa momenti storici cruciali, celebrazioni illustri e incontri diplomatici di rilievo, con oltre 400 pezzi espositivi.

Un'esposizione senza precedenti

A vent'anni di distanza dall'ultima grande mostra di menu tenutasi a Milano, Roma si appresta ad ospitare un evento senza eguali nel suo genere. La collaborazione tra Menu Associati – associazione internazionale di menu storici – e il Garum della Fondazione Rossano Boscolo Sesillo ha reso possibile la realizzazione di questa iniziativa, patrocinata anche dalla Presidenza della Repubblica Italiana. L'esposizione si snoda attraverso 18 pannelli monotematici che raccontano la storia e l'evoluzione del menu, da strumento quotidiano a testimone di e mutamenti sociali, fino ad anticipare l'impegno per la candidatura della Cucina Italiana come Patrimonio dell'Unesco.

Tra i pezzi più significativi, si potranno ammirare menu legati a eventi di portata storica come il viaggio di Papa Francesco a Cuba, il primo incontro tra Hitler e Mussolini, e i matrimoni reali di Carlo e Diana e di William e Kate. Il catalogo della mostra, ricco di 464 pagine, si preannuncia come una vera e propria enciclopedia gastronomica e storica, con contributi di esperti del calibro del Prof. Alberto Capatti e di membri di Menu Associati.

Testimonianze di una storia condivisa

La mostra non solo offre uno sguardo sui grandi eventi mondiali ma rivela anche come il menu sia stato e continui ad essere uno strumento di narrazione sociale, economica e politica. Dai menu celebrativi di avvenimenti sportivi internazionali ai più intimi pranzi ufficiali tra capi di Stato, ogni pezzo esposto narra una storia unica. Inoltre, elementi rari come menu stampati su seta o porcellana dimostrano l'arte e la cura investite nella loro realizzazione, spesso affidata a mani di noti artisti.

Verso il riconoscimento Unesco della cucina italiana

Il segretario di Menu Associati, Giulio Fano, e il coordinatore Roberto Liberi evidenziano l'importanza dell'evento come catalizzatore per future iniziative volte al riconoscimento della cucina italiana come patrimonio immateriale dell'umanità da parte dell'Unesco. Maurizio Campiverdi, presidente di Menu Associati, sottolinea il ruolo fondamentale del Garum e della sua direzione nel valorizzare il menu come documento storico e culturale, con l'obiettivo di riscrivere la storia delle cucine del mondo attraverso i suoi esempi più significativi.

Info utili

“UN MONDO DI MENU: la grande storia a tavola” è una mostra da non perdere per appassionati di gastronomia, storia e . Aperta al pubblico dal 5 al 7 aprile 2024, dalle 10:00 alle 18:00, presso il Garum – Biblioteca e Museo della Cucina, in Via dei Cerchi 87 a Roma. L'ingresso è gratuito, offrendo a tutti l'opportunità di immergersi in un viaggio unico attraverso la storia della gastronomia e dei suoi protagonisti. Per maggiori informazioni, è possibile contattare direttamente il Garum.

About EZrome

Check Also

Ottava Edizione del Festival “inCorti da Artemia” al Centro Culturale Artemia di Roma

#inCortiDaArtemia #TeatroItaliano #Cultura #EZrome Dal 19 al 21 aprile, il Centro Culturale Artemia di Roma celebra l'arte teatrale con il Festival "inCorti da Artemia", una vetrina per artisti nazionali che esplorano nuove frontiere drammaturgiche.

Intelligenza artificiale e creatività si incontrano alla 121° edizione dei Cento Pittori Via Margutta

#CentoPittoriViaMargutta #ArteIntelligenzaArtificiale #Creatività #EZrome La 121° edizione dei Cento Pittori Via Margutta a Roma dal 27 aprile al 1° maggio esplora il tema "Intelligenza artificiale e creatività". Un'occasione per riflettere sul rapporto tra uomo e macchina attraverso l'arte.