Sabato, 30 Maggio 2020

amazon prime video

regina gallicanoIl 7 e l’8 maggio l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma è stato sede di un importante Workshop Internazionale dal titolo “Innovation on Minimally Invasive Surgery in Gynecology Oncology”.  Sul tavolo del confronto sono state affrontate tematiche strettamente correlate alla Chirurgia Ginecologica Oncologica e in particolare ai progressi raggiungi in campo di Laparoscopia mono accesso o Single Incision Laparoscopic Surgery (SILS) dove l’intervento viene eseguito, non più con quattro piccole incisioni a livello addominale ma con una singola incisione, attraverso l’ombelico e la chirurgia mininvasiva mono accesso robotica, che coniuga i vantaggi dell’utilizzo del “single port” con i vantaggi della chirurgia robotica. Insomma, l’acquisizione di nuove tecnologie per offrire sempre più una terapia chirurgica a “misura di paziente”, correlata alle sue esigenze e al quadro clinico contingente.

Interessante l’intervento del Professore Enrico Vizza, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ginecologia Oncologica dell’Istituto Nazionale Tumori Regina, che ha spiegato come “La nuova frontiera della chirurgia laparoscopica è rappresentata dalle tecniche monoaccesso e la robotica avrà un campo di applicazione elettivo nella chirurgia mininvasiva con un solo trocar. Se già la SILS rappresenta un’importante evoluzione della laparoscopia tradizionale in termini di minor invasività, minore dolore e recupero più rapido nel post-operatorio per il paziente, l’introduzione del robot nella chirurgia mininvasiva monoaccesso ha portato ulteriori vantaggi, soprattutto per il chirurgo, che può così ovviare ad alcune difficoltà tecniche di quest’ultima, dovute a una maggiore complessità della gestione degli strumenti in sede intraoperatoria, a causa dello spazio limitato di azione. Grazie alla visione tridimensionale offerta dalla telecamera con due ottiche, infatti, la chirurgia robotica permette un campo di azione molto chiaro, consentendo il governo degli strumenti in modo assolutamente naturale”.

Importanti anche i dati relativi agli interventi chirurgici in ambito di ginecologia oncologica che vedono l’Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena eseguire annualmente circa 450 interventi e dei quali l’85% per via endoscopica. Il Professore Vizza ha sottolineato infine come nel “nostro Centro negli ultimi 8 mesi abbiamo eseguito 30 interventi con la tecnica SILS e da gennaio 2012, 7 procedure attraverso la chirurgia mininvasiva mono accesso robotica. Il campo di applicazione principale della chirurgia mininvasiva monoaccesso è l’isterectomia radicale e la linfoadenectomia pelvica e lombo aortica nel carcinoma dell’endometrio e della cervice. Secondo la nostra esperienza, riteniamo che il futuro potrà essere rappresentato dall’utilizzo della SILS associata al robot per gli interventi più complessi, mentre per i casi più semplici, la SILS senza robot”.

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.