Lunedì, 23 Maggio 2022

amazon prime video

Poster Habemus PapamNon tutti i film diventano eventi prima ancora di uscire nelle sale e ciò accade, principalmente, per quelli diretti dai grandi registi, o che comunque trattano tematiche discutibili e molto in voga al momento. Ogni film di Nanni Moretti accende il dibattito ed i critici cinematografici si divertono quasi nel dare anticipazioni sulla trama, oppure qualche piccolo retroscena della lavorazione. Così è avvenuto anche per l'ultimo “Habemus Papam” che, tanto per cambiare, ha diviso la critica ed il pubblico. C'è chi addirittura ha utilizzato il termine “capolavoro”, chi ha sottolineato il desiderio del regista di attaccare la Chiesa e chi, invece, ha espresso giudizi negativi sui singoli personaggi o su certe scene troppo paradossali. Insomma, un po' tutti si sono sbizzarriti con la personale interpretazione del film e questo ha, senza dubbio, favorito la promozione del film.

Che ruolo può avere “Habemus Papam”, se così si può dire, nella filmografia di Moretti? Non c'è l'attacco frontale presente ne “Il caimano”, neppure la tragicità de “La stanza del figlio” e siamo distanti da contenuti ed atmosfere dei suoi primi film. “Habemus Papam” è, quindi, un'opera che si distingue, un capitolo isolato. Non è difficile individuare il fulcro del film: la crisi di un Papa appena eletto. Nessun attacco alla Chiesa di Roma, come ha più volte rimarcato lo stesso regista, ma c'è soltanto l'intenzione di sottolineare la fragilità e, dunque, l'umanità, di un pontefice. L'idea è originale, poco da dire, eppure il risultato non è dei migliori. Il ruolo dello psicanalista Brezzi, interpretato dallo stesso Moretti, è piuttosto marginale ed i suoi dialoghi col Papa sono banali e non incidono. Insomma, poteva tranquillamente non esserci questo psicoanalista, tuttavia non ci sarebbe stato spazio per il Moretti attore e questo, forse, non sarebbe stato concepibile. Non è possibile fare a meno di citare la scena del torneo di pallavolo che ha coinvolto i cardinali. Una scena quasi interminabile e il sorriso iniziale si perde, arrivando perfino all'irritazione. I cardinali sono rappresentati come teneri vecchietti e non c'è un, seppur minimo, tratto di austerità. Siamo nel periodo immediatamente successivo al conclave e tutti sembrano non percepire la solennità del momento con l'eccezione, chiaramente, del nuovo Papa, che fatica parecchio a gestire l'emotività e, alla fine, decide di scappare dalle sue responsabilità.
E'Michel Piccoli Cannes 2011 forse la figura del pontefice il vero punto di forza di tutto il film e ciò è dovuto, come l'unanimità della critica ha pure riconosciuto, alla grande bravura di Michel Piccoli. L'attore francese riesce a risollevare un po' le sorti del film ed è merito, ovviamente, di Moretti quello di averlo voluto come protagonista. Un ruolo delicato il suo, ma egli è abile nel mostrare l'insicurezza di questo Papa, il panico che lo coglie dopo la proclamazione. Una grande responsabilità può schiacciare qualsiasi persona, costringendola perfino ad una fuga improvvisa. Così è accaduto al nuovo pontefice, che decide di avventurarsi, simile ad un vagabondo, per le strade di Roma. Lo vediamo prendere l'autobus, assicurarsi una camera di un albergo ed assistere, infine, ad uno spettacolo teatrale. Il contatto con la realtà gli serve, diciamo, per prendere la decisione finale, una decisione che dovrà comunicare al cospetto dei cardinali.
Ottime erano, perciò, le intenzioni iniziali del film, ma Moretti ha voluto aggiungere elementi superflui ed ha caratterizzato male alcuni personaggi. “Habemus Papam” si sostiene grazie ad un bravissimo Piccoli e, chiaramente, alle location. Non poteva che essere Roma, la città dove poter girare questo film. A Palazzo Farnese, ad esempio, è stata girata la scena del primo incontro fra il Papa e lo psicanalista. Altre location sono state Villa Medici, Palazzo Barberini e Villa Lante di Viterbo. Per quanto riguarda, invece, la Cappella Sistina e altri ambienti del Vaticano, ci si è dovuti avvalere di mirate ricostruzioni a Cinecittà.
Tirando le somme, l'ultimo film di Moretti non è proprio un capolavoro e neppure vuole essere una critica alla Chiesa. Aspetti della religione, i soliti discorsi sulla laicità dello Stato, l'attacco ai dogmi del Cattolicesimo, non sono qui affatto presenti. Moretti ha scelto di parlare della fragilità di un Papa e della grande responsabilità che il suo compito comporta. Tutto qui, inutile creare polemiche su cose che non esistono o, addirittura, inventarsi un capolavoro che non c'è.

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.