Al Teatro Le Sedie in scena la celebre opera “Tosca”

Venerdì 1 aprile, alle 20:30, al Le Sedie va in scena l'opera lirica con la celebre “Tosca” di Giacomo Puccini, prodotta dall'Associazione Musicopaideia, per la regia di Andrea Pergolari.

Fra i protagonisti dello spettacolo, proposto nella riduzione per voce e pianoforte con il Maestro concertatore Sara Ferrandino, il soprano Anna Bruno è la diva Floria Tosca, il cui amante, il pittor Mario Cavaradossi, è interpretato dal tenore Marcello Pierini e, a chiusura del tragico triangolo amoroso, il ruolo antagonista del Barone Scarpia, cantato dal baritono Angelo Nardinocchi. L'opera, che il Maestro Puccini compose per la Città Eterna, è una storia di amore e morte, splendore e decadenza sul côté della Roma papalina di fine Ottocento, reduce dalla caduta della Prima Repubblica Romana e divisa tra bonapartisti e sostenitori del Papato.

Sant'Andrea della Valle, Palazzo Farnese, Castel Sant'Angelo: sono questi i luoghi di “Tosca”, che ne scandiscono gli atti e rendono Roma con le sue atmosfere (le campane, i canti liturigici, il Te Deum), il cuore pulsante dell'intera opera. Ispirandosi all'omonimo dramma di Sardou, Puccini evita di descrivere musicalmente molti particolari della cornice storica che avrebbero rallentato il corso dell'azione, e si focalizza sul tema dell'amore perseguitato e sul mutamento degli stati d'animo dei suoi personaggi: la musica alterna armonie dissonanti, come quelle che accompagnano l'ingresso del sadico Scarpia restituendone l'indole malvagia, al lirismo delle melodie dei duetti d'amore tra Tosca e Cavaradossi, per culminare nelle celebri romanze (Vissi d'arte, Recondita Armonia, E Lucevan le stelle) che hanno sancito il successo di quest'opera negli anni.

Considerata l'opera pucciniana più drammatica, “Tosca” avvince e conquista il pubblico con i suoi colpi di scena e per l'attenta rappresentazione musicale delle passioni umane e delle usanze storiche della Roma del 1800 con tutte le sue contraddizioni di ieri come di oggi, tra sfarzi, liturgie e peccati.

 

Venerdì 1 aprile 2022 alle 20.30
Teatro Le Sedie in Via Veientana Vetere, 51 -ROMA

DIREZIONE ARTISTICA ANDREA PERGOLARI

L'Associazione Musicopaideia
Presenta

TOSCA
Melodramma in tre atti
Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica
Musica di Giacomo Puccini

Maestro concertatore al pianoforte Sara Ferrandino | Regia Andrea Pergolari | Scene Erika Cellini

FLORIA TOSCA, cantante/ Soprano
Anna Bruno
MARIO CAVARADOSSI, pittore / Tenore
Marcello Pierini
IL BARONE SCARPIA, capo della Polizia/baritono
Angelo Nardinocchi
CESARE ANGELOTTI, Basso
Cristian Germàn Alderete
SAGRESTANO, Baritono
Silvio Riccardi
SPOLETTA, Agente di Polizia/Tenore
Maurizio Ceccarelli
SCIARRONE, Gendarme/basso
Silvio Riccardi
UN CARCERIERE, Basso
Fabrizio De Antoni
UN PASTORE, Soprano
Elena Nardinocchi
UN SERGENTE
Stefano Sarra

Il quadro della Maddalena per il I atto è gentilmente fornito dalla pittrice Luisa Ciampi

TEATRO LE SEDIE
3201949821

MUSICOPAIDEIA

 

Fonte: Irene Scilipoti

About EZrome

Check Also

Roma World: un tuffo nell’Antica Roma tra divertimento e cultura

#AnticaRoma #Divertimento #Cultura #EZrome Roma World riapre le porte con una stagione 2024 piena di novità: dallo spettacolo "Roma On Fire" al Backlot Tour, un'avventura unica tra storia e cinema. Un'esperienza immersiva nell'Antica Roma, dove divertimento e apprendimento si fondono in un viaggio indimenticabil

Live nei teatri: Levante celebra dieci anni di musica

#LevanteLiveNeiTeatri #musica #teatro #EZrome Levante, in tour con "Live nei teatri", celebra i dieci anni di carriera con uno spettacolo che intreccia musica, storia personale e rinnovamento artistico. Tra gli impegni futuri, diverse città italiane ospiteranno le sue esibizioni intime e coinvolgenti.

“Roots/Le radici del contemporaneo” celebra Elsa Morante con “La Storia”

#RootsFestival #LaStoria #ElsaMorante #EZrome Il festival "Roots – Le radici del contemporaneo" celebra il cinquantenario del romanzo "La Storia" di Elsa Morante con un reading speciale alla Libreria Tuba di Roma. Un'immersione nelle emozioni estreme e nella narrativa potente di Morante, in un evento che rievoca i valori della Resistenza alla vigilia del 25 aprile.

Lascia un commento