“Mezzogiorno universitario”: alla Sapienza la mensa diventa palcoscenico per giovani talenti

Sapienza, con “Mezzogiorno universitario” la mensa diviene il palcoscenico per i giovani talenti della musica.
Grazie all’intesa fra la Vivenda Spa e Lazio Disco, per tutto l’anno accademico l’emittente locale Radio Roma Capitale trasmetterà i brani inediti degli studenti universitari, divenendo allo stesso tempo un salotto di approfondimento sui temi e le attività legati al mondo universitario. Il live show sarà ogni martedì dalle 12 alle 14 nel refettorio della Sapienza a Castro Laurenziano

“Tre, due, uno, on air!”. Per il secondo anno consecutivo la mensa universitaria della Sapienza, gestita dalla Vivenda Spa, si trasformerà nello studio radiofonico di Radio Roma Capitale con una grandissima novità: per la prima volta, infatti, la nota emittente capitolina diffonderà sulla sua frequenza FM 93 Mhz i brani inediti degli studenti. Non sarà più quindi soltanto un momento conviviale per intervistare i grandi protagonisti della vita universitaria della Sapienza o per approfondire tutte le attività in programma, ma anche per far conoscere e promuovere i giovani talenti della musica. Dando così a tutti la possibilità di condividere note e parole delle proprie creazioni.
Il format “Mezzogiorno Universitario”, voluto fortemente dalla Vivenda Spa insieme a Lazio Disco, è ormai conosciutissimo dal popolo studentesco. Sarà trasmesso live ogni martedì dalle 12 alle 14 per chi pranzerà alla mensa di Castro Laurenziano e, in differita, ogni venerdì dalle 14 alle 16 sulla frequenza di Radio Roma Capitale.
Per gli studenti della Sapienza la mensa di Castro Laurenziano non sarà più soltanto il luogo dove pranzare insieme ai colleghi. Per tutto l’anno accademico il refettorio si trasformerà in un enorme palcoscenico dove si alterneranno ai microfoni studenti, professori e personaggi dello show-biz universitario con incursioni bonarie fra i tavoli per coinvolgere attivamente i ragazzi. L’obiettivo è creare ancor più socialità in uno dei momenti di aggregazione maggiormente caratterizzanti la vita degli studenti universitari: il pranzo a mensa.
La scelta di realizzare un format radiofonico risiede principalmente nelle caratteristiche proprie della radio, che a differenza di altri mezzi di comunicazione può essere fruita contemporaneamente allo svolgimento di altre attività, come, in questo caso specifico, il pranzo. La trasmissione accompagnerà il pasto degli studenti in modo coinvolgente, ma al tempo stesso non invadente. Tra le finalità del programma, infatti, c’è anche quella di avvicinare le giovani generazioni al mezzo radiofonico, uno strumento di comunicazione che nasce nel secolo scorso ma che negli ultimi decenni ha saputo integrarsi alla perfezione con le tecnologie digitali, la rete e i social network, dando vita a fenomeni come il podcasting e la visual radio.
Nel corso delle venti puntate in programma sarà data inoltre ampia visibilità alle iniziative di studenti che hanno desiderio di far conoscere la propria attività artistica, letteraria o sportiva. Saranno lanciati anche dei contest, aventi a tema anche i menù della mensa universitaria. Una parte della trasmissione sarà inoltre dedicata allo “sportello dello studente” in cui saranno raccolte segnalazioni, domande e dubbi degli studenti. Quesiti relativi anche ai temi di diritto allo studio e borse universitarie che troveranno una risposta nell’intervento in trasmissione di un rappresentate delle istituzioni accademiche.

Fonte: Federico Maselli

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.