Il Museo di scultura antica Giovanni Barracco

Una visita guidata con un archeologo orientalista vi accompagnerà alla scoperta del Museo di Arte Antica intitolato all'illustre collezionista e studioso Giovanni Barracco. All'interno del delizioso palazzetto della Farnesina ai Baullari si conserva una delle collezioni più sorprendenti della città. Un gusto retrò accompagnerà l'intero itinerario dove sarà possibile conoscere da vicino l'arte e la manifattura non solo dei Greci e dei Romani ma anche di tutte le antiche civiltà del Mediterraneo e del Vicino Oriente, come Egizi, Fenici, Assiri, Babilonesi, Ciprioti. Un piccolo gioiello nascosto nel caos cittadino vi regalerà ricche sorprese.

Quando
Sabato 11 Febbraio 2017 alle ore 11

Dove
Corso Vittorio Emanuele II 166A, all'ingresso del Museo

Costi
La visita guidata prevede una quota di partecipazione di euro 8 a persona (gratis under 18). Biglietto di ingresso al Museo gratuito. La prenotazione è obbligatoria.

Informazioni, prenotazioni e contatti
“L'Asino d'Oro” Associazione Culturale
cellulare: 346 5920077
e-mail: info@lasinodoro.it

About Redazione

Check Also

Venere in musica: Sergio Rubini, Pino Quartullo e Paola Minaccioni

#VenereinMusica #SergioRubini #PaolaMinaccioni #EZrome Il Parco archeologico del Colosseo continua con "Venere in Musica", presentando "Caro Mecenate" con Sergio Rubini e Pino Quartullo il 25 giugno e "Paola racconta Anna" con Paola Minaccioni il 26 giugno. Gli spettacoli, che si terranno al Tempio di Venere e Roma, offrono un'esperienza culturale unica e gratuita, con prenotazione obbligatoria.

L’estetica della deformazione alla Galleria d’Arte Moderna

#espressionismo #arteitaliana #mostra #EZrome La Galleria d'Arte Moderna di Roma ospiterà la mostra "L'estetica della deformazione. Protagonisti dell'espressionismo italiano" dal 6 luglio 2024 al 2 febbraio 2025. L'esposizione esplora l'espressionismo italiano degli anni Venti-Quaranta, con opere di artisti come Guttuso e Levi. L'evento è promosso da Roma Capitale e organizzato da Zètema Progetto Cultura.

Lascia un commento