“Conta che passa la pazza” al Teatro Porta Portese

 

Una donna, ingabbiata in una struttura molto originale, è in azione in uno spazio delimitato da tre punti cardinali, raffigurati da tre personaggi inanimati e rappresentati da tre oggetti simbolici che fanno rumore, parlano, nonostante abbia più volte provato a zittirli.

È il rumore assordante della solitudine. La donna non ha nome. Non lo ricorda. Scopriamo quasi subito che ha fatto calcoli sbagliati, ha seguito un sentiero impervio per giungere proprio lì, nel luogo da cui tutto ha avuto inizio, di fronte al mare, tra la Terra e il Cielo, su di un'isola ai confini del tempo, nel luogo in cui aspetterà, invano, che qualcuno la riporti a casa. Ma ha dimenticato le virgole e, come spesso succede nelle equazioni, una virgola sbagliata conduce al risultato sbagliato.

Raccontiamo di una donna che sa di antico, di poesia. Sta dimenticando e ha paura di dimenticare ancora. Le hanno detto che un giorno non riuscirà a pronunciare parola, che è malata, che non avrà più memoria di sé.

 

NOTE DI REGIA

Il Mondo occidentale sta vivendo un Tempo in cui lo sguardo verso l'orizzonte mostra un paesaggio desolato dove la linea di confine tra la vita e la morte è sempre più labile. Il Sistema mediatico ha prodotto mezzi che hanno generato spazi e luoghi fasulli in cui è stato modificato il significato dei valori etici, estetici e morali su cui una società evoluta dovrebbe basarsi. Questo ha prodotto spaesamento e disorientamento. e persone hanno perso improvvisamente il loro radicamento e di conseguenza la Memoria, patrimonio necessario di una comunità matura. Ognuno, a suo modo, ha sviluppato una reazione diversa. I più fragili, i più sensibili si sono “rifugiati” in patologie come depressione, demenza, Alzheimer. Nella mia regia ho inteso ricercare una Forma che potesse ricreare uno Spazio in cui, ricordare e rappresentare si fondessero in una visione della realtà non convenzionale, astraendo il concetto di Tempo affinché la condizione patologica di chi si sente diverso, escluso, perduto o abbandonato potesse essere sublimata attraverso l'inclusione in una dimensione poetica. Questo spettacolo si inserisce in quelle iniziative di solidarietà, di impegno civile e sociale, di tutela e promozione dei diritti umani, a favore di anziani e persone svantaggiate che, in luoghi difficili da raggiungere come le isole, difficilmente hanno la possibilità di Essere Comunità nella Patologia e nel Disagio.

“CONTA CHE PASSA LA PAZZA”
Atto unico di Irma Ciaramella

Regia, allestimento scenico, luci e musica di
Francesco Maria Cordella
con Irma Ciaramella

Assistenti alla regia
Assunta Pariante
Ottavia Orticello

Costumi
ACTS Theater

Foto di scena di Pino Le Pera

Produzione ACTS Theater

Dal 4 al 6 novembre 2022

Rassegna “STORIA A MEMORIA”

 

Info:
“CONTA CHE PASSA LA PAZZA”
di Irma Ciaramella

Venerdì 4 e Sabato 5 – ore 21/Domenica 6 Novembre ore – 18,00

Portaportese
Via Portuense, 102 – Roma 00153

Biglietti:
INTERO: Euro 15,00 – RIDOTTO: Euro 12,00 – STUDENTI: Euro 10,00
BAMBINI: Euro 8.00 (tutti i prezzi sono comprensivi del costo tessera di €2)

Prenotazioni
Tel: 06 581.23.95/335.72.55.141

 

Andrea Cavazzini – Giornalista e Ufficio Stampa

 

 

 

Fonte: Andrea Cavazzini

About EZrome

Check Also

Vanessa Scalera brilla in “La Sorella Migliore” a Roma

#LaSorellaMigliore #Teatro #Cultura #EZrome "La Sorella Migliore", con Vanessa Scalera, offre a Roma un viaggio emotivo nel teatro. Un dramma familiare che esplora sentimenti profondi, colpe e redenzioni, promettendo un'esperienza unica.

“Madre, Figlia e Spirito”: trinità femminile in scena

#MadreFigliaSpirito #Teatro #Cultura #EZrome "Madre, Figlia e Spirito" al Teatro Di Documenti di Roma, un viaggio attraverso tre archetipi femminili che esplorano il dialogo tra umano e divino, tra ombra e luce, guidato dalla visione di Ortensia Sayre Macioci.

Lascia un commento