Inferno Poster

Inferno, atmosfere oscure e, soprattutto, tante idee…

Inferno PosterGuardare indietro spesso non porta a granché di positivo, perché recriminare serve a poco, gli sbagli oramai sono assodati e la troppa malinconia corrode l'animo. Tuttavia, in certi casi può servire per tirare un po' le somme e guardare all'oggi o, meglio, a come si è diventati oggi. Questo vale pure nel lavoro, nella carriere magari piuttosto lunghe. Si inizia in sordina, poi il grande e meritato successo, infine il declino che sembra inesorabile. Prima sei quasi un genio e poi divieni uno qualsiasi? Ebbene, ciò può accadere, eccome. Un esempio, ma ce ne sono diversi, è la carriera di Dario Argento, un nome che fa (diciamo faceva) tremare i polsi a molti.

La sua storia può essere suddivisa in due parti: la prima dall'esordio col lungometraggio, “L'uccello dalle piume di cristallo” (1970), la seconda da “Trauma” (1993) fino ai nostri giorni. Tirando le somme notiamo grandissimi film nella prima parte della carriera, un declino spaventoso nell'ultima. Per poter spiegare meglio tutto ciò, non servono chissà quali teorie di critica cinematografica, o addirittura esistenziali, bensì comparare due film: “Inferno” (1980) e “La terza madre” (2007). Del secondo film abbiamo già parlato, mentre di “Inferno” si potrebbe azzardare a dire che si tratterebbe di un film diretto da altro regista che di nome fa comunque Dario Argento. Eppure, del medesimo regista si tratta, purtroppo.
“Inferno” è il secondo capitolo della cosiddetta Trilogia delle Tre Madri (il primo è “Suspiria” del 1977, mentre l'ultimo è il già citato “La terza madre”), incentrata sulla triade di antiche e malvagie streghe, che con i loro poteri possono arrivare a manipolare gli del mondo su scala globale, seminando comunque morte e distruzione.
In “Inferno” troviamo Mater Tenebrarum, la cui casa si trova a New York (è stato l'architetto italiano Emilio Varelli ad occuparsi della costruzione delle dimore delle streghe, precisamente a Friburgo, Roma e New York). Ed è proprio una poetessa newyorkese, Rose Elliot (Irene Miracle) ad acquistare un libro antico intitolato “Le Tre Madri”, scritto da Emilio Varelli, l'architetto alchimista di cui si sono perse le tracce. Questo testo racconta l'incontro di Varelli con le tre Madri: Mater Suspiriorum, la Madre dei Sospiri, Mater Lacrimarum, la Madre delle Lacrime e Mater Tenebrarum, la Madre delle Tenebre. La donna inizia ad aver paura, perché capisce di abitare nella casa di New York dove vivrebbe una di queste streghe. Rose inizia così a perlustrare il suo palazzo, scoprendo nei sotterranei un pozzo dentro il quale le cade il portachiavi (questa è una delle scene più riuscite del film). Rose cerca, quindi, di riprenderlo immergendosi nell'acqua, tuttavia vi scopre che il pozzo nasconde un grande appartamento completamente sommerso, nel quale rinviene un corpo decomposto. La donna finirà per essere uccisa e la scena si sposta poi a Roma (il film è stato girato prevalentemente nei teatri di posa di Cinecittà, mentre il palazzo di New York si trova in piazza Mincio) dove abita Mark (Leigh McCloskey), il fratello di Rose, aspirante musicista e studente che, preoccupato per una strana lettera ricevuta proprio dalla sorella, decide di recarsi a New York. Nel frattempo, sempre a Roma, Sara (Eleonora Giorgi), una ragazza amica di Mark, che aveva letto la lettera dimenticata dal ragazzo, ed un suo vicino di appartamento, Carlo (Gabriele Lavia), vengono brutalmente uccisi da un'entità malvagia. Per Mark sarà l'inizio di un incubo, perché avrà occasione di capire che Rose non era preda di visioni assurde e la realtà, in questo caso, supera l'immaginazione. Uno degli gli abitanti dell'inquietante palazzo di Rose, il Dott. George Arnold (Feodor Chaliapin Jr.) costretto su di una sedia a rotelle, si rivelerà essere l'architetto Varelli, colui che ha costruito la dimora di New York, proprio dove viveva Rose ed in quel palazzo risiede la perfida Mater Tenebrarum, personificazione pure della Morte stessa. Come finirà?
Dario Argento Cannes 2012Non si svela il finale, ma ciò che appare chiaro è la bravura del regista nel creare atmosfera oscura, il tutto impreziosito dalla bravura degli attori. Notevole è, senza dubbio, il lavoro svolto nello studio dei colori impiegati nella di scena, un aspetto che ricorda da vicino quanto fatto egregiamente in “Suspiria” e da menzionare c'è anche la bellissima colonna sonora composta dal tastierista inglese Keith Emerson (qualcuno ha nominato i mitici Emerson, Lake & Palmer, tra i massimi esponenti del progressive rock?). Argento abbandona definitivamente il thriller dei primi film, per abbracciare l'horror sovrannaturale pieno comunque di scene violente. La critica si è divisa su “Inferno”, ritenuto magari meno di atmosfera rispetto al precedente “Suspiria”. Tuttavia, siamo di fronte ad un Dario Argento ancora in forma e pieno di valide idee, aspetti purtroppo perduti dal 1993 in poi. “La terza madre” sembrerebbe, perciò, essere diretto da regista differente ed invece è sempre lo stesso dei primi due capitoli della Trilogia. La vecchiaia che avanza? Non convince molto questa ipotesi, perché in giro ci sono ancora validissimi registi non proprio giovani, basti pensare a Michael Haneke, Manoel de Oliveira, Alain Resnais…
Ed allora cosa può essere accaduto a colui che ha diretto un gioiello come “Profondo rosso”? Probabilmente le idee sono finite e ci si ostina a voler osare anche su terreni difficili (ricordiamo il disastro de “Il fantasma dell'Opera” del 1998), oppure si tenta di tornare a determinate atmosfere da thriller, ma con risultati mediocri (“Giallo” del 2009). Ed adesso il regista è pronto a mostrarci il suo “Dracula” in 3D, tuttavia si ha l'impressione che quasi nessuno creda nel miracolo, quindi un film girato come si deve e, soprattutto, caratterizzato dal tocco di regia tipico dei bei tempi.
Dario Argento dovrebbe allora guardare indietro, ripercorrere mentalmente la sua carriera e tirare le somme. Continuare a farsi del male è tutto tranne che positivo. Le idee o ci sono, oppure non ci sono più. Farsene una ragione, ecco.

About Redazione

Check Also

Mapping Ego: un viaggio nell’identità artistica contemporanea

#artecontemporanea #mostraRoma #identità #EZrome La mostra "Mapping Ego" presso la galleria Rossocinabro di Roma esplora il tema dell'identità attraverso le opere di artisti internazionali. Curata da Cristina Madini, l'esposizione sarà aperta dal 22 luglio al 30 agosto 2024, dal lunedì al venerdì, dalle 11:00 alle 17:00. Ingresso libero.

Melodie in Villa: BabelNova Orchestra in concerto a Villa Fiorelli

#MusicaEtnica #MelodieInVilla #BabelNovaOrchestra #EZrome Il 14 luglio, la BabelNova Orchestra inaugurerà la quarta settimana di "Melodie in Villa" con un concerto a Villa Fiorelli. L'evento, a ingresso libero e gratuito, offrirà un viaggio musicale attraverso le sonorità etniche di tutto il mondo. La rassegna, parte dell'Estate Romana 2024, continuerà fino al 28 luglio con vari concerti nei parchi di Roma.