Lunedì, 19 Agosto 2019

amazon prime video

San Giorgio in Velabro - InternoLa Cloaca Massima, ai tempi dell'antica Roma, era una delle più importanti condotte fognarie. Venne realizzata nel VI secolo a.C. e si può considerare tranquillamente una delle più rilevanti opere urbanistiche. In prossimità proprio della piazzetta della Cloaca Massima, sorge la chiesa di San Giorgio in Velabro.

Le sue origini sono un po' oscure, ma si tende a far risalire l'edificazione al VI secolo. Successivamente il Pontefice Leone II decise di restaurarla, unendovi pure il culto di San Sebastiano. Fu però Papa Zaccaria ad associare la chiesa a San Giorgio, che decise anche di trasferire, proprio in questa chiesa, le reliquie del santo. Dopo un periodo di degrado, ci pensò Papa Gregorio IV ad avviare i lavori di restauro, facendo aggiungere un portico ed alcuni mosaici che, nel tempo, sono comunque scomparsi. Nel 1298 il Pontefice Bonifacio VIII, con la collaborazione del cardinale Giacomo Stefaneschi, ordinò di far dipingere l'abside e di lavorare ad ulteriori decorazioni. L'ultimo grande restauro avvenne nel 1819, quando Papa Pio VII decise di concedere tale chiesa alla Pia Unione dei Fanciulli, diretta da monsignor Satolli, che ordinò ulteriori lavori.
Appurata la denominazione di San Giorgio, rimane da comprendere perché sia stato aggiunto il termine “Velabro”. Ciò, infatti, è da mettere in relazione al territorio paludoso dove venne edificata questa chiesa. I romani, infatti, chiamarono quella località “velabrum”.
L'abside presenta un affresco, inizialmente attribuito a Giotto, ma poi assegnato a Pietro Cavallini, che raffigura Cristo fra San Sebastiano e San Giorgio.
La chiesa officia una messa particolare, il 23 aprile, in onore di San Giorgio.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.