Al Gay Village il reading teatrale LETTERE A YVES venerdì 8 luglio 2016

Venerdì 8 luglio 2016 – Aula Hit, ore 21.00 – GAY VILLAGE
presenta dal Testo di Pierre Bergè il reading teatrale
LETTERE A YVES

Per celebrare gli 80 Anni dalla nascita di Yves Saint Laurent, in scena gli amori, le passioni e le fragilità del genio della

con PINO AMMENDOLA
per la Regia di BOBO PIANA
al sax Pasquale Loino

L' 8 luglio al Gay Village College è di scena Lettere a Yves, il testo toccante e lucido scritto da Pierre Bergè, collaboratore dell'immenso Yves Saint Laurent, interpretato da Pino Ammendola per la regia di Bobo Piana.

A prestare la voce al compagno di una vita del grande creativo, sarà Pino Ammendola: autore e attore di grande qualità e di lungo corso teatrale, cinematografico e televisivo, nonché finissimo dicitore. Ha lavorato con registi come Dino Risi, Lina Wertumüller e Giuseppe Tornatore. Inoltre ha doppiato attori del calibro di Antonio Banderas, Roman Polanski e Murray Abraham. Sarà perciò la sua voce, accompagnata dalle musiche dell'arpista Stefania Saglietti, a raccontare la singolare storia del celebre Yves, attraverso le lettere scritte dal suo amore che lo ha affiancato nella vita e nel lavoro, per oltre 50 anni…

Il testo di Bergè è rivolto all'amico scomparso, rivelandone gli aspetti più segreti. Le lettere sono il resoconto di un'assenza sempre presente, come dice lo stesso Bergé. Perché il ricordo di Yves lo accompagna ovunque: nelle case, nei giardini di Marrakesh che tanto amavano. Ma anche nei luoghi dove Saint Laurent, sedentario e poco incline ai viaggi, non è mai stato. Non tace la fragilità e gli eccessi dell'amico e al tempo stesso, gli riconosce un talento e una genialità unici che si sono espressi nella moda. Con una prosa semplice e raffinata, rievoca poi il loro primo incontro, il loro amore, i successi condivisi. E gli ultimi anni, difficili e trascorsi in solitudine.

About EZrome

Check Also

Nelle due mani: un’opera prima al Teatro Trastevere

#Teatro #Famiglia #NelleDueMani #EZrome Dal 7 al 10 marzo 2024, il Teatro Trastevere ospita "Nelle due mani", un'opera prima di Roberto Boris Staglianò che esplora le dinamiche di una famiglia attraverso le vicende di Pà, Mà, Caiòn, Abe e nonna Lou, offrendo uno spaccato di vita familiare ricco di emozioni e riflessioni.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento