Donne alla ricerca di un uomo da conquistare nell’antico Giappone, conferenza presso l’Istituto Giapponese di Roma

alla ricerca di un uomo da conquistare nell'antico Giappone

Conferenza a cura di Carolina Negri, con la partecipazione di Alex Rizzatello e Romina Manarin

VENERDI' 26 FEBBRAIO 2016 ore 18.30
Istituto giapponese DI
Via Antonio gramsci, 74
ingresso libero

Attraverso la lettura di alcuni documenti letterari saranno descritte le relazioni uomo – donna in Giappone dall'epoca Nara (710-794) all'epoca Heian (794-1185) per dimostrare che la libertà dei costumi nelle epoche trattate consentiva anche alle donne di partecipare attivamente al corteggiamento.

La conferenza si articola in tre parti: nella prima, Carolina Negri (Professore Associato presso l'Università Ca' Foscari di Venezia) spiegherà brevemente le usanze maritali e la fase del corteggiamento tra i due sessi concentrandosi in particolare sulla lettura di alcune poesie del Man'yōshū (Raccolta delle diecimila foglie, VIII sec.) che descrivono uomini in attesa di donne e donne in procinto di andare a far visita a uomini ai quali indirizzano versi con dichiarazioni più o meno esplicite.

Nella seconda parte, Alex Rizzatello affronterà lo stesso tema del corteggiamento nella letteratura del periodo Heian, analizzando alcuni passi dell'Ise monogatari (Racconti di Ise X sec.) per sottolineare che il protagonista dei vari episodi descritti, presumibilmente il famoso poeta Ariwara no Narihira, non ha sempre un ruolo principale nelle storie d'amore e talvolta non fa altro che rispondere con grande sensibilità e disponibilità ad inviti ricevuti da donne molto intraprendenti.

Infine, nella terza ed ultima parte, Romina Manarin proporrà una attenta lettura di alcuni brani tratti dallo Heichū monogatari (Racconti di Heichū, X sec.) e dallo Yamato monogatari (Racconti di Yamato, X sec.) per dimostrare che queste due opere, sicuramente meno note dell'Ise monogatari, offrono spunti di ricerca molto interessanti per avvicinarci a una società distante da noi nel tempo e nello spazio, dove la donna non ha sempre il ruolo passivo che siamo abituati a credere.

Carolina Negri, insegna lingua e letteratura giapponese presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Si occupa di letteratura giapponese premoderna, in particolare della letteratura femminile nell'epoca Heian (794-1185). Tra le sue pubblicazioni: “Marriage in the Heian Period (794-1185). The Importance of Comparison with Literary Texts”, Annali dell'Istituto Universitario Orientale, vol. 60-61 (2000-2001), Napoli, 2002; Le memorie della dama di Sarashina (Sarashina nikki) Venezia, Marsilio, 2005; Diario di Izumi Shikibu (Izumi Shikibu nikki) Venezia, Marsilio, 2008; Diario di Murasaki Shikibu (Murasaki Shikibu nikki), Venezia, Marsilio, 2015.

Alex Rizzatello, laureato in Lingue, culture e società dell'Asia e dell'Africa mediterranea (percorso Giappone) presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, è attualmente iscritto al secondo anno di laurea magistrale. Il suo progetto di tesi si concentra sui rapporti uomo-donna nel Giappone antico visti attraverso opere come il Man'yōshū (Raccolta delle diecimila foglie, VIII sec.) e l'Ise monogatari (Racconti di Ise, X sc.). I suoi interessi di ricerca riguardano principalmente la letteratura classica giapponese, sia classica che moderna, la lingua classica e la linguistica.

Romina Manarin, laureata in Lingue, culture e società dell'Asia e dell'Africa mediterranea (percorso Giappone) presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Attualmente è iscritta al secondo anno di laurea magistrale. In ambito di ricerca, si interessa principalmente di poesia, sia di epoca classica che moderna, e di lingua giapponese classica.

About Redazione

Check Also

Record di medaglie nell’Atletica: quali fattori dietro allo straordinario successo nei 6 giorni degli Europei a Roma?

La straordinaria preparazione degli atleti italiani ha di certo avuto un ruolo cruciale nel successo …

BabelNova Orchestra presenta Magma a Testaccio Estate

Musica #Cultura #EventiRoma #EZrome Il 19 giugno, a Testaccio Estate, BabelNova Orchestra presenta "Magma", il suo album di esordio, in un concerto gratuito per la Giornata Mondiale del Rifugiato. L'evento, promosso da Refugees Welcome Italia, si inserisce in una serata ricca di attività culturali e sociali, aperta al pubblico di tutte le età.

Lascia un commento