“Nativitag”, a via Margutta la Natività secondo 8 grandi della street art italiana

La collettiva, che comprende 24 opere, aprirà giovedì 7 dicembre e sarà visitabile sino a venerdì 12 gennaio. “Nativitag”, in via Margutta la Natività secondo 8 grandi della street art italiana
Otto grandi nomi della street art italiana sono riusciti a “rieditare” la nascita più importante della Cristianità alla luce (e alle ombre) della società di oggi. Questi gli artisti in mostra:
Mr Klevra, Maupal, Elettra Orlandi, Mauro Sgarbi, Darehood, Zoe, Uman e Giusy Guerriero

LA MOSTRA – Può una storia che ha già 2000 anni, intrisa di spiritualità, tradizione e mistero, assumere significati ancora oggi inediti? Otto grandi nomi della street art italiana sono riusciti a “rieditare” la nascita più importante della Cristianità alla luce (e alle ombre) della società di oggi. “Nativitag”, crasi letteraria che unisce il tema della Natività al linguaggio stilistico degli artisti, è il titolo della nuova mostra del ristorante vegetariano Il Margutta Veggy Food & Art, a Roma, in via Margutta 118, ideata e organizzata da Tina Vannini e curata da Simona Micheli dell'Associazione culturale Fram!Lab. La collettiva, che comprende 24 opere, aprirà giovedì 7 dicembre (vernissage e Aperitif Art ore 19-21) e sarà visitabile sino a venerdì 12 gennaio. Questi gli artisti in mostra: Mr Klevra, Maupal, Elettra Orlandi, Mauro Sgarbi, Darehood, Zoe, Uman e Giusy Guerriero. Ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 alle 23.

LE OPERE – La Natività, in ogni sua forma, è l'espressione più grande della vita, una proiezione di luce nel futuro, una trasformazione del nulla in tutto. La mostra intende proiettare lo spettatore in una dimensione nuova, poiché ogni artista ha elaborato le proprie opere interpretando questo tema attraverso il proprio pensiero e le proprie emozioni. In base a questa libertà, Mr Klevra raffigura lo sguardo essenziale di una Madonna triste e in apprensione, mentre Maupal la propone armata di bomboletta spray accanto un tag all'insegna della fluidità di genere. La Madonna di Elettra Orlandi, invece, è intenta all'allattamento del nascituro ed è avvolta da un manto blu che si scopre serpente. Poi, se Mauro Sgarbi propone una nascita cosmica, tra costellazioni e galassie, Darehood restringe il raggio d'azione e ci ricorda la guerra tra Israele e Palestina. Tra le opere in mostra, anche i pulcini stilizzati ed enigmatici di Zoe, il ritratto, intenso e quasi apocalittico, della donna con nascituro di Uman e l'attesa essenziale e spoglia di Giusy Guerriero, che ritrae contemporaneamente una donna-contenitore e il bebè-contenuto.

“UNA MOSTRA PER DARE SPERANZA” – “La mostra di Natale, appuntamento che è divenuto da noi ormai tradizione, quest'anno ha cercato di lanciare un grido di speranza, scegliendo il linguaggio diretto, graffiante, puro e poetico di 8 Street Artist – spiega Tina Vannini, ideatrice del progetto e titolare de Il Margutta – Alla luce dei recenti accadimenti, italiani e mondiali, e delle tante storie di violenza e di morte a cui assistiamo, anche causate dalle (dubbie?) moralità e ideologie di singoli, gruppi e nazioni, la Natività deve raccontare la stessa grande Storia ma deve proporre anche sfaccettature diverse, così da unirci in un coro unanime, senza distinzioni di età, etnie e religioni, e nel rispetto dei Credo di ognuno”.

Ufficio Stampa: Salvo Cagnazzo – Uozzart

Fonte: Uozzart

About EZrome

Check Also

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Expo – Teatro Italiano Contemporaneo illumina il Teatro Belli

#ExpoTeatroItaliano #TeatroBelli #CulturaContemporanea #EZrome "Expo – Teatro Italiano Contemporaneo" al Teatro Belli di Roma: "Poi dice che uno beve" e "Shame Culture" esplorano le sfide della vita moderna e il dialogo intergenerazionale, offrendo uno sguardo profondo sulla società attraverso il teatro.