Fragile Ecosystem: l’arte incontra la natura al Museo Orto Botanico

Nel cuore di Roma, il Museo Orto Botanico – Sapienza Università di Roma si appresta ad accogliere una manifestazione artistica di rara intensità: “Fragile Ecosystem”, un'installazione site specific concepita dall'artista Giulia Pompilj. Dal 7 marzo al 6 aprile 2024, gli spazi della Serra Espositiva saranno di un'esplorazione profonda della precarietà degli ecosistemi naturali, attraverso un lavoro che combina arte, scienza e sensibilizzazione ambientale.

Un dialogo tra arte e ambiente

“Fragile Ecosystem” si presenta come un'immersione sensoriale nell'ambiente naturale, dove tessuti tinti con pigmenti vegetali e design sonoro curato da Edoardo Tedone si fondono per evocare le fragili bellezze di un ecosistema minacciato. L'installazione utilizza il cotone come medium principale, attraversato dal vento, per rappresentare l'effimera esistenza di mondi a rischio di estinzione. Al centro dell'opera, un debole bagliore simboleggia la resilienza intrinseca della natura, una luce di speranza che persiste nonostante le avversità.

Questo progetto espositivo non è solo una dimostrazione artistica ma anche un invito alla riflessione sulla complessa rete di relazioni che sostiene la biodiversità del nostro pianeta. La scelta di posizionare l'opera all'interno del Museo Orto Botanico, un luogo dedicato alla conservazione della flora, arricchisce il messaggio di Pompilj, creando un dialogo suggestivo tra arte e scienza.

Giulia Pompilj: un percorso tra arte e ricerca

Giulia Pompilj è un'artista che trae ispirazione dalla natura e dai suoi intricati meccanismi di sopravvivenza. Formata presso la Design Academy Eindhoven e con esperienze significative come lo stage a Mater Iniciativa in Perù, Pompilj ha sviluppato una metodologia unica che unisce tintura naturale ed etnobotanica. Il suo lavoro mira a evidenziare la connessione profonda tra le comunità locali e i loro ecosistemi, utilizzando l'arte come mezzo per comunicare complesse trame di relazioni biologiche, storiche e sociali.

Le sue opere precedenti, esposte in contesti internazionali e accompagnate da conferenze e workshop, testimoniano un impegno costante verso la divulgazione e l'istruzione. “Fragile Ecosystem” si inserisce in questo percorso, rappresentando una nuova tappa nel suo viaggio artistico e intellettuale.

Info utili

L'installazione “Fragile Ecosystem” sarà visitabile dall'8 marzo al 6 aprile 2024, dal martedì alla domenica, dalle 9:00 alle 17:30, presso il Museo Orto Botanico – Serra Espositiva a Roma. Il biglietto d'ingresso ha un costo di 5,00 €, con riduzioni disponibili per determinate categorie. Non è necessaria la prenotazione per accedere all'esposizione.

Questa iniziativa offre un'occasione unica per immergersi in un'esperienza artistica che interpella direttamente i nostri sensi e la nostra coscienza ecologica, invitandoci a riflettere sulla fragilità e sulla bellezza del mondo naturale che ci circonda.

About EZrome

Check Also

“Leviatano” al Teatro Trastevere; un viaggio nel ridicolo e nel coraggio

#Leviatano #TeatroTrastevere #StupiditàUmana #EZrome “Leviatano” di Riccardo Tabilio, un viaggio tra incompetenza straordinaria e genio visionario, approda al Teatro Trastevere di Roma, promettendo un'esperienza teatrale unica e provocatoria.

“Alice”, il dramma sulla vendetta e il perdono al Teatro Altrove

#Alice #Teatro #Riflessione #EZrome "Alice", al Teatro Altrove di Roma, è un dramma che naviga i turbolenti mari della vendetta e del perdono, esplorando la devastazione emotiva e sociale del femminicidio attraverso il confronto tra due madri.