Guido Strazza – Gianluca Murasecchi insieme DA SEGNO A SEGNO

Guido Strazza – Gianluca Murasecchi  nella mostra  DA SEGNO A SEGNO  Inaugurazione mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 18,00 in occasione di Al Ghetto contemporaneamente 18: designer speciAl pRojecT
Geo Florenti illuminerà le opere a consumo zero.

 
Con la doppia personale “Guido Strazza – Gianluca Murasecchi: da segno a segno” la Galleria Edieuropa intende rendere omaggio a due artisti che, nonostante l'evidente differenza anangrafica – circa quarant'anni – e di percorso visuale, sono uniti da un rappoprto di stima ed amicizia reciproca ed hanno fatto del “Segno” il loro medium artistico, stilistico e concettuale di riferimento.

Con oltre 20 opere per lo più in bianco e nero tra dipinti e vetri (nel caso di Strazza), tele polimateriche, tele 3D, sculture (nel caso di Murasecchi) ed elementi inediti di design, la mostra intende analizzare e sottolineare l'evoluzione di una disciplina artistica che è sempre attuale ed in continua mutazione nei materiali così come nell'estrinsecazione visiva. Da un lato il “Maestro di Grafica” Guido Strazza – la cui personale “Ricercare” si è da poco conculsa alla Galleria Nazionale di Roma -, già presente tra gli artisti della Galleria Edieuropa dalla fine degli anni Settanta, quando viene nominato Direttore della Calcografia Nazionale e dopo la pubblicazione del libro “Il Gesto e il segno”. Le sue tele evocative, intensamente liriche e marcatamente narrative, che spaziano dal ciclo “Segni di Roma” alla più recente produzione, sintetizzano il percorso di un artista che ha segnato la storia dell'arte contemporanea con le sue incisioni. Attraverso un processo di “memorizzazione”, come rimarcato da LorenzaTrucchi, “Strazza dà ai propri strumenti linguistici – segno, colore, luce, materia, spazio – un carattere ed un valore di immediatezza, di flagranza. Una eredità che gli viene dall' Informale e che fa sì che la sua pittura sia anche, hic et nunc, proiezione immediata dell'Io”.
Dall'altro Gianluca Murasecchi, presente in mostra con una serie di opere che coprono la sua produzione artistica dell'ultimo decennio, sino al 2017, e testimoniano – come rimarcato da Giuseppe Appella – la sua costante innovazione tecnica del mezzo espressivo. Murasecchi indaga il “Segno” in quanto “valenza materica e cromatica”, lo estrinseca attraverso l'uso di materiali sperimentali quali il polistirene ad alta densità, lo indaga nelle sue multiformi accezioni quali la fusione, l'incisione, lo scioglimento per acidatura, o l'utilizzo di chiodi e viti sia nella copertura delle forme sia nelle loro possibilità di aggetto da una forma data. Il sondaggio inedito di supporti polimaterici conferisce a Murasecchi una grande respiro creativo e fornisce, parallelamente, letture antitetiche ed esiti suggestivi quali le sculto matrici poi stampate su carta giapponese, nonché i lavori pittorici e grafici di grande formato. Il suo “segnare” non è però solo materico ma anche marcatamente “formale”, così come afferma lo stesso Strazza che, in suo scritto del 2008, sottolinea come “fin da un primo sguardo le opere di Murasecchi suscitano la forte sensazione, ma direi anche il sentimento, di essere forma di un pensiero. Il rigore tecnico, la predilezione per la sintesi, la complessa semplicità delle sue composizioni danno a quel pensiero un senso la cui poetica credo che non possa sfuggire”, facendo sì che i segni si trasformino in dei veri e propri “sistemi formali”. 

La mostra, in esposizione fino al prossimo 20 maggio, è tra gli promossi dall'Artughet – Al Ghetto contemporaneamente 18, nell'ambito di “designer speciAl pRojecT”. Per l'occasione sarà arricchita e completata da un “Quadro di luce” di Geo Florenti, che interverrà su un'opera realizzata dai due artisti nel cortile della galleria. Geo Florenti, artista e designer, è noto nel panorama artistico contemporaneo per le sue istallazioni luminose a consumo zero nei Musei e nei luoghi di italiani. L' Edieuropa sarà la prima galleria privata ad accogliere questo innovativo e sperimentale sistema di illuminazione.

Galleria edieuropa QUI arte contemporanea
Piazza Cenci 56, 00186 ROMA
06 64760172
edieuropa@tiscali.it

Orario: dalle 11.30 alle 19.00 Chiuso lunedì e festivi.

About Redazione

Check Also

Opera a Villa Sciarra: arte in natura per la stagione estiva 2024

#OPERA #arteinnatura #VillaSciarra #EZrome Il 27 giugno 2024, Villa Sciarra ospiterà la mostra di arte contemporanea "OPERA: arte in natura - natura in arte", dalle 18:00 alle 22:00. Curata da Eugenia Querci e Elena Lago, l'evento includerà installazioni, performance e concerti, promuovendo il dialogo tra arte e natura. Ingresso gratuito da Viale delle Mura Gianicolensi e via Calandrelli.

La nuova stagione 2024/2025 del Teatro de’ Servi: I dinosauri non avevano le commedie

#TeatrodeServi #commedie #stagione2024 #EZrome Il Teatro de’ Servi annuncia la stagione 2024/2025 con il claim "I dinosauri non avevano le commedie". Dal prossimo autunno, il teatro proporrà 22 spettacoli suddivisi in commedie a lunga e breve tenitura, eventi speciali di stand-up comedy e concerti. Una stagione che promette di essere variegata e coinvolgente.

Lascia un commento