Apertura del Parco Archeologico del Celio e Museo della Forma Urbis a Roma

Il 12 gennaio 2024, la città di Roma accoglierà l'apertura di un nuovo tesoro storico e culturale: il Parco Archeologico del Celio e il nuovo Museo della Forma Urbis. Queste due nuove attrazioni offriranno ai visitatori la possibilità di immergersi nella storia della città antica, con una mappa marmorea originale di Roma Antica e una collezione impressionante di materiali epigrafici e architettonici.

Apertura del Parco Archeologico del Celio: un nuovo tesoro di Roma

Il Parco Archeologico del Celio, situato nel settore settentrionale del colle, offre una vista mozzafiato sul Colosseo. Il parco ospita importanti reperti archeologici, tra cui le fondazioni perimetrali del tempio del Divo Claudio. Gli edifici nell'area, la Casina del Salvi e l'ex Palestra della Gil, sono stati recuperati e il giardino archeologico adiacente è stato organizzato per temi, esponendo una vasta quantità di materiali epigrafici e architettonici di grandi dimensioni. Questo progetto è parte di un più ampio programma di valorizzazione dell'intera area del Celio e del Centro Archeologico Monumentale (CArMe), promosso da Roma Capitale.

Museo della Forma Urbis: un viaggio nel passato romano

All'interno del Parco, nell'edificio dell'ex Palestra della Gil, si trova il nuovo Museo della Forma Urbis. Il museo ospita i frammenti rimasti della celebre Forma Urbis Romae, la gigantesca mappa marmorea della Roma antica incisa tra il 203 e il 211 d.C. sotto l'imperatore Settimio Severo. Questa mappa, una delle più rare e importanti testimonianze della città antica, sarà visibile al pubblico dopo quasi un secolo. Il museo ospita anche una notevole selezione di materiale architettonico e decorativo dell'ex Antiquarium Comunale.

Cosa aspettarsi dal Parco Archeologico del Celio e Museo della Forma Urbis

Il Parco Archeologico del Celio offre ai visitatori la possibilità di approfondire la loro conoscenza della Roma antica. L'apertura del giardino è solo il primo passo di un programma che porterà all'allestimento completo dei reperti e all'apertura al pubblico della Casina del Salvi, che tornerà ad avere la sua funzione originaria di coffee-house e ospiterà anche una delle nuove Aule Studio di Roma. Il Museo della Forma Urbis offre ai visitatori la possibilità di ammirare la gigantesca mappa marmorea della Roma antica e una vasta selezione di materiale architettonico e decorativo.

Orari e informazioni utili per visitare il Parco Archeologico del Celio e Museo della Forma Urbis

Il Parco Archeologico del Celio è aperto tutti i giorni dalle 7.00 alle 17.30 (ora solare) e dalle 7.00 alle 20.00 (ora legale), con ingresso gratuito. Il Museo della Forma Urbis è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 16.00 (ultimo ingresso un'ora prima). Il museo è chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° maggio. Il biglietto d'ingresso al museo costa € 9,00 per i non residenti e € 6,50 per i residenti. I possessori della MIC Card possono accedere gratuitamente allo spazio museale. Per maggiori informazioni, contattare il numero 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00).

L'apertura del Parco Archeologico del Celio e del Museo della Forma Urbis rappresenta un'opportunità unica per i residenti e i visitatori di Roma di immergersi nella storia della città. Queste nuove attrazioni offrono un viaggio nel passato romano, permettendo ai visitatori di ammirare reperti storici e architettonici di grande importanza. Non perdete l'occasione di esplorare queste nuove gemme culturali di Roma.

About Redazione

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.