Giovedì, 29 Settembre 2022

amazon prime video

La Salute incontra I Diritti Umani: Mutilazioni femminili e salute riproduttiva. D’AMATO: A FINE MESE PRESENTEREMO IL PRIMO RAPPORTO SULLA SALUTE DI GENERE

In occasione della Giornata Internazionale della Donna che si celebra l'8 marzo, l'AO San Giovanni Addolorata in collaborazione con il Movimento Uniti x Unire dedica al tema della salute femminile l'evento "La Salute incontra i Diritti Umani. Le mutilazioni genitali femminili e la salute riproduttiva".
Presenti all’evento, che si svolgerà il prossimo 8 marzo dalle 10 alle 13 presso la Sala Folchi del Complesso monumentale del San Giovanni Addolorata. l’Assessore Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, il Direttore Generale dell’AO San Giovanni Addolorata Tiziana Frittelli, il Presidente Uniti x Unire e AMSI Foad Aodi e l’Assessore Salute e Politiche Sociali Comune di Roma, Barbara Funari.

“La Salute incontra i Diritti Umani” sta a significare “autodeterminazione”. Obiettivo è mettere in luce un ambito specifico e legato ai diritti di cura della sfera sessuale e riproduttiva. Troppo spesso si dimentica che, in alcuni paesi, la donna è ancora vittima di rituali violenti quali le mutilazioni genitali femminili. Per diverse culture, questo è un rito di passaggio importante che ogni donna deve affrontare nella vita e, perciò, paradossalmente un momento da “festeggiare”. Per evitare l’emarginazione dalla comunità, milioni di donne sono ancora costrette a sottoporsi a tale pratica che rappresenta per tutte un immenso trauma, oltre a una evidentissima violazione dei diritti delle donne, ancora bambine quando subiscono questa forma di violenza.
“Dal San Giovanni oggi parte un appello alla Pace, le conseguenze di questa guerra le stanno pagando soprattutto le donne e i bambini. Le mutilazioni genitali femminili rappresentano un rituale violento ancora purtroppo diffuso in molti paesi e che vede vittime molte, troppe donne. – ha spiegato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Qui al San Giovanni verrà istituito un Help Desk per fronteggiare queste pratiche illegali e a fine mese presenteremo il Primo Rapporto sulla Salute di Genere”.

“L’iniziativa - sottolinea Tiziana Frittelli Direttore Generale del San Giovanni Addolorata – nasce con l’obiettivo di contribuire a promuovere i diritti di cura della sfera sessuale e riproduttiva contro la violenza e diventa occasione di dibattito e confronto attraverso esperti e testimonianze per tracciare un’analisi dal punto di vista sociale, legislativo e medico sanitario. Dedichiamo questa giornata a tutte le donne che stanno vivendo la guerra, con un pensiero particolare e tutta la nostra vicinanza alle donne ucraine”.
“Una società multietnica offre opportunità di crescita per tutti. - dichiara Barbara Funari Assessore Salute e Politiche Sociali Comune di Roma - Uno dei temi critici emersi negli ultimi anni riguarda la tradizione di pratiche di violenza sulle donne come la mutilazione genitale femminile, in uso presso diverse etnie dell’Africa e dell’Asia, e continuata anche da alcune comunità presenti in Italia. Gli obiettivi che dobbiamo perseguire sono la prevenzione e il contrasto del fenomeno attraverso forme di educazione sociale che possono contribuire alla sensibilizzazione delle famiglie. La rete dei servizi (sociali, sanitari, giudiziari) del territorio, in stretta collaborazione con mediatori culturali specializzati, rappresenta il percorso più opportuno per aiutare queste donne”.
"Ringrazio la Regione Lazio, l'Assessore D'Amato e il Direttore Generale dell'Ospedale San Giovanni per aver organizzato questo convegno importante dove è fondamentale ribadire No alla MGF e combattere ogni forma di violenza sulle donne e sulle bambine. E' infatti una violenza attroce costringere le ragazze a metodiche vietate e senza il loro consenso, metodiche che vanno bandite dal punto di vista legislativo e sanitario da tutto il mondo. Propongo di istituire con la Regione Lazio e Amsi e Uniti per Unire un Osservatorio Anti-Mutilazioni Genitali Femminili per promuovere formazione, istruzione, comunicazione e protezione a livello nazionale e internazionale" Cosi dichiara il Prof.Foad Aodi presidente Amsi e Uniti per Uniti che denuncia "ci sono 30 per cento di 80mila ragazze tra 12-20 anni a rischio. No alle cure fai da te!"

8 marzo 2022

 

 

Fonte: Giuseppina Monetini

Ultime da ARvis.it

ARvis.it Blog

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.