Roma sotterranea. Il colombario di Pomponio Hylas

Un'apertura straordinaria per andare alla scoperta di uno dei luoghi sotterranei più affascinanti e intriganti di tutta la città: il colombario di Pomponio Hylas. Un piccolo ambiente costruito nel periodo compreso tra il principato di Tiberio e quello di Claudio (14-54 d.C.), utilizzato sino al II sec. d.C. accogliendo, in età Flavia, le ceneri del liberto Pomponio Hylas, da cui prende appunto il nome. Tutte le raffigurazioni al suo interno – Dioniso, Orfeo fra i Traci, il centauro Chitone che insegna ad Achille a suonare la lira, il tricipite Cerbero e il supplizio di Ocno – hanno un forte carattere simbolico e grazie alla nostra visita guidata tutti i segreti che custodisce verranno svelati!

Quando
Venerdì 08 Settembre 2017 alle ore 11:15

Dove
Via di Porta Latina 10, all'ingresso del Parco degli Scipioni

Costi
Quota di partecipazione euro 8 a persona, più biglietto d'ingresso: intero euro 4; ridotto euro 3. Prenotazione obbligatoria.

Info e prenotazioni
“L'Asino d'Oro” Associazione Culturale
cellulare: 346 5920077
e-mail: info@lasinodoro.it

About Redazione

Check Also

Venere in musica: Sergio Rubini, Pino Quartullo e Paola Minaccioni

#VenereinMusica #SergioRubini #PaolaMinaccioni #EZrome Il Parco archeologico del Colosseo continua con "Venere in Musica", presentando "Caro Mecenate" con Sergio Rubini e Pino Quartullo il 25 giugno e "Paola racconta Anna" con Paola Minaccioni il 26 giugno. Gli spettacoli, che si terranno al Tempio di Venere e Roma, offrono un'esperienza culturale unica e gratuita, con prenotazione obbligatoria.

L’estetica della deformazione alla Galleria d’Arte Moderna

#espressionismo #arteitaliana #mostra #EZrome La Galleria d'Arte Moderna di Roma ospiterà la mostra "L'estetica della deformazione. Protagonisti dell'espressionismo italiano" dal 6 luglio 2024 al 2 febbraio 2025. L'esposizione esplora l'espressionismo italiano degli anni Venti-Quaranta, con opere di artisti come Guttuso e Levi. L'evento è promosso da Roma Capitale e organizzato da Zètema Progetto Cultura.

Lascia un commento