Colapesce Dimartino: spostata la data del concerto a Roma

COLAPESCE DIMARTINO: POSTICIPATO IL CONCERTO DI ROMA DEL 1 DICEMBRE ALL'ATLANTICO
La data è spostata a sabato 22 giugno alla Cavea Auditorium Parco della Musica di Roma

Nonostante gli innumerevoli sforzi volti a far sì che questo show potesse svolgersi, si comunica che, per motivi legati all'impossibilità di apertura dell'Atlantico, il concerto di Colapesce Dimartino previsto venerdì 1° dicembre 2023 è spostato a sabato 22 giugno alla Cavea Auditorium Parco della Musica di Roma. Nessuna responsabilità è da attribuirsi agli artisti, al loro management e all'agenzia. I biglietti acquistati rimangono validi, gli acquirenti riceveranno in automatico un nuovo biglietto sulla mail usata per l'acquisto.

I biglietti per la nuova data saranno disponibili in vendita generale online dalle 14 di giovedì 30 novembre.

Il “Club Tour 2023” di Colapesce Dimartino, dopo lo straordinario debutto sold out all'Estragon di Bologna, proseguirà il prossimo giovedì alla Casa della Musica di Napoli, il 4 dicembre al della Concordia di Venaria (TO), il 5 all'alcatraz di Milano, il 13 e 14 dicembre a I Candelai di Palermo (entrambe sold out) e si concluderà il 15 dicembre al Land di Catania (anch'essa sold out).

Per maggiori info scrivere a VivoConcerti

Fonte: Stefano DIMARIO

About EZrome

Check Also

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Expo – Teatro Italiano Contemporaneo illumina il Teatro Belli

#ExpoTeatroItaliano #TeatroBelli #CulturaContemporanea #EZrome "Expo – Teatro Italiano Contemporaneo" al Teatro Belli di Roma: "Poi dice che uno beve" e "Shame Culture" esplorano le sfide della vita moderna e il dialogo intergenerazionale, offrendo uno sguardo profondo sulla società attraverso il teatro.