La galleria RvB Arts con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma INTERNO 109

La galleria RvB Arts con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma in via delle Zoccolette e via Giulia

INTERNO 109
con le opere di Marco Spaggiari e Luca Zarattini

Vernissage e cocktail: giovedì 5 e venerdì 6 novembre 2015
dalle 18:00 alle 22:30

la mostra resterà aperta fino a sabato 28 novembre
orario negozio; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren
Testo critico: Viviana Quattrini

RvB Arts – Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma
Antiquariato Valligiano – Via Giulia 193, 00186 Roma
info 06.6869505 / 335 1633518

Interni sono i luoghi della convivenza, sono quelle realtà che a volte vediamo delimitate da strutture, altre volte aperte nelle relazioni. Nelle opere di Marco Spaggiari e di Luca Zarattini, Interno è una realtà indagata e fatta propria attraverso la pratica del lavoro; è lo ‘spazio transizionale' come lo definiva Donald Woods Winnicott costruito sia soggettivamente che percepito oggettivamente.
È tanto un vissuto che un quotidiano sentito quello che così vediamo nei casoni del lavoro abbandonati delle Valli di Comacchio in Zarattini e nelle abitazioni intime di Spaggiari. La realtà è una dimensione a più livelli dove il colore è la più diretta fonte di energia.
Viviana Quattrini

Marco Spaggiari è nato a Correggio nel 1974 e attualmente vive e lavora a Fabbrico (RE). Nel 2009 si diploma in pittura all'Accademia di Belle Arti di Bologna dove nel 2012 consegue la laurea specialistica con una tesi in estetica. Il disegno, la pittura e la sono i mezzi principali attraverso i quali l'artista si esprime.

Nelle opere di Spaggiari il pensiero non si ferma alla superficie delle cose, le interroga fino a toccarne l'intima ‘presenza' in esse custodita. È così che il rappresentato prende vita e diviene conseguenza di quel rapporto profondo col soggetto.

Mostre Personali
2015 | RvB Arts, Roma; Palazzo dei Principi, Correggio. 2014 | Galleria Fotografica Interzone, Roma; Libreria Trame, Bologna. 2013 | Museo della Città (Pinacoteca), Rimini; Spazio Senza Filtro, Bologna; Galleria Spazio Meme, Carpi. 2012 | Libreria Modo Infoshop, Bologna. 2011 | Arte Fiera Off, Bologna. 2010 | Centro Internazionale Loris Malaguzzi, Reggio Emilia. 2006 | Torre Civica Campanon, Guastalla. 2005 | Palazzo dei Principi, Correggio; Galleria de'Bonis, Reggio Emilia. 2004 | Galleria Metamorfosi, Reggio Emilia.

Premi
2015 | Selezionato tra i 40 finalisti al Premio Ars Mirabilis. 2010 | 6° Biennale Concorso di Pittura Contemporanea Pierpaolo Germano Tassi (primo premio), Vignola; XXIV edizione del Premio Morandi di incisione, finalista, Bologna.

Luca Zarattini è nato a Codigoro (Ferrara) nel 1984 e si è diplomato all'Accademia di Belle Arti di Bologna. Nonostante la giovane età, Zarattini ha tenuto esposizioni personali che lo hanno portato all'attenzione della critica e alla partecipazione ad importanti rassegne, con l'aggiudicazione di prestigiosi premi (Zingarelli 2010, Basilio Cascella 2011 e del Concorso 150° dell'Unità indetto dalla Prefettura di Ferrara e dall'Istituto di Storia Contemporanea).

Zarattini unisce lo studio di soggetti tradizionali con la sperimentazione dei materiali. L'incorporazione di elementi contemporanei come il cemento, la plastica, il metallo riciclato e falde di cartoni industriali non soltanto dona alla superficie dei suoi dipinti una consistenza ricca e densa ma dispone anche un intrigante dialogo tra presente e passato.

Mostre Personali
2015 | RvB Arts, Roma; Interzone Galleria, Roma. 2014 | Sala espositiva del Liceo Artistico Dosso Dossi, Ferrara; RvB Arts, Roma; Pinacoteca Civica, Museo della Musica e Circolo ARCI Kino, Pieve di Cento. 2013 | Sagrato della chiesa di San Girolamo, Ferrara; MuGa Multimedia Gallery, Roma; Spazio Senza Filtro, Bologna. 2012 | Profumeria Tatler, Bologna; La Sala della Gran Guardia, Isola d'Elba; Torrione San Giovanni, Ferrara. 2011 | Arte Fiera Off, Bologna; Profumeria Tatler, Bologna; Casa dell'Ariosto, Stellata di Bondeno. 2010 | Centro Studi Villa Dante Bighi, Copparo; Galleria Il Melone, Rovigo. 2009 | Palazzo Bellini, Comacchio. 2008 | Galleria del Carbone, Ferrara. 2005 | Torre dei Ferraresi, Camposanto.

Premi
2015 | Selezionato al Premio Arteam Cup, Venezia; Selezionato al Premio Carlo Bonatto Minella, Rivarolo Canavese; Selezionato tra i finalisti al Premio Niccolini, Ferrara. 2014 | Selezionato tra i finalisti al Premio Lissone, Lissone. 2011 | Vincitore del premio della critica Premio Basilio Cascella, Museo Civico di Arte Contemporanea Palazzo Farnese, Ortona; Vincitore del premio Un'Opera d'Arte per il 150˚ Anniversario dell'Unità d'Italia, Prefettura Ferrara, Ferrara; Selezionato tra i 14 artisti al Premio Morlotti-Imbersago, Imbersago. 2010 | Vincitore del Premio Sasyr, Castellina in Chianti. 2007 | Selezionato sul catalogo generale del Premio Celeste.

RvB Arts è una galleria romana che promuove l'Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed con lo scopo di far conoscere l'arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile' da un punto di vista economico.

Michele von Büren: gallerista di RvB Arts; email: info@rvbarts.com

Antiquariato Valligiano: via Giulia 193, tel e fax: 06.6869505

About Redazione

Check Also

“Il mondo alla prova dall’esilio”: eventi a Villa Medici

#Esilio #VillaMedici #EZrome “Il mondo alla prova dall’esilio” si terrà il 29 e 30 maggio 2024 a Villa Medici di Roma, con una serie di eventi gratuiti e a pagamento dedicati all’analisi dell’esilio. L’evento prevede conferenze tenute da esperti, un concerto mediterraneo e uno spettacolo teatrale, offrendo una riflessione critica sulle dinamiche dell’esilio e sulle risposte di solidarietà.

OxidAction / Relocating film decay: la nuova mostra multimediale a Roma

#Mostre #Roma #OxidAction #EZrome "OxidAction / Relocating film decay", la nuova mostra multimediale a Roma, inaugura il 7 giugno presso la Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ETS. Parte dell'iniziativa Archivissima - La notte degli archivi, la mostra esplora il degrado delle pellicole cinematografiche della Prima Guerra Mondiale in un percorso sensoriale tra fotografia e cinema.

Lascia un commento