Altre scuse per non esistere: un viaggio teatrale al Quarticciolo

Il Biblioteca Quarticciolo, sotto la guida di Giorgio Andriani e Antonino Pirillo, si prepara ad accogliere un evento unico nel suo genere: “Altre scuse per non esistere”, uno spettacolo che si annuncia come un'immersione profonda nelle acque dell'assurdo e della poesia. Questo appuntamento esclusivo, previsto per sabato 6 aprile alle ore 21.00, vedrà sul palco Gioia Salvatori e Ivan Talarico, due artisti che attraverso monologhi, canzoni, paradossi e sproloqui esploreranno i confini tra la presenza e l'assenza, il tutto nella cornice intima di via Ostuni, 8 a Roma.

Un dialogo tra assenze

“Altre scuse per non esistere” si propone come uno spettacolo al confine tra la performance teatrale e l'esperimento sociale. Salvatori e Talarico, già compagni di avventure artistiche in vari formati, tra cui il varietà “Sgombro” e il programma radiofonico “Le Ripetizioni” di Rai Radio3, tentano l'impresa di “non esserci” in scena. Un paradosso vivente dove, pur stando sul palco, cercano di annullare la propria presenza fisica per diventare voce, pensiero, o forse solo un'eco di ciò che erano. La performance è un invito a riflettere sull'esistenza, sulle relazioni umane e sulla solitudine, con un linguaggio che oscilla tra il comico e il tragico.

Tra teatro e musica: un omaggio alla vita

Il teatro si trasforma così in un luogo di evocazione temporale, dove il presente viene sfiorato appena il tempo di emozionarsi. La narrazione personale di Salvatori e Talarico diventa universale, toccando temi come l'amore, la natura, il viaggio, e la vita quotidiana. Attraverso il canto, che “disfa la parola in altro”, e la narrazione, che gioca con il pubblico sfidando le convenzioni narrative, gli artisti rendono “Altre scuse per non esistere” un'opera che interpella direttamente lo spettatore, lasciandolo l'unico testimone di “aver visto qualcosa”.

Un'esperienza teatrale oltre il reale

L'evento si presenta come un viaggio oltre il reale, un tentativo di uscire dalle costrizioni quotidiane per abbracciare un'esistenza più autentica, anche se questo significa “evitarsi” o “scomparire presso gli altri”. Salvatori e Talarico aprono così a mondi diversi e frastagliati, dove vagare senza meta diventa un atto liberatorio, un modo per trovare consolazione nella confusione della vita moderna. “Altre scuse per non esistere” è quindi una celebrazione dell'arte di stare al mondo in maniera egocentrica, ma profondamente consapevole della propria transitorietà.

Info utili

Per tutti coloro che desiderano partecipare a questa inusuale esperienza teatrale, “Altre scuse per non esistere” si terrà sabato 6 aprile, alle ore 21.00, presso il Teatro Biblioteca Quarticciolo in via Ostuni, 8 a Roma. I biglietti sono disponibili al costo di 12€ per il prezzo intero, 10€ per il ridotto over 65 e convenzioni, e 8€ per gli studenti. Una serata che promette di essere un viaggio indimenticabile attraverso l'arte, la musica e il teatro, guidato da due artisti che hanno fatto della loro “assenza” una forma d'arte.

About EZrome

Check Also

“Arte in Musica” al Teatro Ivelise: un viaggio nella storia dell’arte italiana

#ArteInMusica #StoriaDellArte #TeatroIvelise #EZrome Il 27 aprile, il Teatro Ivelise di Roma presenta "Arte in Musica", un incantevole viaggio attraverso la storia dell'arte italiana, animato dalle musiche di Gianmarco Giannetti e dalla voce di Greta Arditi.

Opera for Peace Academy: un futuro per i talenti lirici

#OperaForPeace #TalentoLirico #CulturaGlobale #EZrome Opera for Peace Academy inaugura la sua terza edizione a Roma, dimostrando come la lirica possa essere un ponte tra culture e un mezzo per promuovere la pace e la giustizia sociale. Con il sostegno di istituzioni di fama mondiale, l'academy si impegna a formare artisti-cittadini pronti a ispirare il mondo