Gustavo Aceves “Lapidarium” dal 16 settembre 2016 a Roma

Gustavo Aceves “Lapidarium” a cura di Francesco Buranelli

Roma
Arco di Costantino | Piazza del Colosseo | Mercati di Traiano
16 settembre 2016 – 8 gennaio 2017

Lapidarium è un intervento monumentale di scultura contemporanea, ideato dall'artista messicano Gustavo Aceves, che dal 16 settembre 2016 troverà spazio nella suggestiva area archeologica di Roma, in un percorso che si snoderà dall'Arco di Costantino alla Piazza del Colosseo fino ai Mercati di Traiano.

Lapidarium è un progetto ‘in fieri' dalle dimensioni e dall'ambizione fuori dal comune: un work in progress che durante il suo tour intorno al mondo crescerà di tappa in tappa fino a comprendere in tutto 100 opere differenti. Dal 2014, anno in cui fu presentato in anteprima a Pietrasanta, fino alla sua inaugurazione ufficiale nel 2015 a Berlino, alla Porta di Brandeburgo, un vasto pubblico ha già avuto modo di ammirare quest'opera straordinaria.

Lapidarium rappresenta il tentativo di Aceves di dare una risposta dinamica e forte a una delle questioni più pressanti e dibattute dei nostri tempi: l'emergenza migratoria. L'artista raggiunge questo obiettivo dando forma al pensiero che si tratti di una crisi dalle radici profondamente radicate nella storia, dal momento che ogni scultura in Lapidarium rappresenta un momento di una particolare diaspora della storia antica.

About EZrome

Check Also

Piccolo uomo grande mondo: un viaggio tra sogno e realtà

#Teatro #Cultura #Innovazione #EZrome In "Piccolo uomo grande mondo", Tommaso Lombardo porta in scena una fiaba comica che esplora il confine tra sogno e realtà, invitando gli spettatori a riflettere sul valore dell'autenticità e del coraggio di essere sé stessi.

Giacomo Matteotti al Museo di Roma: un’eroica testimonianza

#GiacomoMatteotti #Democrazia #StoriaItaliana #EZrome La mostra "Giacomo Matteotti. Vita e morte di un padre della democrazia", presso il Museo di Roma a Palazzo Braschi, celebra la vita e l'impegno del leader socialista nel centenario della sua morte, offrendo una riflessione sul suo contributo alla lotta per la democrazia e contro il fascismo.

Lascia un commento