Roma Sotterranea. Case romane del Celio, sabato 10 agosto

Sul Celio, sotto la splendida chiesa dedicata ai due martiri Giovanni e Paolo, si celano delle case romane, caratterizzate da numerosi vani con suggestive pitture parietali.

In realtà si tratta di una serie di strutture che si sono susseguite nel tempo a partire dal II secolo d.C. e che testimoniano in modo pregevole i cambiamenti all'interno della società romana, soprattutto con l'avvento della nuova religione cristiana. Caratteri pagani si mescolano e spesso confondono con i primi simboli legati alla fede in Cristo, in un panorama complesso ma molto affascinante, che caratterizza gli anni tra il III e i IV secolo. Un viaggio nel passato tutto da scoprire e percorrere, grazie alle oltre venti stanze visitabili che offrono un quadro d'insieme davvero sorprendente!

Quando
Sabato 10 Agosto 2019 alle ore 10:15

Dove
Piazza dei Santi Giovanni e Paolo al Celio, davanti all'ingresso delle Basilica

Costi
Quota di partecipazione euro 10 a persona, più il costo del biglietto di ingresso (intero € 6; gratis under 12). La prenotazione è obbligatoria.

Info e prenotazioni
“L'Asino d'Oro” Associazione Culturale
cellulare: 346 5920077

About EZrome

Check Also

enCICLOpedia: Le cose che dovresti sapere sulla giustizia mestruale

#giustiziamenmstruale #WeWorld #povermestru #EZrome La recente indagine di WeWorld, "enCICLOpedia. Le cose che dovresti sapere sulla giustizia mestruale", evidenzia come quasi una persona su sei in Italia dichiari di non poter acquistare prodotti mestruali. Il rapporto sottolinea la necessità di un congedo mestruale e lancia una campagna di sensibilizzazione per promuovere la giustizia mestruale.

OxidAction / Relocating film decay: la nuova mostra multimediale a Roma

#Mostre #Roma #OxidAction #EZrome "OxidAction / Relocating film decay", la nuova mostra multimediale a Roma, inaugura il 7 giugno presso la Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ETS. Parte dell'iniziativa Archivissima - La notte degli archivi, la mostra esplora il degrado delle pellicole cinematografiche della Prima Guerra Mondiale in un percorso sensoriale tra fotografia e cinema.

Lascia un commento