le mostre personali degli artisti romani Bato e Arianna Matta

La galleria RvB Arts con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma in via delle Zoccolette e in via Giulia BATO – MATTA, le mostre personali degli artisti romani Bato e Arianna Matta

Vernissage e cocktail: giovedì 13 e venerdì 14 ottobre 2016
dalle 18.00 alle 22.30

la mostra resterà aperta fino a sabato 12 novembre
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30;
domenica e lunedì chiuso
Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts
Testo critico: Viviana Quattrini

RvB Arts – Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma
Antiquariato Valligiano – Via Giulia 193, 00186 Roma
info 06.6869505

Dalle incursioni nel segno calligrafico di Bato agli sconfinamenti negli spazi intimi di Arianna Matta, le essenziali e complesse dinamiche del gesto e del pensiero si incontrano nella doppia personale che RvB Arts dedica al lavoro dei due artisti romani.

I segni sospesi di Bato percorrono la storia rievocando Ishtar, la divinità femminile più importante nella civiltà assiro-babilonese, e le figure dei guardiani dell'omonimo portale a lei dedicato nell'antica città di Babilonia, mentre di una recente memoria sono i luoghi e gli oggetti che nelle opere di Arianna Matta si scompongono in piani multipli, innescando interferenze che destabilizzano lo sguardo.

Con questa mostra RvB Arts partecipa alla prima edizione di RAW – Rome Art Week (24 – 29 ottobre), progetto collaborativo no profit creato per valorizzare l'arte contemporanea a Roma e che vedrà coinvolti spazi espositivi e open studio di artisti professionisti.

BATO nasce nel 1977 a Roma, dove attualmente vive e lavora. Durante i suoi studi liceali e universitari Bato è alla costante ricerca di stimoli e idee, sperimentando anche altri mezzi espressivi. Vive pienamente la realtà culturale della sua città, ma intraprende anche diversi e lunghi viaggi in Europa, Asia e Sud America. Conseguita la laurea in Lettere e Filosofia decide di seguire la sua vocazione di sempre dedicandosi completamente alla pittura.

Lo stile di Bato si caratterizza per la sua capacità di non rinunciare alla forma ma trasformarla in segno, un segno rapido e incisivo che contrasta con tenui e morbide sfumature di colore. Le forme che emergono con estrema leggerezza su una superficie bianca sono tracce di una realtà percepita ed elaborata. Paesaggi, personaggi, avvenimenti e ricordi di viaggio sono le fonti d'ispirazione a cui attinge per creare le sue composizioni.

Arianna Matta nasce a Roma nel 1979. La passione per l'arte la porta a laurearsi al D.A.M.S. e poi a frequentare i corsi liberi della Rome University of Fine Arts (RUFA). La sua carriera artistica comincia effettivamente dal 2009 e nel 2011 è già tra i finalisti del Premio Arte Laguna a Venezia. Attualmente vive e lavora ad Albano Laziale.

Le opere di Arianna Matta presentano luoghi abbandonati e destrutturati, spazi mentali che rispecchiano lo stato attuale di una società sempre più frenetica e frammentata. Partendo da fondi materici, con una soluzione di colore ad olio molto diluita, spesso monocromatica, l'artista interviene con diversi strumenti a creare, usando la metafora di Zygmunt Bauman, una “visione liquida” della realtà in cui la costruzione cede il passo all'instabilità.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l'Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed con lo scopo di far conoscere l'arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile' da un punto di vista economico.

About EZrome

Check Also

Malala: un viaggio tra istruzione e libertà al Teatro Lo Spazio

#Malala #Istruzione #Libertà #EZrome La rappresentazione di "Malala: l'istruzione, le donne, la libertà" al Teatro Lo Spazio diventa un viaggio emotivo e culturale che affronta temi come il diritto all'istruzione e la lotta per la libertà femminile, attraverso la vita di Malala Yousafzai, simbolo di coraggio e resilienza.

Un’ora di niente: Paolo Faroni tra comicità e poesia al Teatro Kopò

#UnOraDiNiente #PaoloFaroni #TeatroKopò #EZrome "Un'ora di niente", in scena al Teatro Kopò, vede Paolo Faroni esplorare con ironia e profondità il conflitto tra desiderio e istinto, attraverso un monologo che mescola comicità e poesia, con l'amore come protagonista assoluto.

Lascia un commento