Il Collettivo The Archetypists | 12 novembre spazio DuminDa

Il Collettivo The Archetypists di via Giulia – Luisa Valeriani la MAGA, DuminDa l'INNOCENTE, Ivo Cotani l'INNAMORATO -, protagonista del progetto/mostra “Il Gioco degli Archetipi, Act One” curato da Sara Corti e inaugurato durante Rome Art Week presso Spazio DuminDa,

uno spazio d'artista condiviso, invita architetti, interior designer, art dealer, gallerie e non solo, il 12 novembre 2022 dalle ore 18:00 alle 22:00, per presentare la propria ricerca artistica con l'auspicio di creare nuove sinergie, interazioni e future collaborazioni.

Tre identità forti, tre Archetipi, tre Artisti in perfetta armonia, pur nella loro diversità, inconsciamente connessi, ma liberi di esprimere ognuno la propria unicità. Infatti, i tre Artisti/Archetipi e fondatori del Collettivo si esprimono attraverso metafore, allegorie, formule magiche e fiabesche, la rêverie dans sa splendeur, sogno e realtà: l'obiettivo del Collettivo consiste e consisterà in futuro, nell'inspirare una semplice, ma profonda riflessione, con licenze poetiche e parentesi ludiche per ripercorrere, sviluppare e condividere tracce latenti del nostro passato, creando, al contempo, una nuova dimensione artistica, di vita e di pensiero. Il progetto presentato per RAW 2022, Il gioco degli Archetipi, a geometria variabile e a vocazione “dialogo interculturale”, comporta l'approfondimento di alcuni concetti cari a Jung in uno spazio fisico e mentale.

LUISA VALERIANI @luisavaleriani_art
Luisa Valeriani, da sempre ispirata dai modi dei Romantici tedeschi, dall'oro e dalle eleganti linee Art Nouveau e dai Simbolisti, interpreta il suo personale idioma artistico attraverso le correlazioni psicologiche del neofigurativo informale. Negli ultimi anni ha introdotto la come mezzo di supporto figurativo nel suo lavoro, con l'aggiunta di elementi materici che consentono una lettura stratificata nel processo creativo. 

IVO COTANI @ivo_cotani
Ivo Cotani è un artista poliedrico: pittore, performer, speaker. Totalmente affine nella relazione arte-gioco, nella sua pittura utilizza uno stile è naïf e leggero, infantile e kitsch, veloce e fresco. Vive e lavora tra Ascoli, Roma, Treviso e Madrid.

DUMINDA @duminda.moods
Poeta del visivo, DuminDa, nato nello Sri Lanka, crea opere tridimensionali, “swinging” tra sogno e realtà, oriente e occidente, con stili sempre diversi, seguendo solo il suo istinto, il battito scandito della sua musica interiore, l'ispirazione del momento, i suoi stati d'animo/MOODS, per condividere un momento di magia, un bene dello spirito, il mantra di una meditazione. Vive e lavora a Roma. 

INFO
THE ARCHETYPISTS DI VIA GIULIA
Luisa Valeriani | LA MAGA
DuminDa | L'INNOCENTE
Ivo Cotani | L'INNAMORATO

 

Concept e Curatela
Sara Corti
Art Manager e Coordinator
Lucia Valeriani

Incontro 12 novembre ore 18.00 – 22.00
Degustazione di Prosecco NAJMA

 

Spazio DuminDa
Via Giulia 187a/b – Roma
24 ottobre – 12 novembre 2022
Orari: dal lunedì alla domenica 15:00 – 20:30

Sponsor Tecnico
Lightsky Consulting
Lightsky Consulting Italia è una realtà multidisciplinare che offre servizi professionali di consulenza private e corporate: Business Strategy, Finance e Family Business, Art and Finance e Integrated Communication.
Contatti
Spazio DuminDa
M. (+39) 3492470928

Ufficio Stampa
Roberta Melasecca Melasecca PressOffice – Interno 14 next

 

 

 

fonte: Roberta Melasecca

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento