Lunedì, 22 Ottobre 2018

Farnesina1Internamente, rispetto a Lungotevere della Farnesina, dopo Via della Lungara, all’altezza di Via della Penitenza, tra il 1879 e il 1895, durante i lavori di arginatura del fiume Tevere, fu “rinvenuta” parzialmente, ma andò anche distrutta, Villa della Farnesina.

Durante gli scavi furono recuperate le pitture parietali e gli stucchi delle volte che ornavano gran parte degli ambienti della Villa, oltre che alcuni mosaici pavimentali. Oggi, è possibile ammirare questi reperti al Museo Nazionale Romano, o Palazzo Massimo, dove sono esposti.

Farnesina2Nell’allestimento museale le decorazioni asportate da Villa della Farnesina sono state ricomposte in stanze ricostruite secondo le dimensioni originarie. Si è cercato di ricreare, infatti, la sequenza delle percezioni visive che si potevano avere in antico, percorrendo la lunga galleria del criptoportico fino al giardino, dove si affacciavano il triclinio invernale e due cubicoli dalle pareti rosso cinabro, per poi raggiungere, attraverso un altro corridoio, un terzo cubicolo.
“Tra le pitture, di alto livello qualitativo e frequenti motivi egittizzanti e allusioni alla propaganda augustea, sono di particolare interesse quelle del criptoportico, del triclinio e di un cubicolo.” (Guida insolita ai luoghi, ai monumenti e alle curiosità di Roma antica, Tradizioni Italiane Newton, 2011) E gli svariati richiami al mondo egiziano, presenti nelle decorazioni della Villa vengono letti, da più parti, come la celebrazione della conquista dell’Egitto.

Al momento della sua scoperta la Villa fu identificata come risalente all’epoca augustea. In una fase successiva, invece, venne collocata alla metà del I secolo a.C. Si pensò, quindi, di identificarla come Villa posseduta da Clodia, sorella del tribuno della plebe e nemico di Cicerone, Clodio.

Un’altra modo di leggere la presenza della Villa ai margini del Tevere vede il proprietario nel generale Marco Vipsanio Agrippa. La dimora fu fatta costruire in occasione delle sue nozze con Giulia, la figlia di Augusto, nel 21 a.C.

La Villa venne , comunque, abbandonata molto presto a causa delle continue, abbondanti e disastrose inondazioni del Tevere.

La bellezza maestosa e caparbia di Villa della Farnesina è in mostra in tutta la sua grandiosità a Palazzo Massimo, accanto alla Stazione Termini. Dove la ricostruzione degli ambienti di una delle più “lussuose” residenze d’età augustea è costata alla Sopraintendenza Archeologica di Roma ben 300 mila euro. Ed è stata resa visitabile al pubblico solo nel mese di luglio del 2010.

Farnesina3Il pubblico ripercorrendo il Criptoportico della Villa che collegava due ali della casa viene introdotto ai due Cubicula, stanza da letto. Sulle pareti spiccano scene con vasche con acqua zampillante ma ripercorrono anche gesta di vita quotidiana, temi legati alla mitologia teatrale, e scene dove gli uomini sono a torso nudo e di pelle scura, mentre, le donne coperte da veli sono di pelle più chiara.

Sul pavimento, poi spiccano mosaici policromi di cubi.

Quella che un tempo era una splendida residenza romana, circondata da giardini lussureggianti, in una zona in cui proliferavano le attività artigianali, oggi, è possibile ammirarla attraverso un viaggio nel tempo in un percorso suggestivo solo a Palazzo Massimo. E quella sensazione, solo visiva, di poter vivere per qualche minuto lo splendore e lo sfarzo che furono tipici di una epoca resta addosso anche varcata la soglia d’uscita.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.