Lunedì, 16 Luglio 2018

dadiOvvero chi vince e gioca di nuovo (e ci rifà), è pronto per pagare.

Non richiede grandi spiegazioni questo proverbio, tanto antico quanto il vizio del gioco. Ci è sembrato particolarmente adatto a questo periodo tra fine d’anno vecchio e inizio d’anno nuovo, in cui si gioca con gli amici o si attende l’estrazione dei biglietti della Lotteria Italia, la più famosa tra le lotterie nella nostra Nazione, anche se non la più antica. Tra lotto, superenalotto, scommesse lecite (e purtroppo illecite), lotterie, e, ormai, anche il bingo importato dagli Stati Uniti, l’Italia è una delle Nazioni in cui si gioca di più al mondo, per tentare la fortuna e diventare ricchi “facilmente”.  Si tratta di giochi spesso innocenti e con azzardo ridotto al minimo che ci fanno sperare e sognare una vita di agi, riposo, viaggi e serenità (economica naturalmente).

Eppure è facile cadere nella trappola del vizio anche a partire da un semplice “gratta e vinci”. Certo che se poi si vince, si è tentati di riprovarci … e riprovarci … e riprovarci …  Così a ripetizione e senza sosta, perché se una volta si vince, le dieci successive si perde. Ma, come è ben noto, la nostra memoria è opportunista: ci ricordiamo bene e con immenso piacere quando otteniamo un buon risultato, mentre tendiamo a dimenticare la mano persa o il giro andato male. E soprattutto desideriamo talmente tanto provare di nuovo l’immensa soddisfazione della vittoria, che consideriamo i casi sfortunati del tutto secondari, anzi necessari, quasi propedeutici, al nuovo incasso. Insomma, come appunto dice il proverbio, siamo pronti a pagare … pur di ritentare la sorte.

pokerCon la Tombola di Natale o il Sette e mezzo di fine anno (condito dalle lenticchie che, secondo la tradizione e la superstizione da cui il gioco non può mai separarsi, portano soldi) i rischi sono davvero minimi, e siamo tutti pronti a perdere un euro in più. Ma non è sempre così semplice: quando a giocare con chi ha bisogno (di soldi o di illusioni) ci si mette lo Stato, quello con la S maiuscola, magari favorendo giochi d’azzardo iniqui e fuorvianti, che facilmente fanno scivolare nel vizio e quindi nella dipendenza (come il poker online), o magari promettendo stipendi a vita vinti con un biglietto (ma non era una Repubblica basata sul lavoro?), le cose diventano più serie. Anzi no, tragiche e scandalose. Aggettivi fuori moda? Si fa a gara a scandalizzarsi sempre meno, in effetti. Ma se un seno scoperto, o uno scandalo a luci rosse in copertina non fanno più notizia, un biscazziere chiamato Stato Italiano dovrebbe ancora farci arrossire. Oops! Già, è fuori moda anche fare autocritica …

Ciò di cui si può esser certi leggendo il proverbio è che il popolo ci è già passato, ha già visto e provato, ha già elaborato e “digerito”, ha già giocato e vinto e perso. Pur acciaccato è andato oltre e non si farà troppo illudere neanche questa volta. E se non siamo troppo convinti che sia così e che finirà bene anche questa volta, incrociamo scaramanticamente le dita e affidiamoci alla sorte.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.