Mercoledì, 20 Giugno 2018

hm_cinaTempo di saldi nella capitale, e mai come in questo momento i negozi del centro e dei maggiori centri commerciali romani sono presi d'assalto. E' proprio in periodi come questi che viene la voglia e vale la pena spendere, perché magari si sta preparando la valigia per le vacanze e ci manca proprio quell'abitino sfizioso da mettere al mare o quel bikini colorato da sfoggiare in spiaggia; e che c'è di meglio se non entrare in un negozio già conveniente di suo, che in periodo di saldi diventa una vera e propria caccia all'affare!
Tanti sono a Roma i negozi di questo genere, soprattutto per i vicoli del centro, ma sono i grandi punti vendita low cost di fama mondiale ad attirare il maggior numero di clienti, sia romani doc che stranieri. Le ragioni possono essere varie, la più ovvia è che nomi come Zara, H&M e Mango sono, soprattutto per ragazze e teen ager, garanzia di sicuro successo, vestendo alla moda ma a prezzi contenuti.

negozio_zaraTutti conosciamo bene questi brand (soprattutto c'è molto feeling tra le nostre carte di credito e l'imprinter usato per strisciare), ma quanti di noi consocono nei dettagli la storia e gli aneddoti tramite cui questi marchi hanno scalato le vette dell'abbigliamento low cost nel mondo? Ecco una breve rassegna...

H & M
opera oggi in 34 paesi, con 1700 negozi e 73.000 dipendenti che lavorano tutti con la stessa filosofia: portare la moda e la qualità al prezzo migliore. L'acronimo H & M sta per Hennes & Mauritz è una società di abbigliamento svedese, noto in tutto il mondo per un abbigliamento pratico e veloce, ma allo stesso tempo chip and chic.
La società è stata creata a Västerås, Svezia, nel 1947 da Erling Persson, rivolta solo alle donne, e con il nome Hennes, che in svedese significa "suoi".
Nel 1968, Persson ha acquisito i locali e l'inventario di un magazzino attrezzato a Stoccolma di proprietà di Mauritz Widforss, che richiese di espandere le vendite all'abbigliamento maschile.
Di conseguenza, ha rinominato il negozio Hennes & Mauritz, poi abbreviata in H&M.
Il primo negozio inaugurato all'estero è stato nel Regno Unito. Poi dal 1964 in poi, H&M ha avviato un importante programma di espansione in Europa, tra cui il Portogallo, il Regno Unito, Norvegia, Danimarca, Svizzera e Germania. Nel 1990, sono stati aperti i primi negozi in Finlandia, Francia, Belgio, Austria e Paesi Bassi.
H&M ha continuato ad espandere la propria attività e oggi, ha la più vasta rete di negozi di abbigliamento d'Europa, espandendosi poi anche negli Stati Uniti e in Asia nei primi anni 2000.
negozio_hm_350A Roma i punti vendita H&M sono al Centro Commerciale Cinecittà 2, in via Palmiro Togliatti 2, al Centro Commerciale Porta di Roma, zona Bufalotta, in via Alberto Lionello 201, al Centro Commerciale Roma Est, zona Lunghezza, in via Collatina, al Centro Commerciale Euroma 2, in via Cristoforo Colombo 714. L'unico negozio H&M al centro, si trova a via del Corso 511/512.

Zara è la catena di magazzini di proprietà del Gruppo Inditex dal magnate spagnolo Amancio Ortega, che possiede anche marchi quali Massimo Dutti, Pull and Bear, Oysho, Uterqüe, Bershka e Stradivarius. Il gruppo ha sede a La Coruña, Galizia, Spagna, dove il primo negozio Zara ha aperto nel 1975. Pare che Zara abbia bisogno di solo due settimane, per sviluppare un nuovo prodotto, confezionarlo e distribuirlo nei negozi.
Ciò che ha reso Zara vincente è stata la sua insolita strategia, la sua politica a zero pubblicità, preferendo invece investire una percentuale dei ricavi nell'apertura di nuovi negozi.
Zara è stato descritto dal direttore moda di Louis Vuitton Daniel Piette come "la più innovativo rete di vendita d'abbigliamento del mondo", e dalla CNN come una "storia di successo spagnolo".
I punti vendita Zara sono invece al Centro Commerciale Roma Est, zona Lunghezza, in via Collatina Km 12.800, al Centro Commerciale Leonardo, in via Portuense 2000, al Centro Commerciale Euroma, viale dell'Oceano Pacifico 83, Centro Commerciale Cinecittà 2, viale Palmiero Togliatti 2, a via del Corso 129-135 e alla Galleria Alberto Sordi in via del Corso 64.

Nel 1992 è stato inaugurato in Spagna il negozio Mango numero 99 e, da quel momento in poi, è cominciata l'espansione internazionale grazie all'apertura di due negozi in Portogallo, e successivamente in Francia. Nel 1997 il volume d'affari generato all'estero superò per la prima volta quello nazionale, e nel 2001 raggiunse il 68% del totale. Attualmente ci sono circa 1220 negozi Mango/Mng in un totale di 91 paesi. L'obbiettivo Mango è quello di essere presenti in tutte le città del mondo.
Nel 2007 è stato lanciato il più grande premio internazionale per stilisti emergenti, MANGO Fashion Awards, ed è stato aperto il più grande centro di design in Europa, L'Hangar Design Center.
Nello stesso anno Mango ha iniziato a lavorare con i progettisti esterni e con il sostegno delle celebrità come Milla Jovovich, Elizabeth Hurley e Penelope e Monica Cruz.
Nella capitale i negozi Mango si trovano presso il Centro Commericle Euroma 2, in viale Oceano Pacifico 83, in via Cola di Rienzo 156 e in via del Corso 170-170/A .

Le fashion victim possono inoltre star tranquilli perché se è vero che ci sono due o tre regole basilari per non farci fregare in tempo di saldi, è anche vero che da Zara, Mango e H&M si può stare tranquilli perché sono sempre o quasi esposti capi della nuova collezione, si trova il cartellino con su indicato il prezzo pieno e la percentuale di sconto, ed è possibile quasi ovunque sostituire la merce fallata. A dimostrazione che il successo è sempre sinonimo di trasparenza.

Perciò che dire...buono shopping a tutti!

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.