Ospedale S. Spirito: nuova area per casi sospetti Covid19

All’ospedale Santo Spirito da oggi una nuova holding area per i casi di sospetto covid

È partita nel primo pomeriggio di oggi la Holding Area dell’Ospedale Santo Spirito della ASL Roma 1. Si tratta di un reparto articolato su due piani destinato ai pazienti con quadro clinico-radiologico che, indipendentemente dal livello di criticità, è compatibile con COVID-19 ma con 1° tampone naso-faringeo negativo.

Un reparto separato dal Pronto Soccorso ma in continuità con il percorso “giallo” dell’emergenza per i pazienti sospetti COVID-19. I casi dubbi verranno trasferiti attraverso barella di biocontenimento e con adeguati DPI attraverso due ascensori montalettighe.

La Holding Area è composta da 10 stanze di degenza singole e 2 stanze doppie, tutte a pressione negativa, con zona filtro e bagno. Ogni stanza è dotata di telecamera con microfono, che consente al personale infermieristico una sorveglianza a distanza, attraverso una centralina nella stanza di controllo.

La Holding Area ospiterà anche quei pazienti, già ricoverati in altri reparti, che sviluppano una sintomatologia sospetta di tipo respiratorio per la quale sono necessari trattamenti specifici in attesa dell’esito del tampone.

La gestione clinica del paziente è affidata a un team costituito da internisti, anestesisti e rianimatori, nefrologi, radiologi e medici di pronto soccorso, e con il coinvolgimento degli specialisti necessari a seconda della sintomatologia.

Un reparto di eccellenza tecnologica nell’ospedale più antico d’Europa.

 

 

 

Fonte:
ROBERTA MOCHI UFFICIO STAMPA ASL Roma 1

About EZrome

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento